Due scienziati russi vogliono costruire la “Torre di Tesla”, il trasmettitore planetario

Due fisici russi provenienti dalla Siberia hanno lanciato una campagna per aumentare di 800.000 $ il budget necessario per completare l’ambizioso progetto di Nikola Tesla nel campo della trasmissione di potenza senza fili, ovvero la torre di Tesla. Secondo i fisici russi Sergey Plekhanov e Leonid Plekhanov, la versione moderna di Wardenclyffe, torre Tesla, conosciuta anche

come ‘il trasmettitore planetario’, permetterà di trasmettere energia attraverso la Terra a qualsiasi distanza del pianeta”, questo contribuirà a risolvere molti problemi tecnologici. wardenclyffe-tower “Tesla aveva ragione e siamo pronti a dimostrarlo!” Dicono i fisici, che hanno appena lanciato una campagna su Indiegogo, il più grande sito di raccolta di fondi del mondo per ricostruire la torre Wardenclyffe nell’autunno del 2014. Tesla credeva che la torre sarebbe stata in grado di trasmettere energia senza fili, ma questo progetto non è stato dimostrato durante il periodo nel quale era in vita. I due fisici russi pensano che Tesla avesse ragione e dopo uno studio approfondito della progettazione della torre, il sistema potrebbe fornire un efficace metodo di distribuzione e trasmissione in tutto il mondo, in modo da ottenere energia pulita. Leonid e Sergey Plekhanov hanno trascorso gli ultimi cinque anni a studiare e modellare gli appunti ed i brevetti di Tesla per la torre e sono fiduciosi che il progetto possa essere attuabile con i materiali e la tecnologia di oggi. 

EBB tesla2 Il principio alla base del design attuale è che abbiamo una fonte illimitata di tutta l’energia di cui abbiamo bisogno: il sole. Un pannello solare di 100.000 chilometri quadrati di sole in qualche parte del mondo potrebbe coprire tutte le esigenze energetiche del mondo. Il problema sta nella distribuzione di questa energia, dal momento che i sistemi attuali hanno molte perdite. Il sistema della torre proposto da Tesla è stato progettato per sfruttare la conduttività della terra stessa, 

la trasmissione di energia attraverso la terra e la ionosfera con poco spreco. Mentre la torre originale di Tesla, costruita nel Long Island, pesava 60 tonnellate, il piano dei Plekhanov sarebbe quello di costruire un prototipo di solamente due tonnellate grazie ai progressi nei materiali. La bobina di Tesla (un tipo di trasformatore risonante brevettata dallo scienziato nel 1891), sarà lunga circa 20 metri. A cura di Miguel Sanchez Redazione Segnidalcielo.it

6 commenti:

Anonimo ha detto...

Probabilmente però vorrebbe dire che subiremmo un massiccio bombardamento di onde elettromagnetiche.

Anonimo ha detto...

Bisognera' constatare se un elevato numero di torri possa fare danno,mentre il giusto equilibrio creera' benessere.
Anche qui c'è un limite da non oltrepassare.
Dire energia illimitata?
Uhhmmm!!!!

Anonimo ha detto...

Molto bene, qualcosa si muove, in realtà è lo stesso sistema che utizzavano gli Egizi ( alieni) qualche millennio or sono....
Purtroppo adesso con questa notizia Obama il premio Nobel per la Pace dovrà attivarsi militarmente con qualche scusa contro Russi e Cinesi perché sicuramente con loro l'energia potrebbe essere gratuita a tutti con i "BUONI" invece sarebbe sicuramente a pagamento!!!!sempre per il nostro bene!!!!!.......

Anonimo ha detto...

Extraterrestre portami via
voglio una stella che sia tutta mia
extraterrestre vienimi a cercare
voglio un pianeta su cui ricominciare ...

Cantava Finardi

Anonimo ha detto...

speriamo che questi russi porteranno avanti in progetto, cosi usciranno fuori tutte le invenzioni occultate di Nicola Tesla dagli Americani.

Anonimo ha detto...

Mettetevi in testa che è l America che comanda e sfrutta il mondo.
Energia libera? Stop alla fame nel mondo? Ma veramente pensate che i problemi non si risolvono perché non si può? NON SI VUOLE. Anzi, LORO non vogliono

Post più popolari