27 luglio 2020

Il magistrato Giorgianni in Senato: la democrazia e' in pericolo,vogliono portarci verso un governo globale dittatoriale

27/07/2020 - Se una persona cosi' autorevole si spinge a tali dichiarazioni vuol dire che stiamo vivendo un momento drammatico! Il magistrato Giorgianni in audizione al Senato dice la verita' sulla situazione che stiamo
vivendo.Parla esplicitamente del progetto di un governo mondiale della cabina di regia comune che controlla la situazione in tutti gli stati che si trovano in emergenza.Dei protocolli iniziali errati che hanno provocato la morte di migliaia di persone e come questi errori siano stati ripetuti allo stesso modo negli altri paesi seguendo le stesse indicazioni dell'OMS.Tra i presenti anche politici tra cui Salvini quindi le opposizioni non ci vengano a dire che non sanno nulla! Chi tace e' complice!

11 commenti:

TOMM ha detto...

Cretinate.
Almeno per il momento,
autentiche cretinate!

Anonimo ha detto...

Adesso gli diranno, che questo Giudice è un visionario

Fenoldi ha detto...

Il coraggio di raccontare la realtà delle circostanze, solo dei fatti accaduti. Una persona così dovrebbe essere sostenuta da tutti coloro che ancora credono nella libertà e nella Costituzione della Repubblica. A quanto pare però ancora pochi si rendono conto della gravità della situazione operata dalle potenti lobbies e governi ombra mondiali, che dopo "l'antipasto" dell'11 settembre di 19 anni fa stanno adesso tentando l'affondo finale alla libertà degli individui. E' necessario uscire dalla gabbia mentale che imprigiona la gente; un'operazione non facile poiché significa smantellare tutto l'impianto che un sistema secolare predispone nelle persone sin dalla tenera età e il cambio di paradigma non può che avvenire per gradi ma soprattutto con una ferma e determinata volontà di capire e acquisire maggiore consapevolezza della vita e delle sue dinamiche sociali.

Anonimo ha detto...

Il sistema su questo pianeta e' manipolato da una elites ristretta che impone quello che vuole per mantenere il potere! Se la gente non si muove, non si potreanno fermare piu'!!

Sotuknang ha detto...

Come x tutte le rivoluzioni solo quando il popolo avrà fame si muoverà. A quanto sembra i supermercati sono sempre ben forniti anche durante la chiusura totale...

Anonimo ha detto...

Buffonate,perchè non ci spiegano dove stanno ora i mafiosi fatti uscire di galera??

Unknown ha detto...

..e intanto prorogano l'emergenza fino ad ottobre.
Cvd

Anonimo ha detto...

Cari miei,a quanto pare tutta questa faccenda è stata organizzata tutta in maniera non costituzionale,avvocati hanno denunciato e fatto ricorso ma sono stati respinti...che dire?sarà tutto banalmente progettato per fare gli interessi di alcuni?l'Italia era già inguaiata e ora ci vogliono mettere la pietra sopra?addirittura è anche uscito fuori che,a quanto pare, sono state annullate le multe fatte durante il lockdown....non ho più parole!non credo sia più tempo di rivoluzioni...la gente tende più a suicidarsi....l'ottocento è passato da tempo.Poveri noi.

Anonimo ha detto...

Bravo Fenoldi...stiamo veramente inguaiati.

Anonimo ha detto...

Ma quale suicidarsi,ma quale popolo alla fame....hanno pensato anche a quello:C'E' LA CARITAS!

Anonimo ha detto...

Simone è morto. Vittima di uno Stato fallito che abbandona i suoi figli e mantiene in hotel i figli degli altri. Così se n’è andato un italiano nell’isola degli sbarchi. Non solo giustizia. Vogliamo vendetta contro la mafia che controlla lo Stato. Ogni patriota deve giurare che la lotta contro questo governo di disgraziati non finirà finché non saranno rimossi. Con ogni mezzo.
Perché quando un tuo connazionale muore in questo modo, mentre un esercito di centomila giovani maschi africani vive in hotel da anni, sei un governo di traditori. E devi essere abbattuto. Abbattuto e processato dall’unico tribunale che conta: quello del popolo. Questi regolarizzano clandestini e pagano navi di lusso per i clandestini. E poi Simone muore così. https://twitter.com/i/status/1290654968706478082