Grande Fratello: dall’estate 2021 la Polizia greca farà il riconoscimento facciale in tempo reale delle persone per strada

  12/04/2021 - Entro l’estate del 2021, la polizia greca
dovrebbe ricevere migliaia di dispositivi chele consentiranno il riconoscimento facciale in tempo reale e l’identificazione delle impronte digitali. I dispositivi dovrebbero essere utilizzati nel lavoro quotidiano della polizia.

Il progetto si chiama “Smart Policing”. Mira alla “identificazione e verifica dell’identità dei cittadini quando fermati dalla polizia”, come dettagliato nelle specifiche tecniche ufficiali di 177 pagine dell’aprile 2018.

L’uso dell’attrezzatura dovrebbe rendere più rapida la verifica dell’identità, consentendo ai cittadini di essere riconosciuti senza essere trasferiti alla stazione di polizia più vicina quando mancano dei documenti di identità.

Nelle specifiche tecniche, la polizia riconosce che l’uso dell’attrezzatura aumenterà “il numero medio di fermi di polizia giornalieri” nonché “l’efficienza nell’individuazione di cittadini di paesi terzi che hanno superato il periodo della loro residenza legale nel nazione”. Quindi è previsto che lo strumento sarà utilizzato anche nella lotta all’immigrazione clandestina.

“Il nostro obiettivo è verificare persone, veicoli e oggetti in tempo reale. In questo modo miglioriamo la sicurezza degli agenti di polizia, riduciamo il disagio dei civili e risparmiamo risorse umane e materiali “.

In un primo momento, la polizia greca riceverà almeno mille dispositivi mobili, con la possibilità di schierarne altri 9.000 in futuro, secondo le specifiche tecniche.

I dispositivi simili a smartphone saranno collegati a 20 database detenuti da autorità nazionali e internazionali. Includono i ministeri greci dei trasporti, degli interni e degli affari esteri, Europol, Interpol e FBI, anche se non è chiaro esattamente quali database siano inclusi. Anche Teiresias, un ufficio di credito di proprietà di banche greche, è tra i database elencati nel documento.

Da un lato potremo dire che si tratti di un passo avanti, che saremo tutti più sicuri, ma dall’altro dovremmo chiederci se sia un bene che la polizia possa istantaneamente riconoscere ciascuno di noi, potenzialmente anche senza richiedere i documenti. Siamo sicuri che i database analizzati contengano solo informazioni di carattere penale? chi gestisce i dati? Con chi vengono condivisi? Perchè il progetto è finanziato al 70% dalla Commissione Europea?

Forse è il tempo di farci qualche domanda in più sui limiti dell’impiego della AI .

https://scenarieconomici.it/grande-fratello-dallestate-2021-la-polizia-greca-fara-il-riconoscimento-facciale-in-tempo-reale-delle-persone-per-strada/

Nessun commento:

 SEGUICI SENZA CENSURA SU TELEGRAM

 SEGUICI SENZA CENSURA SU TELEGRAM