28 novembre 2014

IL FMI INSISTE: “ITALIA SENZA FUTURO, BISOGNA TAGLIARE LE PENSIONI”

Durante la presentazione del rapporto del Fmi sul nostro paese l’organizzazione statunitense è tornata alla carica chiedendo all’Italia di tagliare la spesa previdenziale per abbattere i costi del Paese.

Il direttore esecutivo del FMI, Andrea Montanino nel presentare il rapporto sul nostro Paese ha detto: “L’Italia, nelle condizioni attuali, non è un Paese per cui si possa assicurare un futuro radioso, o quantomeno sereno. La crescita potenziale dell’Italia di fatto crolla per gli anni futuri, siamo inchiodati allo 0,5%”. Il Fmi nel suo report ha stimato che la crescita dell’Italia sarà dello 0,2, a fronte dello 0,3 previsto nel precedente rapporto. Inoltre Montanino ha ricordato come il private equity (investimenti in società no quotate da parte di fondi specializzati) sia molto più sviluppato negli Usa e che l’Europa è troppo “bancocentrica” e se questo bisogna fare di più perché “le banche italiane hanno fatto progressi nel rafforzare i bilanci, ma devono affrontare sfide e venti contrari ciclici” e devono quindi “essere pronte a soddisfare la domanda quando l’economia si riprenderà”.
Il fondo monetario internazionale già nello scorso Settembre aveva esortato l’Italia a intervenire anche in modo abbastanza drastico sul bilancio pubblico affrontando una riduzione delle pensioni e del sistema sanitario. Come affermato da Kennet Kang, capo missione dell’istituzione guidata da Lagarde, “la spesa pensionistica è troppo alta e un taglio della spesa pubblica deve passare per un taglio della spesa previdenziale”.
Inoltre Kang ha ribadito come il piano di riforme per l’Italia è “audace e ambizioso, ma bisogna agire in fretta per implementarlo” dato che “ il debito pubblico è sostenibile, ma il Paese resta vulnerabile sui mercati”. Ecco perché “bisogna ridurre le tasse sul lavoro, fare investimenti pubblici e rendere la revisione della spesa parte integrante del budget”.
Inoltre il Fmi ha presentato anche un rapporto più completo che affronta il problema della crescita in Europa. “L’evidenza dimostra che l’aumento dell’età pensionabile non necessariamente porta a un aumento della partecipazione della forza lavoro” e quindi si vorrebbero inserire manovre che potrebbero “includere regole per il pensionamento anticipato, razionalizzando i benefici, e l’adozione di altri incentivi finanziari, insieme però a politiche che aumentino la domanda per coloro che intendono posticipare il pensionamento”. Anche se poi queste manovre dovrebbero essere accompagnate da riforme serie per i giovani, per i quali il problema del lavoro resta sempre di una gravità assoluta.

7 commenti:

Anonimo ha detto...

I COGLIONI VI DOVETE TAGLIARE E FATELO VELOCI PRIMA CHE SIA LA GENTE A FARLO, MA E' PREVEDIBILE POI, CHE NON SI ACCONTENTERA' DI TAGLIARVI SOLO QUELLI.

Anonimo ha detto...

Che birichini.

Anonimo ha detto...

Bricconi...
fa rima coi maxxxi.

Anonimo ha detto...

Aggiungo anche.....
che costoro i privilegi se li sono affibbiati,
a noi ci sfottono pure e quindi
gente continuate a fare finta di nulla;
il futuro che ci prospettano è crepare.
Loro se la sono goduta e tutt'ora.
Pensano di farci lottare contro gli extracomunitari, chi ce li ha portati qui?
Adesso sviano il vero e serio problema...furbi ma non troppo.

Anonimo ha detto...

ed anche aggiungo... perché non ci vanno loro a racimolare nei cassonetti?
Peccato che non si possa fare piu'
come nel 1789.
Zac zac e zaacchete teste di...

Anonimo ha detto...

Quasi quasi mi auguro che accada,così magari qualche italiota si sveglia e capisce cosa sta accadendo....
Invece continuano a dormire,a guardare partite o reality,quando non lo fanno passano il loro tempo alle videoslot o a fare gli schiavi in qualche altro modo...
Popolo di pecore dormienti,sempre in cerca di un alibi e di un messia che lo salvi,sempre convinto di delegare qualcun altro per decidere per lui,sempre più addomesticato e lobotomizzato.
Chi non lotta per la propria libertà e i propri diritti merita di essere uno schiavo!
SamBellamy

Anonimo ha detto...

si si parole

Post più popolari

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...