Ecco cosa succede al cervello quando si medita!

Un'antica leggenda narra che gli dei nascosero la divinità nell'essere umano e solo successivamente gli insegnarono un metodo, la meditazione, per riscoprirla. E ora sappiamo anche quale prodigio genera nel cervello grazie a un team di ricercatori dell'Università norvegese della Scienza e della Tecnologia (Ntnu), dell'Università di Oslo e dell'Università di Sydney. I risultati dello studio sono stati pubblicati sulla rivista Frontiers
in Human Neuroscience. La meditazione è una delle attività più raccomandate per ridurre ansia e stress, migliorare la concentrazione e aumentare il benessere emotivo. Non solo: proprio per le sue potenzialità, è spesso associata ad altre terapie per curare malattie gravi, come il cancro, o per migliorare la perdita di memoria nei pazienti malati di Alzheimer. Ma di questa tecnica esistono diverse varianti. Che secondo gli autori dello studio possono essere suddivise in due gruppi principali. Il primo comprende le tecniche di meditazione di concentrazione, in cui chi medita concentra l'attenzione sul suo respiro o su pensieri specifici e, così facendo, sopprime altri pensieri. L'altro gruppo riguarda invece la meditazione non direttiva, in cui ci si concentra spontaneamente sulla respirazione o su un suono, ma la mente può vagare a piacimento. E tuttavia, pur essendo molto diffusa (non soltanto in oriente, ma anche in paesi come gli Stati Uniti, dove il 7 per cento della popolazione ha usato una di queste tecniche almeno una volta), nessuno sa cosa accada al cervello durante questa attività, come dice Jian Xu, ricercatore del Department of Circulation and Medical Imaging alla Ntnu e responsabile del gruppo di ricerca. Così, Xu e colleghi hanno scelto 14 persone con una lunga esperienza di Acem, una tecnica norvegese di meditazione non direttiva, e li hanno sottoposti a una risonanza magnetica (RM) durante momenti di riposo e mentre praticavano le due diverse tecniche di meditazione. L'area sotto osservazione era il lobo temporale mediale destro, quello che sovrintende al riposo. I risultati dello studio, dicono i ricercatori, sono abbastanza sorprendenti: secondo i dati dell'imaging, la meditazione non direttiva provocava in quest'area non soltanto una maggiore attività rispetto alla meditazione di concentrazione, ma anche rispetto al riposo stesso. “Lo studio indica che la meditazione non direttiva lascia più spazio all'elaborazione dei ricordi e delle emozioni di quanto consenta la meditazione di concentrazione”, commenta Svend Davanger, neuroscienziato dell'Università di Oslo e co-autore dello studio. “La meditazione – conclude Davanger - è un'attività che viene praticata da milioni di persone. È quindi importante che scopriamo come funzioni realmente”. Simona Pascucci Riferimenti: Frontiers in Human Neuroscience Doi: 10.3389/fnhum.2014.00086 Credits immagine: AlicePopkorn/Flickr
SEGUITECI SU FACEBOOK!!!
fonte: http://www.galileonet.it/articles/537dc701a5717a3cc6000075

3 commenti:

Unknown ha detto...

Ottimo articolo! Sono un appassionato della meditazione, pratico il training autogeno e il sapere che la scienza sta dimostrando quello che i saggi hanno sempre detto non può che fare un piacere immenso.Penso che tutti dovrebbero imparare una tecnica di meditazione, la vita sarebbe senz'altro migliore. Una domanda, la meditazione trascendentale che fa uso di mantra segreti come mai costa così cara per impararla? Cordiali saluti a tutti.

Anonimo ha detto...

Secondo me è business se si paga come altre cose. Prova con il Gayatri mantra su YouTube trovi la pronuncia.

Unknown ha detto...

Grazie del consiglio anonimo. Proverò con il gayatri mantra. Ciao.

CONTRO LA CENSURA SOSTIENI LA LIBERA INFORMAZIONE 

 SEGUICI SENZA CENSURA SU TELEGRAM

 SEGUICI SENZA CENSURA SU TELEGRAM