Siamo in guerra! Mattarella convoca il consiglio supremo di difesa

 

20/10/2020 - Il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, ha convocato il Consiglio Supremo di Difesa, al Palazzo del Quirinale, per martedì 27 ottobre 2020, alle ore 17.00.

L’ordine del giorno prevede la trattazione dei seguenti temi:

- conseguenze dell'emergenza sanitaria sugli equilibri strategici e di sicurezza globali, con particolare riferimento alla NATO e all'Unione Europea. Aggiornamento sulle principali aree di instabilità e punto di situazione sul terrorismo transnazionale. Prospettive di impiego delle Forze Armate nei diversi teatri operativi;

- prontezza, efficienza, integrazione e interoperabilità dello Strumento Militare nazionale. Bilancio della Difesa e stato dei programmi di investimento in relazione alla fluidità del contesto di riferimento e agli obiettivi capacitivi di lungo periodo.

https://www.quirinale.it/elementi/50811


4 commenti:

Anonimo ha detto...

In guerra ci siamo gia da tanto tempo perche i cinesi c e lo hanno imposto gia 10 anni fa. Adesso con la pandemia ci imporranno il vaccino e i militari verranno anche a farci visita a casa dalla prossima primavera, come ha fatto la Cina 8 mesi fa a Wuhan. Le persone negative in un primo periodo non saranno vaçcinate ma saranno catalogate per i prossimi vaccini, che dovranno adattarsi al 5G che e il vero obbiettivo della pandemia. Tutti gli altri saranno vaccinati per morire nella prossima pandemia. Lo scopo e la riduzione della popolazione mondiale entro 50 anni

Sotuknang ha detto...

La popolazione mondiale si ridurrà tra 50 anni semplicemente perché non si fanno più figli
Mettete sto 5 G anche nel sugo?

Anonimo ha detto...

Ma se gli africani, gli asiatici e i latino americani continuano a figliare come conigli... il vero problema del nostro pianeta è la sovrappopolazione e non la riduzione della popolazione

Sotuknang ha detto...

Vero, ma con tasso mortalità àltissimo. Tra 50 anni i paesi industrializzati saranno scomparsi. Hai letto i dati anagrafici italiani...

NO CENSURA SOSTIENI LA LIBERA INFORMAZIONE