Scoperti i più antichi pianeti dell’universo

Scoperti due enormi pianeti in orbita intorno a una stella a 375 anni luce di distanza, sono i  più antichi mondi alieni trovati, dicono gli scienziati.
Un esempio di pianeti extrasolari vecchi.
Illustrazione di cortesia Timotheos Samartzidis


Con un’età stimata di 12,8 miliardi di anni, il gruppo di stelle e pianeti, è la più probabile all’alba dell’universo , a meno di un miliardo di anni dopo il Big Bang .

“La Via Lattea non era ancora completamente formata”, ha detto il capo dello studio Johny Setiawan , che ha condotto la ricerca, presso il Max-Planck Institute for Astronomy di Heidelberg, in Germania.
Durante un recente sondaggio , Setiawan e colleghi hanno trovato le firme dei due pianeti in orbita intorno alla stella, chiamata HIP 11952.
Sulla base dei calcoli del team, un mondo è quasi altrettanto massiccio come Giove e completa un’orbita in circa sette giorni. L’altro pianeta è quasi tre volte la massa di Giove ed ha un periodo orbitale di nove mesi e mezzo.
E ‘possibile che i pianeti sono molto più giovani di quello che sembrano, se i mondi si sono formati molto tempo dopo la nascita della stella, ma uno scenario del genere è improbabile, dice la squadra.
“Di solito i pianeti si formano poco dopo la formazione stellare”, ha spiegato Setiawan. ”La seconda generazione di pianeti potrebbe anche formarsi che una stella è morta, ma questo è ancora oggetto di dibattito.”
Pianeti Antichi Defy Theory
Setiawan e colleghi hanno scoperto i pianeti antichi utilizzando una tecnica chiamata velocità radiale, in cui gli astronomi guardano le oscillazioni periodiche alla luce a causata da strappi gravitazionali dei mondi in orbita attorno a una stella.
La scoperta indica che la formazione dei pianeti nell’universo primordiale è stata possibile nonostante il fatto che le stelle esistenti all’epoca erano povere di metalli, il termine per l’astronomia è stelle prive di elementi più pesanti dell’idrogeno e dell’elio.
In caso di HIP 11952, “la sua abbondanza di ferro è solo di circa l’uno per cento quella del nostro sole”, ha detto Setiawan.
L’idea dei pianeti scaturiscono da un simile trucco stellare è in contrasto con una teoria largamente accettata chiamato il modello di accrescimento, che dice che gli elementi pesanti sono necessari per formare i pianeti.
Anche i giganti gassosi come Giove e Saturno richiede elementi pesanti a prendere forma, il pensiero va, perché si basa su nuclei solidi. (Related: “Nuovo modello di Core di Giove di nascita infiamma il dibattito Planet.” )
La teoria di accrescimento è stata finora supportata da osservazioni: la maggior parte di stelle  scoperte fino ad oggi e che ospitano dei pianeti dei pianeti,sono relativamente giovani e con moderata a elevate quantità di metalli.
Ma potrebbe esserci un bias di osservazione, Setiawan ha spiegato: gli astronomi potrebbero pensare che il modello di accrescimento è corretto perché i cacciatori di pianeti hanno preso di mira per lo più giovani  stelle simili al Sole.
“Per verificare questo problema, è necessario fare una ricerca  intorno [anziani] stelle povere di metalli”, ha detto Setiawan.
Ticking Clock per vecchi Worlds
Nonostante la longevità dei pianeti ritrovata “, è improbabile che il mondo sopravviverà per altri 13 miliardi di anni.
La stella madre sarà presto trasformerà in una gigante rossa, Setiawan ha spiegato, una delle ultime fasi della vita di una stella simile al sole. (Related:“New ‘Deep Fried’ pianeti trovati i sopravvissuti di Death Star”. )
Durante questa fase, la stella si gonfiano in dimensioni e la maggior parte probabilmente fagocita eventuali pianeti vicini.
più antichi pianeti studio [PDF] è stato pubblicato online questa settimana sulla rivista Astronomy & Astrophysics.

Nessun commento:

NO CENSURA SOSTIENI LA LIBERA INFORMAZIONE