De Margerie: un nuovo caso Mattei

Tre mesi fa, l'amministratore delegato di Total, Christophe de Margerie, pronunciava una frase emblema del processo di de-dollarizzazione
in corso nel sistema finanziario mondiale: "Non c'è ragione di pagare il petrolio in dollari”. Frase che pronunciata dall'Ad di una delle multinazionali occidentali più potenti del settore dava la misura del processo epocale di cambiamento in corso. De Margarie, come Mattei a suo tempo, aveva capito che il mondo si muoveva in un'altra direzione e aveva cercato di non restare travolto dagli eventi. Non a caso era a Mosca per firmare una serie di nuovi accordi di cooperazione con Gazprom e non solo. Come Mattei, De Margarie è morto per un incidente aereo, la cui dinamica assume connotati sempre più torbidi. Come riporta RT, i pubblici ministeri russi sostengono che il conducente dello spazzaneve su cui ha urtato in fase di decollo il Falcon di de Margerie era ubriaco, mentre il controllore del traffico aereo per il volo in questione era uno stagista. L'avvocato del guidatore dello spazza-neve, Aleksandr Karabanov, ha però dichiarato che il suo assistito era completamente sobrio e che la condizione del suo cuore gli impediva di bere. “Non vogliamo che la colpa per l'incidente ricada su un uomo comune. Gli inquirenti hanno fatto sapere che saranno prese in considerazione le condizioni di maltempo e la possibilità di un errore da parte del pilota", ha dichiarato l'avvocato. Vladimir Markin della Commissione investigativa russa sul caso ha dichiarato che “ci sono possibilità che un certo numero di lavoratori dell'aeroporto venano sospese per negligenza durante le indagini”. Non ha poi escluso la possibilità di nuovi arresti. Inoltre, Interfax riferisce che la scatola nera del jet Falcon non sarà aperta prima dell'arrivo degli esperti francesi. Lo hanno comunicato gli esperti della Interstate Aviation Committee (IAC). "L'IAC ha preso la decisione di non aprire i registratori di volo prima dell'arrivo di esperti francesi. Ulteriori indagini procederanno in collaborazione con i colleghi francesi in conformità alle norme ICAO e con un accordo tra la IAC e la francese BEA e sulla base di una cooperazione a lungo consolidata ", ha detto il portavoce. La BEA ha nominato un commissario per indagare l'incidente del Falcon e cinque consiglieri, che rappresenteranno la BEA, la Dessault - sviluppatore del piano, e la compagnia aerea Unijet. Dovrebbero arrivare a Mosca questa sera. Le registrazioni del volo e delle fasi antecedenti allo schianto saranno poste alla valutazione dell'IAC e del centro tecnico. Poi sapremo se si è trattato di un incidente o il ripetersi di un nuovo caso Mattei. 

4 commenti:

Anonimo ha detto...

di sicuro è un nuovo caso Mattei.

Anonimo ha detto...

Per non parlare poi del fatto che questo signore era convinto sostenitore della politica di Putin soprattutto sulla questione Ucraina.

Anonimo ha detto...

Gia' a certa gente non succedono
mai incidenti, forse avranno il diavolo dalla loro?
Del tipo politicucci & co.
Dio era in vacanza su Orione.
Orione orione...

Anonimo ha detto...

Ai politicanti,ai potenti e ai prepotenti che dominano il mondo le cose gli vanno sempre bene e alla grande,hai ragione 15:27, quando si tratta di colpire loro,Dio è sempre in vacanza su Urione,pardon volevo dire su Orione. Invece quando si tratta di colpire le persone oneste,che agiscono in maniera giusta,oppure la povera gente, Dio è sempre subito ben presente per colpirli,fargliene passare di tutti i colori,od ucciderli.

Post più popolari