28 giugno 2018

Prende forma l’Esercito Europeo ma l’Italia rimane fuori

Oggi nove Paesi dell’Unione europea formalizzeranno la creazione di una forza militare di intervento con un’intesa che dovrebbe essere firmata in Lussemburgo

da Francia, Germania, Belgio, Gran Bretagna, Danimarca, Olanda, Estonia, Spagna e Portogallo in occasione del vertice del Consiglio degli Affari esteri dell’Ue. L’Italia aveva inizialmente mostrato la volontà di partecipare, ma il ministro della Difesa francese Florence Parly  ha fatto sapere in un’intervista rilasciata ieri a Le Figaro che il nuovo Governo di Roma “non ha ancora preso una decisione definitiva”.  I ministri degli Esteri dei 28 Paesi membri sono in Lussemburgo per una sessione congiunta con i ministri della Difesa nella quale, in cima alla lista dei temi da discutere, si parlerà del conflitto in Yemen ma, soprattutto, del futuro della Cooperazione strutturata permanente (PESC) lanciata nel 2017.


I primi promotori di una forza di intervento militare capace di essere dispiegata e di agire in tempi brevi sono stati nel giugno del 2017 proprio i francesi con il loro presidente Emmanuel Macron. Allora la Commissione europea su iniziativa francese decise di dare il via a un fondo per la Difesa comune pari a 5 miliardi di euro e che avrebbe dovuto supportare i Paesi dell’Ue svantaggiati nel settore dell’industria militare. Alla fine del 2017, 25 paesi membri dell’Ue – tranne Gran Bretagna, Danimarca e Malta – hanno firmato un documento comune presentato poi al Consiglio europeo che segnò ufficialmente la nascita della politica estera e di sicurezza comune(PESC).

La Francia di Macron ha iniziato a spingere con maggior vigore per portare avanti il progetto di una Difesa comune non appena la Gran Bretagna è uscita dall’orbita europea con il referendum per la Brexit. Londra è sempre stata contraria a progetti di Difesa che potrebbero tagliarla fuori dal convoglio europeo minando contemporaneamente il suo ruolo nella NATO e quindi la sua influenza sul continente europeo e sulla sua politica estera. Con l’uscita dai giochi del Regno Unito a Parigi hanno iniziato immediatamente ad adoperarsi per far sì che la Francia possa mettersi alla guida dell’Europa. E quale miglior modo se non gestire la Difesa comune. Ecco perché sono proprio i francesi i primi sponsor della European Intervention Initiative.



Difesa comune che in Europa si cerca di strutturare da quando è conclusa la Seconda guerra mondiale. D’altronde i padri fondatori del progetto europeo avevano capito fin da subito che prima dell’Unione economico-monetaria e politica sarebbe stata provvidenziale una difesa europea, che avrebbe aumentato esponenzialmente la fiducia degli stati membri nei confronti del progetto nato dalle ceneri delle due guerre mondiali.

Oggi, comunque la si pensi, è un giorno importante per la storia e il futuro dell’Unione europea. Ed è un peccato che un membro fondatore come l’Italia rimanga, nuovamente, fuori dai giochi.


Fonte Gli Occhi della Guerra
SEGUICI SENZA CENSURE SU TELEGRAM

4 commenti:

Farouq ha detto...

Popoli storicamente aggressivi, aggressività che ha portato allo sviluppo tecnologico ma ora basta, avete rotto i col...

Anonimo ha detto...

Meno male.. Meglio così..

Sotuknang ha detto...

A me sembra inutile. Sono le stesse nazioni che fanno parte della NATO (se non erro). In caso di attacco si ha "l'obbligo" di intervento.
Poi difendersi da chi? Dalla Russia? Starei più attento all'evoluzione che sta assumendo la Turchia anch'essa facente parte della NATO ma con una strana deriva. Il "Sultano" Erdogan spesso evoca i nuovi Ottomani.

Anonimo ha detto...

Sono d'accordo con te Sotuknang,inoltre,appena sento che ci vorrà tanto denaro per fare qualsiasi cosa,con la corruzione che c'è anche in Europa,subito mi viene il sospetto che vogliano lucrarci sopra.Del tipo:rastrelliamo tot denaro e una percentuale ce la pappiamo noi.Forse qui non interessa perchè dovrebbero solo sborsare senza profitto e non hanno ancora messo "le mani in pasta" ma vedrai che se si mettono d'accordo,parteciperà anche l'Italia.Ma prima di tutto,sono convinta che gli stati europei hanno sempre avuto timore di un'eventuale ribellione generale e siccome sanno che la Nato non aiuterebbe in questo caso,forse,allora, si vogliono difendere con il "loro" esercito.Come disse una volta un tizio durante una riunione a Bruxelles "se i popoli sapessero cosa state facendo non campereste fino a domattina".

Post più popolari

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...