LA GLAXO RILASCIA NELL'AMBIENTE, ACCIDENTALMENTE, 45 LITRI DI VIRUS POLIO

Belgio- Come riportato dalle autorità belghe, il 2 settembre  2014, a seguito di un errore umano, sono stati riversati nell'ambiente 45 litri di virus polio vivo, tramite l'azienda farmaceutica  GlaxoSmithKline (GSK); questo è accaduto nella città di  Rixensart nel Belgio.  Il liquido è stato portato direttamente ad un impianto di trattamento acque, (Rosieres) e, dopo il trattamento, rilasciato nel fiume  Lasne, affluente del fiume  Dyle che a sua volta è affluente del fiume  Escaut/Scheldt . 
L'Alto Consiglio della Salute Pubblica del Belgio, ha condotto una indagine sui rischi ed ha concluso che il rischio di infezione per la popolazione esposta all'acqua contaminata, è estremamente basso, dato l'alto livello di diluizione e l'alta copertura vaccinale (il 95%) in Belgio. 
L' ECDC’ (European Centre for Disease Prevention and Control ) dice che il rilascio accidentale nell'ambiente di grandi quantità di virus polio vivo, rappresenta un rischio per la salute pubblica se le popolazioni sensibili, come le aree poco coperte dal vaccino antipolio , vengono esposte alle acque contaminate o al fango. 
Poichè i fiumi Lasne e Dyle si uniscono al fiume  Escaut/Scheldt che scorre nella parte sud-occidentale dell'Olanda,  dove sono presenti molte comunità protestanti-ortodosse con una bassa copertura di vaccino antipolio, prima di raggiungere il mare del Nord. 

Copyright ECDC, 2014

FONTE:
 
 http://saluteolistica.blogspot.it/

Nessun commento:

Post più popolari