9 Banchieri morti in un mese. Coincidenze ?

1 - William Broeksmit , 58 anni, ex alto dirigente di Deutsche Bank AG, è stato trovato morto nella sua casa dopo un apparente suicidio a South Kensington, nel centro di Londra, il 26 gennaio.


2 - Karl Slym, 51 anni  amministratore delegato Tata Motors è stato trovato morto al quarto piano dell'hotel Shangri-La a Bangkok il 27 gennaio.


3 - Gabriel Magee , un 39enne dipendente di JP Morgan, è morto dopo essere caduto dal tetto del quartier generale di JP Morgan europea a Londra il 27 gennaio.

4 - Mike Dueker , 50 anni, capo economista di una banca di investimento statunitense è stato trovato morto nei pressi del ponte di Tacoma nello Stato di Washington.

5 - Richard Talley, 57 anni, fondatore dell'American Title Services in Centennial, in Colorado, è stato trovato morto all'inizio di questo mese dopo essersi apparentemente sparato con una pistola sparachiodi.

6 - Tim Dickenson , un regista della comunicazione della società Swiss Re AG con sede nel Regno Unito è morto il mese scorso, ma le circostanze della sua morte sono ancora sconosciute.

7 - Ryan Henry Crane , un dirigente di 37 anni della JP Morgan è morto in un presunto suicidio solo poche settimane fa. Nessun dettaglio è stato rilasciato sulla sua morte a parte questo piccolo annuncio di un al Stamford giornaliera Voice.

8 - Li Junjie , 33 anni, banchiere di Hong Kong saltato dalla sede della JP Morgan nel quartier generale a Hong Kong questa settimana.

9 - James Stuart,  è stato trovato morto a Scottsdale, in Arizona,ex National Bank of Commerce CEO


5 commenti:

Anonimo ha detto...

Magari ne morissero di più...

Anonimo ha detto...

ALTRI 9 DI MENO! MEGLIO...E AMEN!!!!

Anonimo ha detto...

Si sapeva che prima o poi la loro coscienza gliela avrebbe fatta pagare

Unknown ha detto...

Per quanto ne sappiamo è più che possibile che siano stati ammazzati perché stavano facendo emergere dati sensibili e /o illeciti.. Comprendo la rabbia ma in questo caso non è costruttiva..

Anonimo ha detto...

Six feet under the ground

NO CENSURA SOSTIENI LA LIBERA INFORMAZIONE