Epidemia Coronavirus: stanno mentendo! Gli infetti sarebbero molti di piu’

06/02/2020 - Una delle riviste scientifiche piu’ prestigiose del mondo,The Lancet,ha effettuato una stima degli infettati nella sola citta’ di Wuhan
dal primo dicembre al 25 gennaio ed i numeri sono spaventosi.Nel frattenpo la Cina ha ufficialmente chiesto aiuto sanitario all’Europa,che bisogno c’e’ di chiedere un supporto se i casi infetti come ci dicono ad oggi sarebbero solo 15 mila?




(Tradotto con google)
La nuova ricerca sulla modellazione stima che fino a 75.800 persone nella città cinese di Wuhan potrebbero essere state infettate con il coronavirus 2019 (2019-nCoV) dal 25 gennaio 2020. Gli autori avvertono che, data la mancanza di una linea temporale solida e dettagliata di i registri di casi sospetti, probabili e confermati e contatti stretti, la dimensione reale dell’epidemia e il suo potenziale pandemico rimangono poco chiari.
Condividere:
LA STORIA COMPLETA
Coronavirus diagnosis concept (stock image). | Credit: (c) vchalup / stock.adobe.com
Concetto di diagnosi del coronavirus (immagine di riserva).
Credito: © vchalup / Adobe Stock
Una nuova ricerca sulla modellistica, pubblicata su The Lancet , stima che fino a 75.800 persone nella città cinese di Wuhan potrebbero essere state infettate dal coronavirus 2019 (2019-nCoV) dal 25 gennaio 2020.

L’autore senior, il professor Gabriel Leung dell’Università di Hong Kong, sottolinea: “Non tutti coloro che sono infettati da 2019-nCoV avrebbero bisogno o consultare un medico. Durante le urgenti richieste di un’epidemia in rapida espansione di un virus completamente nuovo, specialmente quando la capacità del sistema è essere sopraffatto, alcuni di quelli infetti potrebbero essere sottostimati nel registro ufficiale. “

Spiega: “L’apparente discrepanza tra le nostre stime modellate delle infezioni 2019-nCoV e il numero effettivo di casi confermati a Wuhan potrebbe anche essere dovuto a diversi altri fattori. Questi includono che c’è un intervallo di tempo tra infezione e insorgenza dei sintomi, ritardi nella persone infette che vengono sottoposte a cure mediche e il tempo impiegato per confermare i casi mediante test di laboratorio, che potrebbero influenzare la registrazione e la segnalazione complessive “.

Le nuove stime suggeriscono anche che più grandi città cinesi potrebbero aver già importato decine di casi di infezione 2019-nCoV da Wuhan, in numero sufficiente per innescare epidemie locali.

Le prime stime sottolineano che probabilmente sarà necessario un rapido e immediato potenziamento delle misure sostanziali di controllo della salute pubblica per prevenire grandi epidemie nelle aree al di fuori di Wuhan. Ulteriori analisi suggeriscono che se la trasmissibilità di 2019-nCoV potrebbe essere ridotta, sia il tasso di crescita che la dimensione delle epidemie locali in tutte le città della Cina potrebbero essere ridotte.

“Se la trasmissibilità del 2019-nCoV è simile a livello nazionale e nel tempo, è possibile che le epidemie potrebbero già crescere in più grandi città cinesi, con un ritardo di una o due settimane dietro l’epidemia di Wuhan”, afferma l’autore principale Professor Joseph Wu dell’Università di Hong Kong. “Le grandi città all’estero con stretti collegamenti di trasporto con la Cina potrebbero potenzialmente diventare epicentri di focolai a causa della sostanziale diffusione di casi pre-sintomatici a meno che non vengano attuati immediatamente sostanziali interventi di sanità pubblica sia a livello di popolazione che a livello personale”.

Secondo il professor Gabriel Leung: “In base alle nostre stime, raccomanderemmo vivamente alle autorità di tutto il mondo che i piani di preparazione e gli interventi di mitigazione debbano essere preparati per un rapido dispiegamento, compresa la fornitura di reagenti per test, farmaci, dispositivi di protezione individuale, forniture ospedaliere e soprattutto risorse umane, specialmente nelle città strettamente legate a Wuhan e alle altre principali città cinesi “.

Nello studio, i ricercatori hanno utilizzato modelli matematici per stimare le dimensioni dell’epidemia sulla base dei dati del caso 2019-nCoV ufficialmente riportati e dei dati di viaggio nazionali e internazionali (ad es. Treno, aereo, strada). Hanno ipotizzato che la stima dell’intervallo seriale (il tempo impiegato dagli individui infetti per infettare altre persone) per il 2019-nCoV fosse la stessa della sindrome respiratoria acuta grave (SARS: tabella 1). I ricercatori hanno anche modellato la potenziale diffusione futura del 2019-nCoV in Cina e a livello internazionale, tenendo conto del potenziale impatto di vari interventi sulla salute pubblica che sono stati attuati nel gennaio 2020, incluso l’uso di maschere per il viso e un aumento dell’igiene personale, e le misure di quarantena introdotte a Wuhan 23 gennaio.

I ricercatori stimano che nelle prime fasi dell’epidemia di Wuhan (dal 1 ° dicembre 2019 al 25 gennaio 2020) ogni persona infettata da 2019-nCoV avrebbe potuto infettare fino a 2-3 altri individui in media e che l’epidemia è raddoppiata in taglia ogni 6,4 giorni. Durante questo periodo, fino a 75.815 persone avrebbero potuto essere infettate a Wuhan.

Inoltre, le stime suggeriscono che i casi di infezione 2019-nCoV potrebbero essersi diffusi da Wuhan a molte altre principali città cinesi a partire dal 25 gennaio, tra cui Guangzhou (111 casi), Pechino (113), Shanghai (98) e Shenzhen (80; figura 3). Insieme, queste città rappresentano oltre la metà di tutti i viaggi aerei internazionali in uscita dalla Cina.

Mentre le stime suggeriscono che la quarantena a Wuhan potrebbe non avere l’effetto previsto di arrestare completamente l’epidemia, ulteriori analisi suggeriscono che se la trasmissibilità del 2019-nCoV potrebbe essere ridotta del 25% in tutte le città a livello nazionale con maggiori sforzi di controllo, sia il tasso di crescita e la dimensione delle epidemie locali potrebbe essere sostanzialmente ridotta. Inoltre, una riduzione del 50% della trasmissibilità potrebbe spostare l’attuale epidemia 2019-nCoV da una che si sta espandendo rapidamente a una che sta lentamente crescendo (figura 4).

“Potrebbe essere possibile ridurre la trasmissibilità locale e contenere le epidemie locali se misure sostanziali, anche draconiane, che limitano la mobilità della popolazione in tutte le aree colpite sono immediatamente prese in considerazione. Precisamente cosa e quanto si dovrebbe fare è altamente specifico dal punto di vista contestuale e non esiste nessuno- serie di interventi prescrittivi che sarebbero appropriati in tutti gli ambienti “, afferma la coautrice dott. Kathy Leung dell’Università di Hong Kong. “Inoltre, le strategie per ridurre drasticamente i contatti all’interno della popolazione annullando le riunioni di massa, le chiusure scolastiche e introducendo accordi di lavoro da casa potrebbero contenere la diffusione dell’infezione in modo che i primi casi importati, o anche la trasmissione locale precoce, facciano non sfociare in grandi epidemie fuori Wuhan “.

Gli autori sottolineano diversi limiti del loro studio, incluso che l’accuratezza delle loro stime dipende dalla loro ipotesi sulla fonte zoonotica di infezione a Wuhan. Sottolineano inoltre che i modelli presumono che il comportamento durante il viaggio non sia stato influenzato dallo stato della malattia e che alla fine tutte le infezioni presentino sintomi, quindi è possibile che i casi più lievi siano stati trascurati, il che potrebbe sottostimare le dimensioni dell’epidemia. Infine, rilevano che la loro previsione epidemica si basava sui dati sulla mobilità interurbana del 2019 e potrebbe non riflettere i modelli di mobilità nel 2020, in particolare alla luce della minaccia per la salute rappresentata da 2019-nCoV.

Fonte della storia:

Materiale fornito da The Lancet . Nota: il contenuto può essere modificato per stile e lunghezza.

7 commenti:

Sotuknang ha detto...

@ anonimo 6 febbraio 02:51
Leggendo il tuo commento non posso fare altro che togliermi il cappello, come dicono i francesi chapeau, hai fatto una disamina della nostra società oserei dire perfetta. Vorrei solo chiarire alcuni aspetti del mio pensiero :
- Le mie sono opinioni, se ho dato l’impressione di avere certezze chiedo venia. Commento proprio perchè non sopporto le « sentenze ».
- Su destra e sinistra hai ragione…non esistono più ma è umano avere un’idea politica (giusta o sbagliata che sia) ma ti chiedo : Conosci un’ideologia politica che non porti al totalitarismo ? Magari soft, apparentemente trasparente ma tutti i governi alla fine fanno i loschi interessi delle lobbies.
- Sulla vita sessuale degli italiani sei stato da oscar e non aggiungo altro.
- Che ne parlino gli americani di destra delle pietre mica vuol dire che è vangelo, sempre una stronzata resta (per me). Ho i miei ideali ma non sono un fanatico…anzi.
- Mi dispiace anche che questa diatriba possa sembrare una telenovela ma tant’è.
Come già detto altre volte a me dipiace che non firmiate i vostri commenti. Solo per aver il piacere di riconoscere l’interlocutore.

Anonimo ha detto...

Non dimentichiamo che nel mondo da decenni esistono due potenti organizzazioni terroristiche che operano in quasi tutti i paesi dove sono presenti musulmani,Cina compresa e cioè Al Quaeda,Isis e le altre organizzazioni minori a loro associate. Oltre che pesantemente armati con armi convenzionali ed esplosivi conducono da anni anche ricerche su armi chimiche,biologiche e batteriologiche pur di infliggere i più grandi danni possibili ai miscredenti, ed allora perché non contemplare anche la possibilità di un attacco terroristico?

Anonimo ha detto...

Notizie e Approfondimenti > Politica Internazionale >
Coronavirus: la Cina brucia migliaia di corpi infetti di nascosto?
Flavia Provenzani 10 Febbraio 2020 - 16:50
Il governo cinese starebbe bruciando migliaia di corpi infetti da coronavirus, stando all’aumento dei livelli di anidride solforosa nell’aria intorno a Wuhan.
Coronavirus: la Cina brucia migliaia di corpi infetti di nascosto?

Le mappe di calore delle aree cinesi infette da coronavirus suggeriscono che la Cina sta bruciando di nascosto migliaia di corpi infetti al fine di limitare il contagio da coronavirus.

Il numero di prove che mostrano come il governo cinese stia nascondendo l’effettiva gravità dell’epidemia di coronavirus di Wuhan non fanno altro che aumentare. Ogni stima, informatore e report non confermati in via ufficiale mostrano che il numero effettivo di vittime di coronavirus è molto più alto di quanto riferito dal governo cinese.

Proprio la scorsa settimana il miliardario cinese in esilio Guo Wengui ha affermato che le vittime totali del coronavirus sarebbero ben oltre 50.000 - una stima basata sul numero di corpi che i crematori cinesi bruciano ogni giorno. E alcuni dati di recente uscita suggeriscono che la stima di Wengui potrebbe essere corretta.

La Cina sta bruciando migliaia di corpi affetti da coronavirus
L’aumento dei livelli di anidride solforosa indica che i crematori sono sovraccarichi di lavoro.

Una mappa di calore tratta dal portale internazionale Windy mostra un’enorme quantità di livelli di anidride solforosa nell’aria intorno alla Cina continentale.

Billy ha detto...

Non penso che ci siano ideologie politiche efficaci.. Puoi fare bene determinati ambiti e essere scadente su altri.. Purtroppo penso che non si riesca a prendere il bene/utile di tutte le ideologie.. Perché siamo fin dall antichità cresciuti in un mondo dove bisogna schierarsi in due fazioni..(il classico o bianco o nero) e questo vale in tutti gli ambiti.. Dal più banale al più complicato.. Sul fatto Dell America ho semplicemente fatto un esempio su chi espone cosa è talvolta esposta in correnti differenti.. Cmq d ora in poi userò un nome..
Anonimo 2.51

Sotuknang ha detto...

D'accordissimo. Ciao Billy

Sotuknang ha detto...

Non per fare il guastafeste ma vorrei ricordare che stanno bruciando tonnellate di materiali.
Se poi fanno anche altro...

Anonimo ha detto...

Non li ha uccisi il corona virus ma un test di un arma batteriologica ideata per fermare ribellioni di massa, sarebbe stato usato in Venezuela e pekino, ma risultato troppo distruggete hanno fermato la produzione... La pandemia corona virus usata solo per motivare, un domani, gli oltre 50.000 morti. Il corona virus è una semplice influenza potenziamente mortale per il 2% della popolazione... ��

 SEGUICI SENZA CENSURA SU TELEGRAM

 SEGUICI SENZA CENSURA SU TELEGRAM