Scienziati avvertono: la placca Indo-Australiana si sta frantumando!


Secondo un gruppo di ricercatori australiani, le sollecitazioni a cui e' soggetta la Placca Indo australiana ,una delle maggiori della litosfera terrestre,porteranno ad una rottura.




La ricerca portata avanti da professore  Mike Sandiford dell'universita' di Melbourne e' finalizzata alla comprensione delle forze che guidano il moto della Terra.Secondo il professore circa il 10 % dell'energia accumulata tra i punti di connessione Sumatra-Java viene trasferita sul versante tettonico australiano provocando naturalmente un aumento dell'attivita' sismica.Le scosse che stanno investendo l'oceano indiano nell'ultimo periodo stanno portando alla separazione delle due placche a causa dello stress tettonico provocato dalla collisione tra la stessa placca e l’Eurasia, lungo l’asse dell’Himalaya.



BANDA ACEH - La sequenza di terremoti enormi che hanno colpito al largo della costa di Sumatra nel mese di aprile può segnalare la creazione di un nuovo confine della placca tettonica.
Gli scienziati ne danno la notizia sulla rivista Nature di questa settimana. Dicono che la loro analisi delle scosse - la più grande è stata di magnitudo 8.7 - suggerisce grandi cambiamenti  in corso sul fondo dell'oceano che alla fine dividerà la placca Indo-Australiana in due.
Non è qualcosa che accadrà presto, ma potrebbe richiedere milioni di anni. "Questo è un processo che probabilmente è iniziato otto a 10 milioni di anni fa, quindi potete immaginare quanto tempo ci vorrà ancora", ha detto Matthias Delescluse dalla Ecole Normale Superieure di Parigi.
Sumatra si trova al di sopra della collisione tra la placca Indo-Australiana e la placca della Sonda. Questi segmenti sul guscio esterno rigido della Terra stanno convergendo fra loro ad una velocità di circa 5-10cm/l’anno.
E 'l'attrito al loro limite - l'incollaggio e scollamento, e l'improvviso rilascio di energia accumulata - che è alla radice di terremoti violenti, come ad esempio l'evento di magnitudo 9,1 del 26 dicembre 2004 che ha scatenato uno tsunami catastrofico.
Ma l’11 Aprile 2012 i tremori, anche se anche in scala immensa, non hanno avuto lo stesso impatto e non hanno generato alcun tsunami. Questo può essere spiegato dalla natura della fagliazione: il cosiddetto strike-slip, dove la roccia sposta orizzontalmente entrambi i lati della linea di rottura, anziché verticalmente in sovrascorrimenti tsunamigeniche.
Le scosse di aprile erano anche molto più a ovest,  direttamente sulla piastra Indo-Australiana in una zona di grandi deformazioni e faglie multiple.

Nessun commento: