Per la Nestlè gli esseri umani non hanno diritto all'acqua


Peter Brabeck Letmathe è l'attuale amministratore delegato della Nestlè, la più grande corporation nel settore dell'alimentazione .
We Feed the World Cover.jpg
In un'intervista del 2005 apparsa sul documentario " We Feed the World ", praticamente affermò che quello all'acqua non si poteva considerare un diritto per gli esseri umani, dichiarando che l'acqua non è altro che un prodotto commerciale, e per questo è lecito che venga privatizzata e quindi detenuta in poche mani .


Le sue testuali parole sono : 

" La questione su cui riflettere è bisogna o no privatizzare l'acqua ? Si scontrano due punti di vista, su ciò, il primo che definirei estremo è rappresentato dalle ONG per le quali l'accesso all'acqua dovrebbe essere nazionalizzato, in altre parole tutti gli esseri umani devono avere accesso all'acqua.
Questa è una soluzione estrema, e l'altro che dice che l'acqua è un prodotto alimentare e come tutti i prodotti alimentari ha un valore di mercato " .

Continua Letmathe : " è preferibile, secondo me dare sempre un valore a un prodotto cosicchè tutti noi siamo coscienti che tale prodotto ha un valore e che si possano attuare delle misure adeguate " .

Come riporta la sua pagina di Wikipedia, Letmathe è anche membro del consiglio di amministrazione della compagnia petrolifera ExxonMobil, di proprietà dei Rockefeller,  una delle più potenti famiglie di banchieri e industriali internazionali .

Interessante è sentire il famoso discorso all'ONU di David Rockefeller, in cui il famigerato banchiere e petroliere afferma che non essendoci sempre meno risorse da sfruttare, praticamente bisogna dimezzare la popolazione .


Letmathe è anche membro del consiglio di amministrazione di Credit Suisse e dell' Oreal, una delle più grandi multinazionali specializzate in cosmetici e altri prodotti di bellezza .

L'industriale è anche membro del consiglio di fondazione del " World Economic Forum " e membro della European Round Table of Industrialists, una lobby fondata nel 1983 che riunisce i più grandi manager delle multinazionali con sede in Europa e che ha una forte influenza sulle decisioni economiche prese dall'UE .

Ha anche partecipato alle riunioni del del Bilderberg, il meeting che riunisce le più potenti personalità dell'alta finanza,della grande industria e della politica, e il cui obiettivo è la costruzione di un'unico governo mondiale guidato dai potentati finanziari e industriali .

Inoltre,come rivelato dall'agenzia di news " Bloomberg ", ultimamente la Nestlè ha anche lavorato con i Rothschild per studiare la vendita di asset in Sud America .



Letmathe ha fatto capire a che cosa sta lavorando l'elitè mondiale : un mondo basato sulla mercificazione totale dell'essere umano e di ciò che lo circonda, schiavo della dittatura del denaro e del potere di pochi oligarchi che per mezzo di esso esercitano il loro immenso potere sul resto dell'umanità .

http://informazioneconsapevole.blogspot.it/2014/05/per-la-nestle-gli-esseri-umani-non.html

SEGUITECI SU FACEBOOK!!!

5 commenti:

Anonimo ha detto...

Bravissimo questo tizio, diciamo che lo schiavismo è un'idea che non hanno mai abbandonato e oggi seppur qualcosa i lavoratori hanno guadagnato dopo anni di lotta e perdite di denarno i padroni sono tornati all'attacco, questo tizio è parte di una grande mente criminale.Anche in Italia si invoca la riforma del mercato del lavoro e gli elettori(???minchiatona orba) hanno dato mandato al servetto renzi adesso e prima di lui altri, dalli e dalli ritorneremo indietro di 60 anni...buona fortuna !

Anonimo ha detto...

bisogna eliminarli alla radice elementi come questo devono finire di esistere, bisogna distruggere la cupola

Carlo ha detto...

Si abbiano visto la voglia di ribaltare la cupola alle ultime elezioni, sia per scelta che per affluenza.......,siamo dei pagliacci!

Anonimo ha detto...

Il problema è che il popolo italiano è vecchio e senza coraggio,ci vorranno decenni perchè qualcosa cambi,è + facile aspettarsi un cambiamento che venga da fuori.

Anonimo ha detto...

Tu sei un pagliaccio Carlo del pucci.Sei un imbecille pecorone che va dietro la massa e domenica ti sei messo in coda a votare chi te lo mette nel culo.Potevi parlare come hai scritto se non eri andato a votare,ma siccome da quello che hai scritto si desume che sei andato a votare,tu sei un pagliaccio e dicendo siamo,chiaramente ti riferivi a te stesso. Il saluto caloroso che ti mando è: va a cagare stronzo pagliaccio buffone di merda!

CONTRO LA CENSURA SOSTIENI LA LIBERA INFORMAZIONE 

 SEGUICI SENZA CENSURA SU TELEGRAM

 SEGUICI SENZA CENSURA SU TELEGRAM