4 settembre 2016

TERRIFICANTI BOATI AVVERTITI Torna l'incubo nella Pedemontana trevigiana!!!


di Claudia Borsoi

Strani boati rompono il silenzio e non danno pace. Si sentono di giorno, svegliano la gente la notte, fanno tremare i vetri. Un rumore «tipo brontolio di temporale», la cui origine, ad ora, rimane sconosciuta. Torna l'incubo nella Pedemontana trevigiana. Dopo i casi sul Fadalto 5 anni fa, ora il fenomeno interessa Miane, pochi km a ovest. I rumori sono stati avvertiti nelle case all'ingresso del paese verso Follina. Una zona "abitata" da qualche tempo anche da questi misteriosi boati. I sismografi non hanno registrato scosse di terremoto, ma l'apprensione è alta anche alla luce del recente sisma che ha colpito il Centro Italia.

Un fenomeno dunque avvertito in prima persona anche dai geologi che domani torneranno a Miane per raccogliere i dati delle due strumentazioni e poi analizzarli. Nel 2011 i boati del Fadalto, che tennero in allarme Vittorio Veneto da gennaio a primavera inoltrata, vennero alla fine collegati alla presenza di abbondante acqua nel sottoterra carsico. 

http://www.ilgazzettino.it/nordest/treviso/miane_boati_notte_follina_paura_controlli_terremoto-1946030.html

5 commenti:

Blues Healer ha detto...

Ciao. Gestisco il blog omonimo su Blogspot e mi interesso di geoingegneria clandestina/illegale da più di due anni. Ieri sera, nella zona di Maerne (VE) ho registrato un segnale particolare, con una larghezza di banda che supera lo spettro udibile (il segnale arriva fino a 26 khz) che si ripeteva ogni due secondi; questo poco dopo che ho avvertito qualcosa di molto simile come dentro la testa pochi secondi prima. Aggiungo che erano quasi le otto di sera e il cielo era blu-viola scuro (un colore innaturale per me) e che, pochi minuti dopo, ho controllato la situazione meteo su sat24.com, notando nella zona tra Austria e Ungheria almeno una dozzina di striature lunghe diverse centinaia di chilometri.

Linko il video dell'analisi spettrofragica focalizzata oltre lo spettro udibile della registrazione (ti consiglio di leggere tutta la descrizione del video per saperne di più).

Grazie per l'imponente lavoro di divulgazione di informazione libera che compi.

https://www.youtube.com/watch?v=4NLB0-SS7Ek

Anonimo ha detto...

Forse il fenomeno potrebbe essere connesso con le bombe al plasma sganciate nella ionosfera?

Anonimo ha detto...

Ciao! Hai mai monitorato la valle Feltrina e l'Agordino(BL)? In queste zone le scie chimiche sono all'ordine del giorno e il Feltrino vanta un impressionante numero di tumori annui che la porta ai primi posti in Italia,roba da far concorrenza a Taranto con i suoi veleni dell'ILVA, ma qua a differenza di Taranto non ci sono industrie che inquinano ma boschi e tantissimo verde,ed allora a cosa è dovuto questo altissimo tasso di sempre nuovi tumori annui?

Christian ha detto...

Ovvio, è dovuto alle irrorazioni diurne/notturne che osservi nella zona dove vivi. Qua in Emilia Romagna ultimamente ci sono andati assai pesanti per giorni. Il nanoparticolato di metalli che viene irrorato ha effetti assai deleteri per la salute umana scientificamente provati oltre ogni dubbio, la vita e la biodiversità in generale, e una volta irrorati, con i venti e le piogge questi metalli si difondono ovunque nell'aria, nell'acqua, nel suolo, e nella catena alimentare. Ovviamente l'incidenza dell'aumento di tumori ne è una logica conseguenza; anche perchè si tratta aerosol di particelle minuscole dell'ordine dei nanomentri, e non c'è barriera o membrana cellulare che le ferma, inoltre non sono biodegradabili (vengono in minima parte espulsi) dal corpo quindi si accumulano un pò d'appertutto, e gli effetti per la vita non possono che essere nocivi. Anche i tassi sopratutto di alzheimer e parkinson sono aumentati moltissimo, quasi un epidemia, ed è noto come queste patologie siano collegate con l'accumulo di alluminio nel cervello. Anche sintomi parainfluenzali perenni o semi-perenni come tosse, sinusiti o naso chiuso, affaticamento cronico, spesso sono dovuti alla presenza di queste irrorazioni massiccie.

Christian ha detto...

Sig. Blues Healer inanzitutto complimenti per la rilevazione. Oltretutto 26 Khz è una frequenza VLF (comprese tra 3 e 30 kHz, cui corrispondono lunghezze d'onda tra i 100 e 10 chilometri). Quindi onde corte (che coprono lo spettro di frequenza da 3 MHz a 30 MHz, corrispondente alla gamma di lunghezza d'onda da 100 a 10 m).
Una volta emesse le onde corte si riflettono verso la superficie terrestre dagli strati ionizzati presenti a varie altezze nell'atmosfera terrestre. Ci sono ormai in ambito prettamente militare molti sistemi radar OTH (oltre l'orizzonte) che sfruttano questa proprietà della ionosfera, e l'irrorazione quasi perenne su praticamente tutto il territorio nazionale è funzionale a far si che questi sistemi militari funzionino al meglio.

L'ORIGINE OCCULTA DELLA CRISI ECONOMICA CHE NESSUNO VEDE...(VIDEO)