16 giugno 2016

ETNA - una impressionante nuvola discoidale sovrasta per ore il vulcano


Una spettacolare nuvola lenticolare ha sovrastato l'Etna per diverse ore nella giornata del 14 giugno scorso.
Un fenomeno affascinante che ha attirato l'attenzione dei catanesi che hanno potuto assistere a questo spettacolo della natura.La nuvola e' rimasta sospesa sulla vetta del cratere come un enorme astronave extraterrestre.






10 commenti:

Toni ha detto...

Affascinante e innaturale aggiungerei..

Anonimo ha detto...

Immagini spettacolari, sembra che questo tipo di nubi si formi spesso in prossimità dei vulcani, ma sulle dinamiche ci sono ancora tanti punti interrogativi.

Anonimo ha detto...

Info news: Punta Raisi oggi 48 gradi centigradi Celsius (circa 118,4 gradi Fahrenheit).

Anonimo ha detto...

TONI, si sono affascinanti ed aggiungerei naturalissime!Anonimo delle 20:36 si sono immagini spettacolari e la maggior parte delle volte si formano sui rilievi montuosi superiori ai 1500-2000 metri e sulle dinamiche NON ci sono punti interrogativi!!Quelle nubi si chiamano altocumuli lenticolari e possono formarsi anche a più piani sopra una barriera orografica; l'aria che si scontra contro la barriera tende a superarla dando origine a propagazioni ondulatorie, simili a quelle delle onde marine(vengono chiamate onde orografiche), esse quando salgono lungo la cresta tendono a dilatarsi e raffreddarsi, condensando il vapore dando vita alla nube, quando l'aria scende allo stesso livello della formazione sulla cresta opposta, essa si scalda e tende a dissolvere la condensa, ecco formato l'altocumulo lenticolare.Niente di strano e innaturale e tutto conosciuto; tranquilli dentro la nuvola non cè nessuna navicella spaziale o robe simili ahahah!Saluti.

Anonimo ha detto...

48 gradi in Sicilia? Qui al nord sembra autunno.... stagioni oramai falsate del tutto

Anonimo ha detto...

Alieni che fanno una grigliata sul mongibbeddu

Anonimo ha detto...

08:12 ahahah andiamo e portiamo le birre :)!11:33 credo che i 48 gradi fossero dipesi dagli incendi uniti allo scirocco, in realtà ieri a Punta Raisi erano 30 gradi effettivi(probabilmente con un tasso di umidità bassissimo fuori da ogni parametro di confort termico)...48 neanche nel deserto del Gobi!

Anonimo ha detto...

Ma nel deserto del Gobi le temperature non sono riggide? (Scusa la doppia lo so che non ci vuole ma in meridione parliamo così:)!

Anonimo ha detto...

In qualsiasi deserto al mondo le temperature notturne sono rigidissime, ma di giorno si raggiungono temperature positive altrettanto sconvolgenti; comunque se bisogna fare il pelo nell'uovo...si...ci sono deserti ben più caldi; ho detto deserto del Gobi in quanto è stato il primo a venirmi in mente ;).Tranquillo, anche io sono meridionale, ma non uso la doppia nella parola "rigide" con il mio dialetto.

Anonimo ha detto...

Vero! Di norma nel palermitano si usa! Saluti!

NUOVA ZELANDA: LAMPI DI LUCE SQUARCIANO IL CIELO DURANTE IL TERREMOTO!!!