13 gennaio 2016

Scienziato della NASA sostiene che viviamo in una prigione digitale progettata da entità aliene


Nel suo articolo, il filosofo britannico Nick Bostrom suggerisce la presenza di discendenti di una razza aliena estremamente evoluta che potrebbero nascondersi ed agire dietro alla nostra realta’ virtuale in cui viviamo.

Gli esseri umani del futuro potrebbero utilizzare la realtà virtuale per simulare un momento particolare del passato o ricreare l’ambiente in cui vivevano i loro lontani antenati . Immaginiamo per un attimo di vivere in una realtà simulata. Ogni rapporto, ogni sentimento, ogni ricordo potrebbe essere stato generato da un supercomputer estremamente avanzato. In altre parole, noi siamo il prodotto di una serie di codici di calcolo altamente avanzati.
Tutto questo potrebbe sembrare improbabile e essere la sceneggiatura di un film di fantascienza, anche se il dottor Boston che lavora per la NASA, ritiene che questa teoria potrebbe essere giusta.

Secondo L’espress , Rich Terrile, direttore del Centro per il calcolo evolutivo e Design automatico presso il Jet Propulsion Laboratory della NASA, ha discusso e affrontato la questione circa la simulazione digitale.Nella meccanica quantistica, le particelle non hanno uno stato ben definito e tanto meno possono essere osservate. Una spiegazione potrebbe essere che stiamo vivendo all’interno di una simulazione che ci fa vedere ciò che abbiamo bisogno di vedere .
Anche se facciamo parte di una simulazione costituita da più ordini di grandezza all’interno di livelli inferiori di simulazione, da qualche parte lungo la linea di confine che delimita questa realtà, qualcosa è sfuggito dal brodo primordiale facendoci diventare quello che siamo adesso .” Oggi giorno i supercomputer più veloci della NASA elaborano complessi calcoli, a una velocità doppia rispetto al cervello umano”, ha affermato lo scienziato della NASA .
Se si fa un semplice calcolo utilizzando la Legge di Moore (secondo la quale i computer raddoppiano le loro potenzialità , ogni due anni), vi accorgerete che questi supercomputer, all’interno di un decennio, avranno la possibilità di calcolare una vita intera di un uomo di 80 anni ,tra cui ogni pensiero mai concepito durante quella vita. Tutti questi calcoli verranno elaborati nel giro di pochi giorni. Se seguiamo l’idea del dottor Bostrom che il nostro Universo è solo una simulazione, creata da una supermente che ha generato un codice di calcolo in grado di risolvere una serie di incongruenze e misteri del cosmo potremmo chiederci se questa mente si trova fuori dalla simulazione di cui facciamo parte, e perché non riusciamo a vederla.
L’universo è incredibilmente grande, visto che è costituito da miliardi di stelle e ancor più da pianeti, quindi non è da escludere che da qualche parte possa nascondersi qualche forma di vita . Ma dove possiamo trovare queste tracce di vita aliena? Secondo il fisico Enrico Fermi (Il paradosso di Fermi) la dimensione apparente e l’età dell’universo suggeriscono che molte civiltà extraterrestri tecnologicamente avanzate dovrebbero esistere da qualche parte.
Tuttavia, questa ipotesi sembra scontrarsi con la mancanza di evidenze capaci di sostenere tale teoria .Oltre al nostro Sole che è una giovane stella, ci sono miliardi di altre stelle nella galassia che sono miliardi di anni più vecchi per cui probabilmente, alcune di queste avranno pianeti simili alla Terra.
Anche se la Terra potrebbe essere considerata unica nel suo genere, alcuni di questi pianeti possono benissimo sviluppare una forma di vita intelligente. Alcune di queste civiltà avrebbero potuto sviluppare il viaggio interstellare, una tecnologia che sulla Terra viene studiata solo adesso. Anche per la lentezza dei viaggi interstellari, la galassia potrà essere completamente colonizzata in poche decine di milioni di anni. Secondo questa linea di pensiero, la Terra potrebbe essere già stata colonizzata, o per lo meno visitata da altri viaggiatori spaziali. Enrico Fermi non ha dimostrato alcuna prova convincente atta a soddisfare questa teoria. Né sono stati individuati segni di intelligenze aliene altrove nella nostra galassia e nell’universo osservabile. Rimane il problema che ci si pone attraverso la seguente domanda: siamo soli nell’universo o siamo il prodotto di una supermente?
Se seguiamo la spiegazione di Enrico Fermi, potrebbe essere semplicemente che la Terra e l’umanità si trova veramente al centro dell’universo, anche se Nick Bostrom suggerisce che siamo il prodotto di un codice di calcolo altamente avanzato e che il genere umano sta vivendo in una prigionia digitale, una Matrice disegnata per soddisfare le esigenze degli alieni.

Nessun commento:

NUOVA ZELANDA: LAMPI DI LUCE SQUARCIANO IL CIELO DURANTE IL TERREMOTO!!!