L’ Istat lancia l’ allarme: il livello di vita degli italiani è tornato al secondo dopoguerra


18 dic 2013 - Impietose le cifre rilasciate oggi dal principale istituto statistico della penisola: il 29,9% delle persone residenti in Italia è a rischio povertà o esclusione sociale. L’indicatore è cresciuto di 1,7 punti rispetto al 2011 e di 5,1 rispetto alla media europea, ferma al 24,8%. Dati inoppugnabili e al tempo stesso inquietanti che non lasciano spazio alcuno a dubbi sulla reale portata della crisi sistemica che da anni attanaglia l’Occidente avanzato.

Le percentuali sviscerate sono il risultato di un sistema di combinazione del rischio di povertà (calcolato sui redditi 2011), della severa deprivazione materiale e della bassa intensità di lavoro. L’indicatore adottato da Europa 2020 è la risultante di quella porzione di popolazione che patisce almeno una di queste condizioni. In particolare l’Istat registra una diffusione della “severa deprivazione” superiore alla media europea (9,9%). Aumentano gli individui che non si possono permettere una settimana di ferie (dal 46,7% al 50,8%), di riscaldare adeguatamente casa (dal 18,0% al 21,2%), sostenere spese impreviste di 800 euro (dal 38,6% al 42,5%) o un pasto proteico adeguato ogni due giorni (dal 12,4% al 16,8%).
Nel 2011 la metà delle famiglie residenti in Italia ha percepito un reddito netto non superiore a 24.634 euro l’anno (circa 2.053 al mese). Nel Sud e nelle Isole il 50% delle famiglie percepisce meno di 20.129 euro (circa 1.677 euro mensili). Il reddito mediano delle famiglie, che vivono nel Mezzogiorno é pari al 73% di quello delle famiglie residenti al Nord; per il Centro il valore sale al 96%. Il 20% più ricco delle famiglie residenti in Italia percepisce il 37,5% del reddito totale, mentre al 20% più povero spetta l’8%. 
Il rischio di povertà o esclusione sociale, inoltre, è più alto per le famiglie numerose (39,5%) o monoreddito (48,3%). Aumenti significativi, tra il 2011 e il 2012, si registrano tra gli anziani soli (dal 34,8% al 38,0%), i monogenitori (dal 39,4% al 41,7%), le famiglie con tre o più figli (dal 39,8% al 48,3%), se in famiglia vi sono almeno tre minori. Quasi la metà (il 48%) dei residenti nel Mezzogiorno è a rischio di povertà ed esclusione sociale nel 2012 e oltre uno su quattro (25,2%) vive in grave disagio economico. L’incremento è infatti di 5,5 punti dal 2011, contro i 2 punti del Nord (dal 6,3% all’8,3%) e i 2,6 punti del Centro (dal 7,4% al 10,1%). Inoltre, al Mezzogiorno i redditi familiari risultano più bassi del 27% rispetto al Nord.

Nessun commento:

Post più popolari