Scoperto un immenso “oceano” di acqua intorno a una stella

Migliaia di oceani terrestri: tanta è l’acqua che ricercatori dell’Inaf e dell’Università di Grenoble (Francia) hanno scoperto intorno a una giovane stella della costellazione del Toro presso la quale potrebbe formarsi un sistema planetario.
La notizia clamorosa è frutto dell’analisi spettrale della luce della stella in questione, lontana da noi 450 anni luce, eseguita grazie a “Herschel”, il telescopio orbitante dell’Agenzia spaziale europea progettato per osservazioni nell’infrarosso. L’acqua si trova nella regione esterna del disco protoplanetario, dove la temperatura è di oltre 100 °C sotto lo zero. Si trova quindi in forma di ghiaccio, aderente a grani di polvere cosmica. La radiazione emessa dalla stella illumina e riscalda gli strati superficiali del disco e quindi i mantelli di ghiaccio sui grani di polvere possono fondere rilasciando parte dell'acqua sotto forma di vapore. Così le principali righe di emissione di questa molecola diventano visibili a lunghezze d'onda del lontano infrarosso (figura). Il disco ricco di acqua si trova tra 10 e 100 unità astronomiche dalla stella. Il gruppo dell’Università di Grenoble è guidato da Linda Podio (Inaf) e ne fanno parte anche Claudio Codella (Osservatorio di Arcetri) e Brunella Nisini (Osservatorio di Roma). “Questa scoperta è importante per gli astronomi e i geologi che studiano l'origine del Sistema solare, e in particolare l'origine dell'acqua sulla Terra”, dice Linda Podio. “Infatti l'ipotesi più accreditata è che il nostro pianeta fosse al secco quando si formò, e che l'acqua vi sia giunta circa 4 miliardi di anni fa, grazie ad asteroidi e comete che si sarebbero formati nelle regioni esterne del nostro disco per poi schiantarsi sulla Terra durante la fase che prende il nome di ‘intenso bombardamento tardivo’. La quantità di acqua che abbiamo osservato nel disco di DG Tau, una stella simile al nostro Sole, rafforza questo scenario”. Altre informazioni: http://arxiv.org/pdf/1302.1410v1.pdf
http://www.astronomianews.it/

1 commento:

Francesco Salistrari ha detto...

http://francescosalistrari.blogspot.it/2012/12/cera-una-volta-una-stella.html

E la storia continua.... saremo capaci una buona volta di ascoltarla davvero?

CONTRO LA CENSURA SOSTIENI LA LIBERA INFORMAZIONE 

 SEGUICI SENZA CENSURA SU TELEGRAM

 SEGUICI SENZA CENSURA SU TELEGRAM