Centinaia di scimmie uccise e scartate come rifiuti perche' inutili per i laboratori britannici!


BUAV: "INUTILI PER I LABORATORI BRITANNICI" (VIDEO-CHOC)


Un'indagine BUAV ha scoperto il massacro terribile di centinaia di scimmie nell'allevamento di primati per la Noveprim a Mauritius. Immagini scioccanti mostrano le scimmie scartate morte e accatastate in pile sul pavimento o smaltite in bidoni come la spazzatura. Altre immagini mostrano corpi mutilati in attesa dell'incenerimento.

Secondo l'associazione animalista, questo massacro barbaro è destinato a continuare per tutto novembre, presumibilmente perché i laboratori all'estero chiedono primati che pesano meno di tre chili e mezzo. La maggior parte delle scimmie uccise sono maschi adulti di peso superiore ai quattro chili, anche se la BUAV ha appreso che Noveprim uccide anche donne in stato di gravidanza e i piccoli in quanto l'azienda non può usare questi animali. L'uccisione di questi animali altamente sensibili, intelligenti, è del tutto inaccettabile.

Noveprim è uno dei principali esportatori di scimmie verso il Regno Unito, la Spagna e gli Stati Uniti. La società è approvata dal ministero dell'Interno britannico per la fornitura di scimmie ai laboratori inglesi. Un altro stretto collegamento con il Regno Unito sta nel fatto che Covance Laboratories Ltd, l'impianto di test a contratto ad Harrogate, in Inghilterra, è il secondo maggiore azionista Noveprim.

Ironia della sorte, una dichiarazione d'intenti della Noveprim afferma che l'azienda "fornisce assistenza professionale sanitaria per le scimmie, assicura il loro benessere e le tratta con rispetto, in linea con le raccomandazioni dell'Aaalac". L'associazione internazionale per la valutazione e l'accredimento della cura degli animali nei laboratori, Aaalac-International, deve visitare Noveprim nel mese di novembre
La BUAV ha anche saputo che, nonostante questo massacro, Noveprim continua ad avere trappole per scimmie selvatiche. E, allora, chiede al primo ministro di Mauritius di prendere provvedimenti immediati per fermare questi omicidi e per rimettere in libertà i primati. Non solo: l'associazione prega anche il governo del Regno Unito di vietare l'importazione di scimmie da Mauritius.
Sarah Kite, direttrice dei Progetti speciali per BUAV, ha detto: "Questo è un massacro crudele e insensato. E' inaccettabile che le scimmie che sono state sfruttate per anni vengano semplicemente scartati perché non servono più a questa società. Queste scimmie dovrebbero essere rimesse in libertà in modo che possano vivere il resto della loro vita liberamente. Importando scimmie da questa azienda, il Regno Unito perpetua questa crudeltà spaventosa. La BUAV chiede al governo britannico di vietare l'importazione di primati da Mauritius immediatamente".
E non finisce qui. Un'importante indagine svolta dalla BUAV nel settembre 2010 ha ottenuto prove scioccanti sulla crudeltà e sulla sofferenza nella cattura e nell'allevamento delle scimmie selvagge dell'isola. Da allora, la BUAV ha lanciato una campagna di sensibilizzazione, Sov Nou Zako (Save Our Monkeys). I principali gruppi religiosi e socio-culturali e la gente comune stanno sostenendo gli sforzi della BUAV e preoccupazione è stata espressa da tutto il mondo, compresi i membri del Parlamento del Regno Unito.

1 commento:

barbaranotav ha detto...

rimetterle in libertà no eh?

La scienza è solo cultura di morte
Vermi maledetti!

Post più popolari