Incredibili reperti trovati in una grotta ecuadoriana scuotono la comunità scientifica

Nel 1984, una sorprendente scoperta fu fatta nella giungla dell’Ecuador, in quella che è conosciuta come La Cueva de los Tayos, in una città chiamata Maná.
Questo evento ha scosso il mondo dell’archeologia. Sono stati trovati più di 300 pezzi.



La più sorprendente di tutte era una piramide con il simbolo degli illuminati (quello con la piramide con occhio che compare sulle banconote da un dollaro) di una datazione molto antica appartenente ad una cultura sconosciuta.

Si dice che potesse appartenere ad Atlantide o Lemuria. La piramide rappresenta il simbolo del bavarese illuminato del diciottesimo secolo e dei massoni moderni … ma questo oggetto ha le stesse caratteristiche del simbolo degli Illuminati.

Ancora oggi queste pietre e oggetti enigmatici rappresentano un rompicapo per la scienza e l’archeologia. Non sono simili alle culture indigene dell’Ecuador o di qualsiasi altro paese dell’America Latina, le pietre di Ica non hanno nulla a che fare con tutto questo, anche se all’inizio potrebbe sembrare che abbiano somiglianze. Piuttosto sembrano avere qualche correlazione con gli antichi egizi, ma questi erano a più di 11.000 chilometri di distanza.

La collezione appartiene a Germán Villamar, un imprenditore agricolo che custodisce gelosamente questi pezzi. Gli scritti sui pezzi assomigliano ad un tipo di sanscrito, che come è noto, è l’origine delle lingue.


Un gruppo di ricercatori guidato dall’ingegnere Elias Sotomayor, che aveva esplorato le giungle di La Manna (Ecuador), ha scoperto in una zona in cui la terra era stata sfruttata da mezzi meccanici per l’estrazione mineraria, le coordinate 0.95ºS 79.18W.

Lì trovarono un tunnel profondo che portava ad un’enorme camera dove trovarono questi artefatti. Questi pezzi hanno una geometria psicoacustica perfetta ed hanno effetti magnetici di “punto 0”. La loro tecnologia litica e finitura sfida i libri di storia e le datazioni delle prime civiltà.

Hanno una somiglianza con le caratteristiche della cultura Maya, ma presentano anche disegni che ricordano le antiche civiltà del Sud-Est asiatico. Allo stesso modo, le sue forme grafiche sono molto simili al sanscrito. Il tutto sembra condurre ad una civiltà tecnologicamente avanzata e culturalmente sviluppata a livello globale. Ciò potrebbe significare che nei tempi antichi ci sarebbe stata una connessione tra tutte le antiche civiltà, il che implicherebbe che fossero civiltà tecnologicamente avanzate. Tutto questo stravolgerebbe completamente il nostro concetto storico.


Una delle caratteristiche più sorprendenti di questo risultato è l’uso della calcite nei pezzi. La calcite ha proprietà fluorescenti che vengono attivate dalla luce ultravioletta. Certi simboli o grafici passerebbero quasi inosservati ad occhio nudo. Ma quando si espongono questi pezzi alla luce ultravioletta, alcuni elementi grafici acquisiscono risalto per il loro effetto luminoso. È come se fosse un codice, un messaggio segreto scolpito migliaia di anni fa.


Sono stati trovati oggetti di diverse dimensioni, e certi sono scolpiti dettagliatamente con mandalas geometriche e cerchi concentrici ed eccentrici, piastre con spirali (in alcuni di questi oggetti possono essere riconosciuti costellazioni come Orione e Pleiadi);sono state trovate tredici tazze jadeíta, modelli differenti di dischi molto simili a quelli della cultura maya, o alle idee mistiche occidentali contemporanee, figure umanoidi in atteggiamenti rituali, teste di serpenti, ecc.

Trovata anche l’incisione di una mappa. La mappa rappresenta un’epoca molto antica, in cui la struttura geografica del nostro pianeta era diversa e non aveva ancora dato origine alle catastrofi naturali riportate da tutti i testi antichi che, tra le altre cose, descrivevano l’aumento del livello del mare. Gli attuali continenti sono distinguibili, mentre nella zona costiera di sud-est asiatico c’è una massa di terra che è attualmente è sott’ acqua, e nelle Americhe, le isole dei Caraibi e la penisola della Florida non appaiono e ci sono enormi masse terrestri che oggi sono sommerse.

Nel mezzo del Nord Atlantico appare una grande isola che coincide con l’Atlantide di Platone; nel Pacifico, al di sotto della linea equatoriale, un continente ormai inesistente ed a sud di quello che ora è il Giappone, è rappresentata anche una terza massa continentale, che coincide con i reperti subacquei di Yonaguni. Un altro enigma della mappa è che tra la regione in cui si trovava l’antica Babilonia e il sito di La Maná dove sono stati trovati gli oggetti, c’è una linea bianca tracciata che li unisce.


Per quanto riguarda la piramide, (omettendo di scoperte che dimostrano l’esistenza di piramidi egizie in America), è stata trovata una rappresentazione della Grande Piramide di Giza, anche se questo è molto strano a causa della distanza delle due aree territoriali separate da migliaia di chilometri. Ma molti misteri sono ancora sepolti nella giungla dell’Ecuador.

Un altro oggetto di colore grigio, con un piccolo intarsio in oro ai suoi piedi rappresenta la costellazione di Orione, e altri glifi con caratteri indecifrabili (un professore tedesco, presidente della Società Linguistica del Paese, Kurt Shildmann, ha detto che era stato in grado di tradurre tale testo criptico come ” Il figlio del creatore è in strada “).

Tutte le pietre Mana reagiscono sotto la luce ultravioletta, alcune formano numerose costellazioni che brillano come fossero stelle nel cielo, ma nel caso della piramide, l’occhio comincia ad emettere luce propria originando luci lampeggianti blu. Questi lampi di luce, fanno apparire delle lettere molto simili al testo del manoscritto Voynich ancora indecifrato e qualcosa sull’isola di Pasqua. Sono il “pre” in sanscrito, e questo lo fa risalire a tempi ancora più antichi.

Attualmente, le pietre di La Maná fanno parte della collezione privata che Germán Villamar ha in Ecuador. Ha ricevuto la collezione presumibilmente come una donazione o lascito dal Dr. Sotomayor.



via HackTheMatrix
SEGUICI SENZA CENSURE SU TELEGRAM

1 commento:

L'ultimo dei Wikimghi ha detto...

Geometria psicoacustica???
Effetti magnetici di punto 0???

Post più popolari

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...