Nuove misure di blocco potrebbero portare l'Europa alla catastrofe economica

 


07/10/2020 - L'aumento dei casi di Covid-19 in paesi come Francia e Spagna ha aumentato il rischio di nuovi blocchi.
I governi dovrebbero ormai aver capito che la chiusura dell'economia è altamente inefficiente e devastante per l'occupazione e la solvibilità delle imprese. Tuttavia, come abbiamo visto in Spagna, molti governi decidono semplicemente di avviare nuovi blocchi per dimostrare che stanno adottando misure aggressive, pur sapendo che queste generano effetti più negativi e non hanno alcun impatto reale sulla conservazione della salute. Invece di guardare agli esempi di Corea del Sud, Taiwan, Svezia o Austria, dove misure semplici ma efficaci hanno portato a una migliore gestione della crisi sanitaria, alcuni governi europei ignorano il disastro economico e sociale a lungo termine che la chiusura dell'economia ha creato e sembrano pronti a ripetere gli errori del passato.

L'errore di ignorare l'impatto economico della chiusura crea una crisi sociale che può durare molti anni.

Se l'economia europea era mal preparata per una serie di blocchi a febbraio, ora è ancora più debole. Ciò che ha creato una recessione di proporzioni inaspettate può generare una depressione che probabilmente durerà qualche anno.

Le economie europee non possono sopravvivere a una nuova serie di blocchi, anche se i governi li chiamano "mirati". Perché?

La solvibilità è peggiorata. Il sistema finanziario vedrebbe i crediti in sofferenza salire vertiginosamente in un'area economica in cui Standard and Poor's stima che oltre il 20% delle imprese sia in gravi difficoltà finanziarie o vicino al fallimento. Una nuova serie di blocchi darebbe probabilmente inizio a una nuova crisi finanziaria.



La disoccupazione è stata mascherata. La disoccupazione europea appare otticamente bassa a causa dell'alta percentuale di posti di lavoro in sospeso. Il tasso di disoccupazione ufficiale dell'area dell'euro, pari al 7,8%, potrebbe raddoppiare quando i posti di lavoro in esonero finiranno e le imprese che hanno mantenuto i lavoratori dovranno chiudere definitivamente.

La situazione finanziaria dei governi si è indebolita a livelli estremi. La spesa per il deficit ha portato il debito pubblico a nuovi record. Il debito potrebbe aumentare ben oltre il 120% del PIL nell'area dell'euro se l'economia venisse chiusa di nuovo, anche nelle cosiddette chiusure mirate.
Gli investitori hanno acquistato obbligazioni ad alto rischio da governi quasi insolventi e da imprese altamente indebitate con rendimenti sempre bassi, assumendosi un rischio significativo sulle aspettative di una rapida ripresa dell'economia. Le perdite nominali e reali nei fondi pensione e nei piani di investimento possono essere massicce.

Questa volta la BCE (Banca Centrale Europea) non sarà in grado di contenere il rischio finanziario. Un maggiore allentamento quantitativo e ulteriori tagli dei tassi non riusciranno probabilmente a fermare l'impennata dei rendimenti obbligazionari quando i problemi di solvibilità e di liquidità si scontreranno con la realtà di una spesa insostenibile.

Gli operatori di mercato non stanno prendendo in considerazione il rischio di ridenominazione dell'euro quando chiunque può vedere che molti partiti populisti hanno proposto alla Commissione Europea misure per rompere l'euro.

Questi investitori guardano all'eurozona come a un paradiso rispetto ai presunti rischi politici negli Stati Uniti senza riconoscere che i rischi finanziari e politici in Europa sono significativi.

Nuovi blocchi potrebbero essere il cigno nero che molti operatori di mercato temono e ignorano come un'opzione inesistente. Le stime ottimistiche sulla ripresa dell'eurozona, sulla crescita dei guadagni e sulla ripresa dei consumi si basano tutte su un miglioramento dei dati economici che sembrano quasi impossibili da ottenere nello scenario attuale, figuriamoci sotto nuove costrizioni.


Nessun commento:

NO CENSURA SOSTIENI LA LIBERA INFORMAZIONE