I numeri della vergogna del lockdown: i tedeschi chiedono perdono ai bimbi

24/06/2021 - Il giornale tedesco Bild attacca duramente il Governo per la gestione della pandemia. Sono i bambini le vere vittime del covid.


“Vorrei dire a milioni di bambini in questo Paese, per i quali noi come società siamo tutti responsabili, ciò che il nostro governo federale e il nostro cancelliere non hanno ancora osato dire: chiediamo il vostro perdono”.

 SEGUICI SENZA CENSURA SU TELEGRAM

Lo ha scritto Julian Reichelt in un editoriale sul giornale tedesco Bild, di cui è caporedattore. “Vi chiediamo perdono per un anno e mezzo di una politica che vi ha reso vittime”.


Il giornalista si rivolge ai bambini vittime di violenza, abbandono, isolamento e solitudine affettiva.


“Quello che è stato fatto a voi figli da un governo che noi genitori abbiamo scelto, anche e soprattutto per voi, che a quanto pare non abbiamo criticato abbastanza aspramente per le scuole chiuse e i campi da calcio chiusi, ci fa vergognare come società”.


Nell’articolo si ricorda che da quando è iniziata la pandemia, venti persone di età inferiore ai 20 anni sono morte di o con Covid in Germania.


Un numero certamente importante ma molto inferiore ai 152 bambini sotto i 14 anni che sono stati picchiati a morte nel 2020 (fonte), quaranta in più rispetto allo stesso periodo del 2019.

 SEGUICI SENZA CENSURA SU TELEGRAM

Nella psichiatria infantile si sta verificando quello che era stato effettivamente previsto per i reparti di terapia intensiva: il sovraccarico.


Caporedattore del Bild: “Bambini vittime fatti passare per carnefici”

“Ai nostri figli è stato detto che se avessero osato essere bambini, per incontrare i loro amici, avrebbero ucciso la nonna” ha continuato il giornalista.


“Niente di tutto questo è mai stato scientificamente provato. È stato facile dirlo perché i bambini non reagiscono e non votano”.



 

E ancora: “Se lo Stato toglie i diritti di un bambino, allora deve dimostrare che sta scongiurando un pericolo immediato e concreto. Questa prova non è mai stata prodotta. È stato sostituito da slogan di propaganda sul bambino come vettore della pandemia”.


Reichelt conclude il suo editoriale pregando il governo di dedicare le sue due ultime settimane in carica ai bambini.


“Di fare tutto il possibile per sanare ciò che ha fatto ai più piccoli e ai più deboli. I nostri politici dovrebbero aprire scuole e palestre piuttosto che stand elettorali”.

 SEGUICI SENZA CENSURA SU TELEGRAM

https://gasp.news/numeri-vergogna-lockdown-tedeschi-perdono-bimbi/

6 commenti:

Anonimo ha detto...

Stupidi,chiassosi,sempre ad urlare con le loro striduli vocettine, rompono e danneggiano tutto quello che toccano, sempre sporchi di merda e piscia,non li posso proprio vedere gli schifosi marmocchietti. Ecco perché ho già messo in chiaro con la mia compagna a chiare lettere NIENTE FIGLI

Anonimo ha detto...

E pensare che bambino sei stato anche te. Stupido, chiassoso, sempre sporco di piscio e merda. Sei cambiato?

Anonimo ha detto...

Certo che sono cambiato altrimenti non la penserei così e comunque io ero bravo, buono e pulito da bambino perché i miei genitori mi tenevano ben in riga

Anonimo ha detto...

Invecchiando si torna bambini......con annessi e connessi....

Anonimo ha detto...

Ma se puzzi ancora di merda...chiudi la fogna perché quando non potrai più camminare, pisciare o cacare ci sarà una bella badante a farti cacare il sangue dal culo.... mezzo uomo che non sei altro

Anonimo ha detto...

13:42 non difendere l'indifendibile, i marmocchi sono così e basta. Mezzo io e mezzo te facciamo un uomo intero. Ciao carissimo

 SEGUICI SENZA CENSURA SU TELEGRAM

 SEGUICI SENZA CENSURA SU TELEGRAM