E’ ufficiale: gli americani inviano carri armati in Ucraina e rompono gli accordi!

Solo pochi giorni fa il congresso americano aveva chiesto ad Obama di fornire armi pesanti a Kiev: ed evidentemente gli americani sono passati dalle parole ai fatti, rompendo in questo modo gli accordi sottoscritti a Minsk.
Una mossa unilaterale, quella degli USA, che aggraverà i rapporti tra Usa-UE e Russia ma che avrà ripercussioni anche sul fronte di guerra, innalzando il livello dello scontro. Anche perché Putin certamente non resterà a guardare, e fonirà a sua volta armamenti più pesanti ai separatisti filorussi.

Ai carri armati (e forse altre armi pesanti) americani, la Russia risponderà fornendo ai ribelli armamenti “adeguati” per rispondere; la guerra diventerà più sanguinosa, le possibilità di una risoluzione diplomatica si fanno sempre più remote.

La vicenda ucraina è sempre più spinosa, sempre più grave, ed è sotto gli occhi di tutti chi siano i responsabili dell’aggravarsi della situazione. Da parte americana ed europea abbiamo assistito a tante belle parole, come quelle di Renzi, che ha posto come condizione per la pace il completo ritiro della Russia, che dovrebbe abbandonare a sé stessi i cittadini russofoni e dovrebbe consegnare agli USA l’Ucraina, che da sempre rappresenta un paese chiave per gli interessi russi. Putin dovrebbe sottomettersi al golpe, cosa che non succederà mai, e lo sanno bene gli attori ed i registi della crisi ucraina.

Veritanwo


SEGUICI SENZA CENSURE SU TELEGRAM

1 commento:

Anonimo ha detto...

Renzi parla della Russia di putin...ccome risoluzione al conflitto secondo Renzi,Putin dovrebbe abbandonare i russofoni Dell ucraina e sottomettersi alle Golpe Dell America. ..Renzi per me tu sei solo in vigliacco infame che ci stai vendendo agli americani con culo a 90....ifame stai attento

Post più popolari