Ucraina: spunta fuori un rapporto statunitense dove si afferma che si deve fare la guerra contro i russi

Salvatore Santoru - Come riportato da un articolo di Daniele Raineri sul “Foglio”, il primo febbraio è uscito un rapporto del think thank “The Brookings Institution“, che suona,a detta dell’articolista, come una dichiarazione di guerra da parte degli USA e della NATO contro la presenza russa in Ucraina.
Tale documento di otto pagine, intitolato “Preserving Ukraine’s Independence, Resisting Russian Aggression: What the United States and Nato Must Do” (qua in pdf) vede tra i suoi autori principali personaggi dal calibro dell’ex comandante NATO e attuale presidente dello U.S. Naval Institute Jim Stavridis, e il funzionario governativo e politica Michèle Flournoy, membro dell’influente lobby “Council of Foreign Relations“, e oltre al “Brookings Institute”, è stato redatto con la collaborazione del “Chicago Council on Global Affairs” e dell’influente think thank “Atlantic Council“.



Intanto, il 21 gennaio il generale della “US Army Europe” Ben Hodges aveva annunciato l’invio di soldati statunitensi in Ucraina, e stando al “New York Times” del primo febbraio, nell’amministrazione Obama si sta valutando seriamente l’ipotesi di mandare armi all’esercito di Kiev.



Ma secondo diverse fonti gli USA e la NATO ( così come ovviamente la Russia dall’altra parte ) stanno già avendo una considerevole parte nel finanziare e armare l’esercito ucraino. Molto interessante su ciò è sapere che a Mariupol, una reporter ucraina che girava un documentario sulla città distrutta dai combattimenti tra l’esercito ucraino e i separatisti filorussi, è riuscita a filmare dei veri e propri mercenari statunitensi “infiltrati” nell’esercito di Kiev.



La sensazione è che siamo purtroppo alla vigilia di un vero e proprio conflitto armato, come hanno denunciato tra gli altri l’analista statunitense Paul Craig Roberts e l’ex presidente sovietico e Premio Nobel per la Pace Mikhail Gorbachev.

FONTE: Ucraina: spunta fuori un rapporto statunitense dove si afferma che si deve fare la guerra contro i russi

3 commenti:

Anonimo ha detto...

Entro il 2020 gli USA devono conquistare tutto il pianeta a qualsiasi costo...quindi prepariamoci alla terza guerra mondiale.....kit e istruzioni per la sopravvivenza vengono rilasciati negli USA a dipendenti di multinazionali varie che contano...quindi .....

Anonimo ha detto...

E meno male che quei coglioni hanno dato anche il nobel per la pace al organo genitale maschile con le orecchie ops scusate a Osama ops Obama...
Esplodera lo Yellowstone o si sveglieranno le varie faglie da st.Andrea a cascadia,
Così invece di rompere i coglioni a tutto il mondo avranno un po' di tempo per leccarsi le ferite!
Per i perbenisti:Mi dispiacerebbe MOLTO per i civili che non ne possono nulla,ma non vedo altra soluzione possibile che sia utile per far abbassare la cresta a coloro che con il PRETESTO di esportare la democrazia stanno per scatenare la 3a.guerra mondiale!
Dani.

Anonimo ha detto...

Per anonimo 11:01
Se è vero quello che dici io posso anche dirvi addio, abito vicino alla base di aviano e con 70 ordigni sotto il culo non potrebbe salvarmi neanche il bunker più grande del mondo. Eh già, per me il viaggio è finito sicuramente!! Anche se penso che il viaggio, in realtà, sia finito per tutta la vita del "planet".

SOSTIENI TERRA REAL TIME CON UNA DONAZIONE

Post più popolari

 SEGUICI SENZA CENSURA SU TELEGRAM