Rapporto esplosivo del FMI, che torna a proporre "repressione finanziaria"

E’ molto alta la probabilita’ che l’andamento del debito pubblico spinga nei prossimi anni anche molte economie avanzate a dichiarare default, a tassare il risparmio e spingere sul pedale dell’inflazione. Uno studio pubblicato dal Fondo Monetario Internazionale, e firmato da due noti economisti di Harvard, Carmen Reinhart e Kenneth Rogoff, spazza via in questo modo le ‘illusioni’ di chi confida nella crescita economica come via d’uscita al problema del debito pubblico.

L’ultima relazione del Fondo Monetario Internazionale sembra una profezia apocalittica sull’evoluzione del debito pubblico in tutto l’Occidente. Lo studio è stato realizzato da due famosi economisti, entrambi docenti all’Università di Harvard, Kenneth Rogoff e Carmen Reinhart, secondo cui le economie avanzate starebbero sottovalutando ampiamente la gravità della loro situazione finanziaria.
Il debito pubblico nelle economie sviluppate dell’Occidente sarebbe oggi ai massimi degli ultimi 200 anni e lo scenario più realistico, sempre per Rogoff-Reinhart, sarebbe quello di molteplici ristrutturazioni. Infatti, il problema del debito non può essere risolto esclusivamente tramite la crescita economica.
Il debito della zona euro è pari al 95 per cento del PIL e quello degli Stati Uniti è quasi al 110 per cento. In pratica i paesi ricchi non avrebbero compreso, spiega il report, che la loro situazione non è dissimile da quella delle economie emergenti, che hanno in varie occasioni ristrutturato il debito, sotto la regia dell’FMI.
Pertanto, le classi dirigenti politiche vorrebbero salvaguardare la credibilità dei loro stati con politiche di austerità e confidando nella sopportazione dei loro concittadini, con il risultato di trascinarsi dietro una crescita debole o la recessione. Ma per i due economisti incaricati dello studio dell’istituto di Washington, c’è una sola cosa da fare.
La soluzione è molto semplice: repressione finanziaria. Non suona come qualcosa di piacevole e in effetti non lo è. Si tratta di un cocktail di inflazione, restrizioni di capitali, default e una tassazione del risparmio. Una soluzione difficile da digerire. Anzi, una minaccia bella e buona.
Il fatto che il FMI pochi mesi dopo aver “suggerito” di prelevare forzosamente il 10% dei depositi di tutti i correntisti esca di nuovo con un rapporto politico esplosivo, è un chiaro campanello d’allarme per ogni investitore e risparmiatore. Bisogna stare attenti ai risparmi, dato che è più che sicuro che ci sarà un prelievo, probabilmente sotto forma di una ‘tassa di solidarietà una tantum’. La ‘percentuale teorica del 10 per cento’ calcolata dal FMI, non sembra, del resto, realistica. Inoltre, forse, una volta toccati i risparmi non si fermeranno, anzi, molto probabilmente prenderanno l’intero capitale, di cui i vostri risparmi sono solo una parte. (WSI)
Le conclusioni dello studio del Fondo Monetario Internazionale sono dirompenti. A Washington ci sarebbe un profondo scetticismo sulle capacità di ripresa dell’Eurozona, ma anche sulla sostenibilità dei debiti sovrani di altri stati.

5 commenti:

Anonimo ha detto...

Prego accomodatevi!!
Tanto sul conto mio sono quasi 3 anni che non c'e'piu' un €.

Unknown ha detto...

Grande è la contraddizzione sotto tutti i cieli;la situazione è ottima!Noi proletari non'abbiamo che le catene salariali da perdere in questo assetto socioeconomico.Parlo di chi lavora,di chi è pensionato,perchè chi non'hà neanche questo,il problema non se lo pone.Dovranno ponerselo,chi ha dei denari chi ha una vita tranquilla,loro si,oltre ha chi li difende/rà.buona fortuna a tutti.

Anonimo ha detto...

Qualcosa, si e' presa anche l'anima.
Godetevi il futuro.

Anonimo ha detto...

e tutto uno sporco inganno. grazie politicani italiani!!!!

stella ha detto...

Ma che cosa aspettiamo ad uscire dalla UE e a riprenderci la sovranità tutta intera ormai ridotta ai minimi termini?

 SEGUICI SENZA CENSURA SU TELEGRAM

 SEGUICI SENZA CENSURA SU TELEGRAM