I primi campi obbligatori per positivi aprono in Nuova Zelanda, piani simili per Canada e Stati Uniti

 

12/11/2020 - I governi di tutto il mondo stanno ripetendo alcune delle mosse politiche tra le più oscure della storia promulgando campi obbligatori per coloro che risulteranno positivi al COVID in un altro tentativo di controllare il virus. Del Bigtree e il giornalista Jeffrey Jaxen analizzano il progetto del CDC per i campi COVID che chiamano “Shielding Approach ”, mentre i leader in Nuova Zelanda, Italia, Canada e persino nel sud della California rivelano come isoleranno coloro che si ritiene siano infetti e i loro familiari contro la loro volontà. Ascolta i piani terrificanti direttamente dalla fonte, al momento purtroppo solo in lingua inglese.

Il documento CDC è intitolato: “Considerazioni operative provvisorie per l’implementazione dell’approccio di schermatura per prevenire le infezioni da COVID-19 in contesti umanitari”, aggiornato il 26 luglio 2020. Ecco le citazioni chiave.


Mentre li leggi e ti rendi conto dell’orribile piano, tieni presente che questo sistema può essere manipolato per ordinare a CHIUNQUE di entrare in questi campi.


“L’approccio di schermatura mira a ridurre il numero di casi gravi di COVID-19 limitando il contatto tra gli individui a maggior rischio di sviluppare malattie gravi (‘ad alto rischio’) e la popolazione generale (‘a basso rischio’). Gli individui ad alto rischio sarebbero temporaneamente trasferiti in “zone verdi” sicure stabilite a livello di famiglia, quartiere, campo / settore o comunità a seconda del contesto e dell’ambiente. Avrebbero contatti minimi con i membri della famiglia e altri residenti a basso rischio “.

“… l’approccio di schermatura suggerisce di separare fisicamente gli individui ad alto rischio dalla popolazione generale per dare priorità all’uso delle limitate risorse disponibili ed evitare di attuare misure di contenimento a lungo termine tra la popolazione generale.”


“Un gruppo di edifici come scuole, edifici comunitari all’interno di un campo / settore (max 50 individui ad alto rischio per singola zona verde) dove gli individui ad alto rischio sono fisicamente isolati insieme. Un punto di ingresso viene utilizzato per lo scambio di cibo, rifornimenti, ecc. Un’area di incontro viene utilizzata per consentire ai residenti e ai visitatori di interagire mantenendo la distanza fisica (2 metri). Nessun movimento all’interno o all’esterno della zona verde. “

https://www.databaseitalia.it/i-primi-campi-covid-obbligatori-aprono-in-nuova-zelanda-piani-simili-per-canada-e-stati-uniti/


https://www.foxnews.com/world/victor-davis-hanson-new-zealand-coronavirus-camps


Nessun commento:

 SEGUICI SENZA CENSURA SU TELEGRAM

 SEGUICI SENZA CENSURA SU TELEGRAM