Mascherine obbligatorie: veleno in faccia – un cocktail chimico davanti a naso e bocca

20/04/2021 - Visibile al microscopio: nell’umidità raccolta della maschera si formano funghi e altri germi pericolosi che rilasciano tossine ed entrano nel nostro corpo attraverso l’inalazione. Ma questo è solo un aspetto. Vedi
qui

***********

Le accuse risalgono a un articolo dell’11 febbraio 2021 con il titolo “Obbligo di maschera: veleno in faccia”. L’articolo riguarda le dichiarazioni dell’associazione non-profit “Hamburger Umweltinstitut” su mascherine presumibilmente dannose. Le affermazioni provengono dal direttore scientifico dell’istituto, l’ingegnere di processi chimici Michael Braungart. Tra le altre cose, descrive le mascherine in questione come “rifiuti pericolosi”. Il menzionamento di questo rapporto non vuole essere allarmista, ma incoraggiare l’indagine critica.

Si tratta il tema delle mascherine FFP2 che non sono essenzialmente progettate per un uso a lungo termine e per filtrare i virus, principalmente erano offerte come maschere antipolvere in vendita nei negozi di ferramenta. Non erano considerate affatto maschere mediche. Le mascherine mediche invece non sono progettate per giorni di utilizzo, sono prodotti usa e getta per i rispettivi usi e sono rifiuti medici pericolosi.

Una questione a parte che non viene affrontata qui: Le Mascherine sono una bomba ambientale pronta ad esplodere.



***********

Maschere obbligatorie: Veleno in faccia

Di Florian Schwinn

Tutto sommato, teniamo davanti al naso e alla bocca un cocktail chimico che non è mai stato testato per la sua tossicità e mai per gli effetti a lungo termine

È stata la paura dei mutanti del virus Sars-CoV2 che ha portato a metà gennaio i primi ministri a inasprire ulteriormente l’obbligo della maschera (ndr si riferisce alla Germania, ma in Italia non va meglio). Da allora, abbiamo dovuto indossare maschere FFP2 o OP nei negozi e sui trasporti pubblici. E sono proprio queste mascherine che non sono adatte a questa utilizzazione, perché “quello che ci mettiamo sulla bocca e sul naso è in realtà un rifiuto pericoloso”, dice il Prof. Michael Braungart, il direttore scientifico dell’Istituto Ambientale di Amburgo.

Anche se il tessuto della maggior parte delle maschere FFP2 sembra carta, si tratta di una termoplastica: il polipropilene. Inoltre, ci sono adesivi, leganti, antiossidanti, stabilizzatori UV in grandi quantità. Per di più, i ricercatori dell’Istituto Ambientale di Amburgo e dell’Università Leuphana di Lüneburg, dove Michael Braungart è professore di ecodesign, hanno trovato idrocarburi organici volatili nelle maschere certificate.

In alcuni c’erano anche grandi quantità di formaldeide o anilina e poi in aggiunta fragranze artificiali, che dovrebbero mascherare lo sgradevole odore chimico. Nel caso delle maschere chirurgiche tinte di blu, di solito si usa anche il cobalto come colorante.

Tutto sommato, mettiamo davanti al naso e alla bocca un cocktail chimico che non è mai stato testato per la sua tossicità e mai per gli effetti a lungo termine. E poiché le sostanze chimiche da sole non sembrano essere sufficienti, inaliamo anche particelle di microfibre che sono della dimensione giusta per depositarsi nei nostri polmoni o viaggeranno ulteriormente attraverso il corpo a partire da lì.

Ogni porcheria del mondo

I politici che ci impongono questo cocktail chimico con microplastiche nelle maschere partono da premesse completamente sbagliate, dice Michael Braungart. Lo stesso vale per le persone che indossano le maschere:

Pensiamo che, trattandosi di materiale chirurgico, dovrebbe essere sano. Ma dato che la maggior parte delle persone in Cina, dove la maggior parte delle maschere sono fatte, non hanno mai pensato all’ambiente, useranno qualsiasi cosa che funzioni. C’è tutta la sporcizia del mondo dentro.

Michael Braungart, direttore scientifico dell’Istituto Ambientale di Amburgo.

Il problema di base: gli ingredienti delle maschere non sono soggetti al benestare. Viene testata solo la funzionalità. Se la maschera mostra un effetto di filtraggio sufficiente, viene certificata. E poi soprattutto alle persone più anziane arriva una lettera dal governo federale con due buoni con i quali possono prendere sei maschere ciascuno in farmacia per un pagamento supplementare di due euro. Proprio le farmacie provvedono a far sì che la gente prenda il suo cocktail di veleno.

Le fibre microplastiche che si staccano dal tessuto della mascherina sono particolarmente problematiche. Il team di Michael Braungart ha fatto esaminare le mascherine e ha trovato proprio quelle fibre che sono le più pericolose secondo la definizione dell’assicurazione sociale tedesca contro gli infortuni (DGUV). La “Staub-Info” della DGUV afferma:

“Le particelle fibrose si presentano nell’aria come particelle di sostanze inorganiche o organiche che hanno una geometria allungata. Le fibre che hanno una lunghezza > 5 µm, un diametro < 3 µm e superano un rapporto lunghezza-diametro di 3:1 giocano un ruolo speciale, poiché solo quelle possono penetrare nel tratto respiratorio più profondo. Le fibre di questa geometria sono anche chiamate fibre WHO”.

Sul sito di Assicurazione Infortuni net, ci sono lunghe istruzioni delle associazioni di assicurazione della responsabilità civile dei datori di lavoro sulla sicurezza sul lavoro in caso di utilizzo di tali fibre, e dei link all’Istituto federale per la sicurezza e la salute sul lavoro, che elencano le varie TRGS, le regole tecniche per la gestione delle sostanze pericolose. E sono proprio queste sostanze nocive che ci vengono imposte in faccia. Anche senza un virus è possibile un danno ai polmoni.

Mezz’ora nel forno e riscaldare a cinquanta gradi.

Cosa fare? Il chimico e ingegnere di laboratorio Michael Braungart raccomanda di mettere le maschere FFP2 e chirurgiche per mezz’ora nel forno e riscaldarle a cinquanta gradi prima dell’uso. La plastica non può sopportare di più, ma questa temperatura è sufficiente per far evaporare gran parte del cocktail di inquinanti che contiene. Così per lo meno non avrete questo sotto il naso.

Inoltre, non dovremmo indossare le maschere per molto tempo. I test hanno dimostrato che l’abrasione delle fibre di microplastica del tessuto della maschera aumenta significativamente nel tempo. Anche lo stress meccanico nel mettere e togliere le maschere porta ad una maggiore abrasione delle fibre. Il personale medico o infermieristico che indossa le mascherine solo quando va in sala operatoria o in terapia intensiva, e si libera delle mascherine quando esce, è esposto in modo molto minore alle microfibre rispetto alle persone che devono indossare le maschere per lunghi viaggi o al lavoro per molte ore.

In ogni caso, le maschere non sono adatte per usi multipli. Il governo federale non sembra rendersene conto, dato che fornisce ai pensionati solo sei maschere a prezzo scontato per due mesi interi.

Certamente, potremmo ancora sottoporre una delle cosiddette mascherine comunitarie, che non sono più ammesse nei negozi o sui trasporti pubblici, ai cocktail chimici prescritti, sperando che funga da filtro contro le microplastiche. Ma poi si hanno due maschere sul naso, il che non facilita la respirazione, come si può sospettare e come dimostra l’autoesperimento. Ma con una mascherina di tessuto particolarmente sottile potrebbe funzionare.

Rimedio!

“L’unico vantaggio di know-how che abbiamo noi europei è quello ambientale e sanitario”, dice Michael Braungart: “E dovremmo usarlo!”

Così a maggio, insieme a studentesse dell’Università Leuphana, il professore ha fondato una società a responsabilità limitata senza scopo di lucro che mira a trasformare in applicazioni pratiche le conoscenze sui cicli dei materiali e sui materiali che vengono accumulate nei corsi di laurea ed elaborate in articoli specialistici. La start-up si chiama Holy Shit (ndr pare che il nome non sia uno scherzo) ed è inizialmente una società di consulenza per le aziende che vogliono convertire i loro prodotti allo standard “Cradle to Cradle”. Il principio cradle-to-cradle organizza i processi dei materiali in modo tale che non si producano rifiuti, e quindi inquinanti.

Fondata nel bel mezzo della pandemia, la start-up Holy Shit ha sviluppato come primo prodotto proprio anche una mascherina per il viso senza sostanze inquinanti e completamente biodegradabile. In collaborazione con la società svizzera Climatex AG, questa mascherina Viva è ora prodotta e distribuita dalla società bavarese Viotrade GmbH. Consiste – no, non di cotone, ma di cellulosa certificata FSC. Perché, a differenza del cotone, la cellulosa non è un terreno fertile per i batteri, anche quando è indossata per lunghi periodi di tempo.

I giovani progettisti hanno cercato a lungo un materiale adatto e poi hanno dato alla mascherina una forma a doppio strato, in cui ora può essere inserito un tessuto che soddisfa lo standard FFP2. Questo non è ancora disponibile in forma biodegradabile, ma è possibile rimuoverlo prima di lavare la maschera e reinserirlo per indossarlo. A proposito di lavaggio: La mascherina dovrebbe resistere per cinquanta volte. Dopo di che si può mettere nel compost, o direttamente in un vaso di fiori, dicono gli sviluppatori.

I produttori stanno attualmente lavorando per far certificare la combinazione di mascherina di cellulosa e fibra FFP2. Una volta raggiunto questo obiettivo, ci sarà un’alternativa ai cocktail inquinanti delle maschere di microplastica che può reggere anche al controllo della polizia.

Nel frattempo, sarebbe un bel compito per il Ministero Federale della Salute controllare le mascherine prescritte dai governi federali e statali riguardo alla loro nocività per la salute. Magari anche Jens Spahn e Lothar Wieler vorrebbero sapere che cosa hanno in faccia. E quali danni a lungo termine la regolamentazione della mascherina causerà al nostro sistema sanitario tra qualche anno.

Traduzione a cura di Nogeoingegneria


Tutto questo non mette in discussione la necessità dell’uso di una mascherina in questa cosiddetta emergenza pandemica.
Questo è un altro capitolo e non meno importante per le conseguenze di ampia portata di altra natura. Vedi qui.

In molti paesi sono stati trovati contaminanti nelle maschere. Un esempio recente dal Lussemburgo/Belgio – maggiori informazioni qui


26.03.2021 Indagine scientifica su una maschera FFP2

I seguenti sono i risultati degli esami di una maschera FFP2 e valutati graficamente. Questa è una maschera FFP2 di fabbricazione cinese, che è stata rilasciata il 4 marzo 2021 dietro presentazione di un voucher alla Bahnhofsapotheke di Amburgo. Non abbiamo ricevuto alcun reclamo riguardo a questa maschera (ad esempio, odore, ecc.).

Durante questa indagine, è stato possibile identificare le singole sostanze. Mentre le concentrazioni individuali di queste sostanze sono relativamente basse, la quantità totale delle emissioni è considerevole. Non è possibile valutare le possibili interazioni degli inquinanti tra di loro, poiché ci possono essere diverse interazioni sinergiche per ogni sostanza, cioè possono avere effetti diversi. Per illustrare con un esempio: questo può verificarsi come interazione dopo l’assunzione combinata di una compressa di aspirina e un bicchiere di vino rosso. Può portare a un’interazione che può avere lo stesso effetto come se aveste bevuto un’intera bottiglia di vino rosso.

Statistiche-Grafiche e Informazioni Vedi qui

Michael Braungart (nato nel 1958) è un chimico tedesco che sostiene che gli esseri umani possono avere un impatto ambientale positivo invece che negativo riprogettando la produzione industriale e quindi che la dissipazione non è un rifiuto. E’ considerato un pensatore ambientale visionario. Un personaggio da approfondire.

Fondatore di EPEA International Umweltforschung GmbH ad Amburgo, Germania, e co-fondatore di MBDC McDonough Braungart Design Chemistry a Charlottesville, Virginia, il dottor Braungart è attualmente professore di Eco-Design all’Università Leuphana di Lüneburg.

Attualmente è titolare della cattedra Cradle-to-Cradle presso l’Università Erasmus di Rotterdam, nei Paesi Bassi.

L’Istituto per l’ambiente di Amburgo: http://hamburger-umweltinst.org/de

Le fibre dell’WHO sul sito della DGUV: https://www.dguv.de/staub-info/was-ist-staub/fasern/index.jsp

Dalla culla alla culla: https://c2c.ngo/

Holy Shit: http://hs-c2c.info/index.html

Mascherina Viva: https://vivamask.de/

9 commenti:

Sotuknang ha detto...

Vero, veleno in faccia...il cobalto si trova nei cosmetici, nelle leghe delle pentole e in mille altri posti. Pure la carta igienica è trattata con elementi chimici...poi ci si chiede perché brucia il...
Trovatemi una cosa che indossiamo, che usiamo, che mangiamo che non sia contaminata. Perché le mascherine dovrebbero essere diverse? Adesso anche il calcio non sarà più come prima, forse già non lo era, addio al "Clamoroso al Cibali". Rilassatevi altrimenti i veleni entrano più velocemente in circolo, non bisogna per forza trovare un complotto in ogni cosa. La speculazione c'è e ci sarà sempre purtroppo

Anonimo ha detto...

Se il cobalto si trova dapertutto, perche tu,io e centinaia di milioni di altre persone stanno bene? Vogliono farci stare male, come per i vaccini somministrati?

Anonimo ha detto...

Che ipocrisia il primo commento!!!

Sotuknang ha detto...

Non ho detto dappertutto, ho detto in mille...

Sotuknang ha detto...

Di sicuro usi la carta igienica contaminata, da come scrivi ti brucia il culo. Dove è che sono stato ipocrita?

Anonimo ha detto...

Consiglio:se dopo aver usato la carta igienica il di dietro brucia,è segno che sono rimasti "in loco" residui fecali e occorre lavarsi!saluti.

Sotuknang ha detto...

Aiuta anche una buona carta grana 2000

Anonimo ha detto...

Sotuknang o come cavolo ti definisci, tu si che sei un maleducato nato, oltre che ipocrita e disinformato. Usala tu la carta igienica contaminata, visto che ne sei informato ma lascia stare certi commenti da puro ipocrita capito? Oppure usa la testa e chiediti perche poi alla fine devi leggere certe risposte irrispettose

Sotuknang ha detto...

In verità, in verità ti dico:
1) ho commentato il post, tu hai commentato me dandomi dell'ipocrita.
2) mai detto che sono informato anzi non sopporto chi dice di essere a conoscenza di complotti mondiali super segreti che super segreti non sono se un povero sfigato li snocciola liberamente su internet.
3) pensi davvero che la carta igienica sia vergine cellulosa?
4) non ho ancora capito dove sono stato ipocrita. Me lo spieghi?
5) per quale motivo mi dovrei fare delle domande sul perché ricevo delle risposte irrispettose? Non mi frega una mazza di quello che tu o altri scrivete su di me.
6) adesso ti brucia anche lo stomaco per la rabbia che messo insieme all'altro fastidio ti si aggraverà l'eiaculatio precox.
PS tempo fa c'era uno che mi dava sempre dell'ipocrita su un altro blog, mica sei te?
Ti abbraccio

 SEGUICI SENZA CENSURA SU TELEGRAM

 SEGUICI SENZA CENSURA SU TELEGRAM