Niente chemio, e l’oncologo salva la moglie dal cancro

Sidney Winawer, oncologo di fama planetaria, dirige il laboratorio di ricerca sul cancro al Memorial Sloan-Kettering Cancer Center di NewYork, uno dei centri più importanti del mondo. Per decenni ha praticato la chemioterapia a tutti i pazienti, metà dei quali però sono deceduti. Un giorno, la diagnosi è toccata a sua moglie, Joanna. Ben consapevole gravi dei danni collaterali della terapia chimica, e per nulla convinto della sua efficacia, il professor Winawer non ha sottoposto la consorte né alla “chemio” né alla radioterapia.
E, sorpresa: l’ha guarita. Come? Il luminare newyorkese si è affidato alla somatostatina, quella del controverso medico italiano Luigi Di Bella, accusato di suscitare speranze illusorie. Ma l’illusione peggiore è quella della chemioterapia, come lo stesso Winawer ha sostenuto nel libro “Dolce è la tua voce”, pubblicato da “Positive Press” nel 1998. 

«Secondo la stragrande maggioranza delle teorie mediche, ci si ammala di cancro per una insufficienza del sistema immunitario», scrive il blog “Informare x Rexistere ( http://www.informarexresistere.fr/2011/10/26/famoso-oncologo-americano-di-fama-mondiale-rifiuta-la-chemioterapia-per-la-moglie-malata-di-tumore-e-guarisce/#axzz23szJz4Vu ) ”, che riporta la notizia della “miracolosa” guarigione della signora Winawer. «La chemioterapia riduce le masse tumorali di dimensione, ma al prezzo di distruggere completamente il midollo e le difese immunitarie dell’organismo, col risultato che quest’ultimo rimarrà debilitato ed esposto ad ammalarsi di nuovo, per anni o anche per il resto della vita ». Per dare un’idea di quanto siano tossici questi veleni, il blog prende spunto dalla stessa documentazione farmaceutica allegata ai più diffusi farmaci anti-cancro : «Pensate che basterebbe solo aumentare di poco le dosi di una sola “seduta” di chemioterapia per uccidere un cane, nel 100% dei casi». L’animale morirebbe per avvelenamento nel giro di pochi giorni: «Potete controllare voi stessi, dato che la tossicologia è pubblica». 

Inoltre, per smaltire questi farmaci occorrono mesi: molto di più della durata di ogni ciclo terapeutico. Per cui, quando si torna in ospedale per il ciclo seguente, l’organismo non ha ancora smaltito le tossine accumulate. «Molto spesso – continua il blog – il cancro ritorna negli anni successivi, dopo una cura di chemioterapia». Questo non è dovuto a una particolare “predisposizione” del paziente, «ma al fatto che le difese immunitarie sono ormai distrutte, quindi l’organismo è completamente indifeso ed è logico che venga aggredito nuovamente». Per dirla col professor Winawer, la chemioterapia non è mai la soluzione definitiva del problema, poichè spesso la malattia si ripresenta dopo anni, con maggiore violenza . La soluzione? «Il cancro <http> deve essere vinto potenziando il sistema immunitario». 

Per molti tipi di tumore , il sistema immunitario ha una “memoria”, esattamente come per le malattie esantematiche (morbillo, varicella, rosolia). Se il tumore viene vinto dall’organismo stesso, piuttosto che represso dai farmaci, è molto più difficile che si ripresenti in seguito. A riprova, il blog cita recenti studi che dimostrano l’inefficacia della chemioterapia – mai davvero risolutiva – nonché i poco entusiasmanti retroscena legati al business infinito delle multinazionali farmaceutiche. «La ricerca non ha fatto passi da gigante come tutti pensano, ma, al contrario, la gente si ammala e muore più che nei decenni scorsi», sostiene “Informare x Rexistere”. «Con i metodi di cura attuali, il 90% degli ammalati non sopravvive più di 10 anni al cancro ». 

Fonte: www.libreidee.org 

SEGUITECI SU FACEBOOK!!!

5 commenti:

LOL ha detto...

Prendiamo una notizia del 2011, riportata da un altro sito nel 2012 e ora che siamo nel 2014 non verifichiamo nemmeno una fonte prima di pubblicare?

Basta una banale ricerca per verificare che la signora non è guarita...

Anonimo ha detto...

Già uno che si chiama Lol dovrebbe avere la cortesia di tacere.

massimiliano ha detto...

Non facciamo i troll ok....la chemio non e la cura ce ne sono altre che funzionano ma non la chemio che appunto non è altro che frutto di speculazione e stop e poi e veleno .

Anonimo ha detto...

http://scienzamarcia.blogspot.it/2011/12/healing-lessons-la-vera-storia.html

Ilaria ha detto...

IO ho mia suocera che, mia carissima amica anche, che si trova adesso a dover cercare una soluzione alternativa alla chemio che ormai per lei non può fare più nulla. E' una vergogna che i medici non parlino ai loro pazienti anche di altre possibilità per la cura..non posso credere che non ci siano...

CONTRO LA CENSURA SOSTIENI LA LIBERA INFORMAZIONE 

 SEGUICI SENZA CENSURA SU TELEGRAM

 SEGUICI SENZA CENSURA SU TELEGRAM