Ministero della Salute: Le 44 aree d’Italia più inquinate e a rischio tumori

Dati più che allarmanti direttamente dal Ministero della Salute; in Italia esistono ben 44 aree inquinate oltre ogni limite di legge, in cui l’incidenza di tumori sta aumentando statisticamente a dismisura. Nelle zone maggiormente contaminate, le malattie tumorali sono aumentate anche del 90% in soli 10 anni.




I RISCHI PER LA SALUTE – Non meno di sei milioni di persone sono esposte a malattie potenzialmente mortali: tumori, malattie respiratorie, malattie circolatorie, malattie renali e neurologiche. La causa è quasi sempre il galoppante inquinamento industriale, che spinge l’incidenza oncologica ed in particolar modo il cancro alla tiroide, il tumore alla mammella ed il mesotelioma, ossia il tumore che nasce dalle cellule del mesotelio ed è associato soprattutto all’esposizione all’amianto.




Agli impressionanti dati del Ministero della Salute si aggiungono quelli di “Mal’Aria di Città 2016”, pubblicato da Legambiente.

L’inquinamento in Italia uccide quasi 60mila italiani e costa alle casse dello Stato almeno 47 miliardi di euro.

Basti pensare che nel 2015 in 48 capoluoghi di provincia più della metà del totale hanno superato i limiti di legge delle concentrazioni di Pm10 misurate dalle centraline, fissati in 50 microgrammi per metro cubo per più di 35 giorni. Si tratta del numero massimo di superamenti consentiti dalla legge in un anno.




LE AREE PIU’ A RISCHIO – Frosinone si aggiudica il triste primato di città dall’aria più inquinata: ha infatti superato i limiti di legge per ben 115 giornate; di seguito troviamo Pavia con 114, Vicenza con 110, e due capoluoghi di regione come Milano e Torino con 101 e 99 giornate di aria irrespirabile; Roma, con i suoi 65 giorni oltre la soglia d’attenzione, si posiziona al venticinquesimo posto.




Oltre al Pm10, gli apparecchi hanno registrato anche la concentrazione di Pm2.5, che a differenza del Pm10 – che ferma la sua corsa nei bronchioli – è purtroppo in grado di penetrarefino ai polmoni: le dimensioni delle sue particelle, infatti, non superano un quarto di centesimo di millimetro. Per legge questo tipo di inquinanti non dovrebbero superare i 25 microgrammi al metro cubo e, da questo punto di vista, la situazione appare leggermente migliore, in quanto troviamo solo Cremona (27), Milano e Monza (26) oltre il limite annuale.




Per quanto riguarda l’ozono, invece, i dati sono molto più gravi. Ben una città su tre ha superato il valore soglia e nel 2014, i limiti sono stati superati in 28 capoluoghi di provincia, con Rimini e Genova in testa.




Lo scorso dicembre il Ministero della Salute ha diramato una mappa che riporta le 44 aree d’Italia inquinate oltre ogni limite di legge. Si tratta di aree in cui il rischio di ammalarsi di tumori è più elevato rispetto alle altre e dove, appunto, si calcola che i tumori siano aumentati del 90% in soli 10 anni.




penisola22




LE PROPOSTE – Il rapporto “Mal’aria di città 2016” di Legambiente si conclude con alcune proposte per combattere e per lo meno tentare di limitare l’inquinamento.

Prima di tutto, incrementare il trasporto su ferro e limitare la circolazione dei veicoli alimentati a gasolio, costruire nuove piste ciclabili nelle aree urbane, estendere su tutto il territorio nazionale il modello dell’Area C di Milano e stabilire per legge che tutti i proventi della sosta vengano investiti per rendere più efficiente il trasporto pubblico locale.

https://quifinanza.it/soldi/le-44-aree-invivibili-piu-inquinate-ditalia-la-mappa-del-ministero-della-salute/60790/


SEGUICI SENZA CENSURE SU TELEGRAM

2 commenti:

Anonimo ha detto...

NON Aumentano solo il tumore o il cancro, ma varie centinaia di altre malattie, che nella statistica Non sembrano correlate e quindi malattie normali del "vivere", quando invece sono direttamente dipendenti dalla ENORME Quantità di VELENI inalati, mangiati, a contatto con la pelle e le mucose e bevuti Il meccanismo è il solito : il Veleno cambia il genoma che cambia ciò che la cellula sintetizza. Le centinaia di malattie in regime di vita normale, cioè in popolazioni non moderne, esistono se non in % irrisorie. Se nella società dei Veleni sembra statisticamente normale, in realtà è falsa. Quelli che muoiono di vecchiaia sono % pochi. Tramite gli antibiotici la sopravvivenza è aumentata di moltissimo, contro il problema infezioni batteriche, togliendo il 1° dei problemi che hanno le popolazioni esenti da Velenamenti continui, portando il limite di morte ben oltre i 100 anni, quando invece è 82, in calo proprio x i Veleni. L'anziano che muore senza Veleni, muore sano, in forma, vivo. L'anziano delle zone Velenate muore % di malattia !! Padrin Gianni

paopao ha detto...

SIAMO INDIFESI ED IDIFENDIBILI , LA REALTà è CHE NON SAPPIAMO USARE LE POTENZIALITà CHE ABBIAMO , FACILE CRITICARE ....DIFFICILISSIMO AGIRE ! .....

Post più popolari