Rischio sismico negli Usa, allarme per l’Oregon: rischia un terremoto devastante come quello del Giappone!

Un’analisi completa della zona di subduzione della Cascadia costa nord-occidentale  del Pacifico conferma che la regione ha avuto numerosi terremoti negli ultimi 10.000 anni, e suggerisce che la costa sud dell’Oregon può essere più vulnerabile in base alla frequenza di ricorrenza.

Lo studio scritto dai ricercatori della Oregon State University, e pubblicato online dalla US Geological Survey, conclude che c’è un 40% di probabilità di un forte terremoto nella regione di Coos Bay, Oregon, nel corso dei prossimi 50 anni. E quel terremoto potrebbe avvicinarsi all’intensità del terremoto che ha devastato il Giappone nel marzo del 2011.

Chris Goldfinger , prof. in OSU’s College of Earth autore principale dello studio, ha detto che il margine meridionale della Cascadia ha un livello di ricorrenza molto più elevato per i terremoti più importanti rispetto al nord ed è in ritardo di rottura. ”Questo non vuol dire che un terremoto non può colpire in primo luogo lungo la parte settentrionale, da Newport, Oregon, a Vancouver Island .


“Ma i grandi terremoti tendono a colpire più frequentemente lungo l’estremità meridionale ,ogni 240 anni o giù di lì ,e dall’ultimo grande sisma  l’intervallo è stato più lungo. ”La probabilità di un terremoto nella parte meridionale della faglia  quindi è più del doppio di quello del nord.”

La pubblicazione dell’analisi può fare aumentare maggiormente la consapevolezza dei pericoli e dei rischi sismici. La tabella mostra la storia della forza  e  frequenza  dei  terremoti e può  essere utile per portare ad un aggiornamento dei codici per le costruzioni nello stato.

Lo studio guidato da  Goldfinger è durato 4 anni e si basa su una ricerca di 13 anni. In 184 pagine  c’è la rassegna più completa mai scritta della zona di subduzione  della Cascadia una regione al largo della costa nord-occidentale dove la placca tettonica Juan de Fuca scivola sotto il continente Nord Americano. Una volta si pensava che fosse  una linea  di faglia continua,la Cascadia è ormai nota per essere almeno parzialmente segmentata.

Questa segmentazione si riflette nella storia  dei terremotidella regione, ha osservato Goldfinger .

“Negli ultimi 10.000 anni, ci sono stati 19 terremoti che si estendevano lungo la maggior parte del margine, che va dal sud di Vancouver Island  Oregon e il confine con la California,”  ”Si tratta in genere  di terremoti davvero enormi  di una grandezza  che va da circa 8,7-9,2.

“Abbiamo anche stabilito che ci sono stati 22 terremoti che hanno coinvolto solo la parte meridionale della faglia”. “Partiamo dal presupposto che questi sono leggermente più piccoli – più o meno sull’ 8.0 – ma erano ancora terremoti molto grandi e oggi potrebbero avere un impatto devastante.».

“Entro l’anno 2060, se non avremo un terremoto, avremo superato l’85% di tutti gli intervalli conosciuti della ricorrenza di un terremoto durante i 10.000 anni,„ ha detto Patton ,co-autore dello studio. “L’intervallo fra i terremoti varia a partire da alcune decadi a  migliaia di anni. Ma già abbiamo superato circa tre quarti.„

L’ultimo mega-terremoto nel Pacifico nord-occidentale si è verificato il 26 gennaio del 1700. I ricercatori conoscono questo, ha detto Goldfinger  ,perché le annotazioni scritte in Giappone documentano di uno tsunami che ha distrutto  il raccolto del riso nello stesso periodo.

Quando un terremoto avviene in mare aperto, la perturbazione  induce il fango e la sabbia  a scorrere giù sui margini continentali e nei canyon subacquei. I sedimenti grossolani chiamati torbiditi scorrono sulla pianura abissale, questi sedimenti si distinguono nettamente dalle polveri sottili che si accumulano su base regolare tra i principali eventi tettonici.

Con la datazione delle particelle fini attraverso l’analisi del carbonio-14 e di altri metodi, Goldfinger e colleghi possono stimare con molta precisione quando i grandi terremoti si sono verificati negli ultimi 10.000 anni.Andare più indietro di 10.000 anni è stato difficile perché il livello del mare nella West Coast era più basso  e i fiumi della costa ovest svuotavano direttamente dai canyon nel mare . A causa di ciò, è difficile distinguere tra  detriti da terremoto e da fiume.

“Ora che abbiamo capito la nostra vulnerabilità di mega-terremoti e tsunami, abbiamo bisogno di sviluppare una cultura che si prepara ad un livello commisurato al rischio” ha detto Corcoran,specialista rischi di sensibilizzazione. “A differenza del Giappone, che ha frequenti terremoti e quindi è culturalmente più preparato, noi del nord-ovest del Pacifico non abbiamo avuto un mega-terremoto dal primo insediamento europeo. E siccome non abbiamo la cultura dei terremoti, non possediamo la cultura della preparazione. “La ricerca, però, è avvincente”, ha aggiunto. “Questo dimostra chiaramente che la nostra regione ha una lunga storia di questi eventi, e la cosa più importante che possiamo fare è iniziare a ‘aspettare’ un mega-terremoto, e non ci resta che  iniziare a prepararci per questo evento”.

Per maggiori informazioni: pubs.usgs.gov/pp/pp1661f /


Tratto da: http://pianetablunews.wordpress.com

SEGUITECI SU FACEBOOK!!!

1 commento:

Anonimo ha detto...

Scusate ma noi che abitiamo sulle sponde dello Stretto di Messina che in'appena' due secoli habbiamo subito 2 terremoti devastanti e migliaia di terremoti ' normali', cosa dovremmo dire ?

 SEGUICI SENZA CENSURA SU TELEGRAM

 SEGUICI SENZA CENSURA SU TELEGRAM