La crisi espropria i poveri per dare ai ricchi

L'Italia è un paese a pezzi, che ha perso il 12% di Prodotto interno lordo (Pil) in sette anni, che sta svendendo a passo di carica le sue aziende principali (in attesa di impegnarsi il Colosseo e la Torre di Pisa),
che distrugge posti di lavoro, riduce i salari e le pensioni, offre sempre meno scuola pubblica e fa pagare sempre più cara (ticket l'assistenza sanitaria universale. Un paese in declino, impoverito, senza qualità?
Non per tutti. La specialità della posizione strategica dei ricchi consiste nel poter fare grandi affari proprio quando la crisi morde di più. Un esempio? Prendiamo il patrimonio immobiliare. Milioni di lavoratori dipendenti sono stati obbligati a comprare casa, indebitandosi per la vita, grazie a una politica della casa che ha eliminato l'edilizia popolare e quindi favorito la crescita esponenziale del livello degli affitti, fino a farli valere quanto un mese di salario o poco meno.
Bene. Nella crisi, si perde il posto di lavoro, i soldi comunque non bastano, se hai una malattia hai bisogno di liquidità pronta cassa, ecc. Quindi sei costretto a vender casa proprio mentre i prezzi crollano; e anche rapidamente, perché c'è un sacco di offerta simile alla tua sul mercato. E quindi se vuoi del cash devi abbassare tu stesso il prezzo più dei "concorrenti" uguali a te.
Una pacchia per chi possiede liquidità in abbondanza (società finanziarie, immobiliari, fondi di investimento, ecc) e può così fare incetta di immobili a prezzi di saldo. In attesa della risalita del mattone e delle inevitabili plusvalenze a culo incollato sulla poltrona.
Nel 2008 la ricchezza totale posseduta del 30% più povero degli italiani (sono più di 18 milioni di persone) valeva il doppio delle dieci famiglie più ricche. Fermatevi un attimo a calcolare: in pratica, 9 milioni di persone appartenenti al terzo più povero della popolazione possedeva nel suo insieme quanto le 10 (dieci!) famiglie più ricche. Si può dirlo anche altrimenti: in media, ogni famiglia di questa pattuglia privilegiatissima possedeva quanto 900.000 persone della fascia bassa: 58 miliardi di euro, che a dividerli per dieci o per novecentomila dà numeri decisamente diversi (5,8 miliardi contro 63.000 euro; stiamo parlando di qualsiasi tipo di ricchezza: reddito, case, terreni, gioielli, risparmi, ecc).
Non male, per quei "fortunati". Ma la crisi ha dato loro una bella mano a fare ancora meglio, mentre quelli che avevano mantenuto un lavoro "da fascia bassa" venivano indicati come "privilegiati". Roba da far saltare la pazienza a un papa, diciamo...
Fubini, su Repubblica, ci dà anche qualche nome: Leonardo Del Vecchio, Ferrero, Berlusconi, Giorgio Armani, Francesco Gaetano Caltagirone...
La crisi, dicevamo, ha lavorato decisamente a loro favore: nel 2013 la situazione era radicalmente diversa. I dieci "campioni" della ricchezza nazionale ora totalizzano un patrimonio superiore a quello del 30% più povero. Per loro ci sono 98 miliardi di euro (in media 9,8 a testa, il 70% in più), mentre quei 18 milioni di scalognati hanno perso nel loro complesso il 20%.
Se poi si guarda al quintile più povero (invece che al 30%), il paragone diventa improponibile: quelle dieci famiglie con nome e cognome possiedo sei volte tanto quanto posseduto da 12 milioni di persone.
I dati sono stati pubblicati in uno di quei testi che nessuno legge - una relazione della Banca d'Italia - ma che andrebbero invece messi come letture obbligatorie nelle scuola di ogni ordine e grado.
Che dite? Che così si fomenterebbe l'odio di classe? Ma perché, quelle dieci famiglie (e le altre migliaia appena un po' meno ricche di loro) ci stanno forse dimostrando affetto?
*****
Ma la dsgregazione della piramide sociale descritta sopra non vale solo per l'Italia. Ecco l'articolo dal Sole24Ore, che riporta i dati di Oxfam sulla situazione mondiale.
Il sorpasso dei «paperoni»: nel 2016 l’1% della popolazione possiederà più ricchezza di tutti gli altri
di Nicol Degli Innocenti
LONDRA - Il divario tra ricchi e poveri si sta allargando al punto che entro il 2016 un minuscolo gruppo di miliardari, l'1% della popolazione, avrà più ricchezze del restante 99% del mondo: questa la previsione di Oxfam, l'agenzia internazionale che si batte contro la fame e la povertà, in un rapporto diffuso oggi. Lo studio di Oxfam, pubblicato alla vigilia del summit di Davos, vuole essere uno spunto di riflessione per i leader del mondo riuniti per il World Economic Forum.
Lo scorso anno la percentuale di ricchezza concentrata nelle mani del “top 1%”, che era del 44% nel 2009, é aumentata al 48% del totale e supererà quota 50% nel 2016. Le 80 persone più ricche del pianeta hanno risorse equivalenti ai 3,5 miliardi di poveri che costituiscono il 50% della popolazione globale. Mentre l'élite possiede in media 2,7 milioni di dollari a testa, il 99% si deve accontentare di 3.851 dollari. Utilizzando dati raccolti da Forbes e da Credit Suisse, Oxfam rivela che, mentre un quinto dei miliardari del mondo operano nel settore finanziario e delle assicurazioni, lo scorso anno é stato particolarmente positivo per i leader del settore farmaceutico e sanità, la cui ricchezza é aumentata del 47 per cento.
Secondo Oxfam la disuguaglianza va combattuta non solo per ragioni etiche, ideologiche o sociali, ma anche per motivi strettamente economici. L'eccessiva concentrazione della ricchezza in poche mani infatti soffoca la crescita economica e quindi danneggia le prospettive di ripresa per tutti. Per combattere la disuguaglianza Oxfam propone un piano di azione in sette punti che prevede un giro di vite contro l'evasione fiscale delle imprese, l'imposizione di un salario minimo per tutti i lavoratori, maggiori investimenti in servizi pubblici gratuiti e una riforma fiscale che tassi i capitali e la ricchezza invece del lavoro e dei consumi.
Winnie Byanyima, direttrice esecutiva di Oxfam, che é tra i presidenti del summit di Davos, ha dichiarato oggi che intende sfruttare l'evento per chiedere ai leader del mondo interventi immediati e mirati per ridurre il divario tra ricchi e poveri. «È ora che i nostri leader sfidino i potenti interessi che ostacolano la transizione a un mondo più giusto ma anche più ricco», ha detto Byanyima. «L'aumento della disuguaglianza colpisce i poveri due volte: dando loro una fetta sempre più piccola della torta economica e riducendo la crescita e quindi le dimensioni della torta».
La pubblicazione del rapporto Oxfam può anche essere vista come un sostegno indiretto al presidente americano Barack Obama, che domani nel suo discorso annuale “State of the Union” si prevede chiederà aumenti delle tasse di almeno 300 miliardi di dollari per le persone che hanno i redditi più elevati per ridurre il divario crescente tra ricchi e poveri.
Claudio Conti 

4 commenti:

Alby ha detto...

Le indicazione dell'europa intendono spostare il peso della tassazione dal lavoro ai consumi, così ci saranno salari un po' più alti per comprare prodotto più cari. Perfetto.

Anonimo ha detto...

Bisogna cambiare sistema punto, il capitalismo ha fatto fin troppi danni.

Anonimo ha detto...

Concordo. Abbattere il capitalismo,punto e basta, non ci sono storie è l'unica alternativa se vogliamo sopravvivere.

Anonimo ha detto...

Alleatevi con l'isis,
loro le tagliano.

Post più popolari