12 ottobre 2016

CURCUMA PER IL TRATTAMENTO E LA PREVENZIONE DELL'ALZHEIMER.


La curcuma è stata utilizzata in India per oltre 5.000 anni, che è probabilmente il motivo per cui ancora oggi le popolazioni rurali ed urbane hanno alcuni dei più bassi tassi di prevalenza della malattia di Alzheimer nel mondo. 
Un recente studio su pazienti con Alzheimer ha scoperto che meno di un grammo di curcuma al giorno, preso per tre mesi, ha determinato "notevoli miglioramenti".




Uno studio del 2007 pubblicato sul "Journal of the Alzheimer’s Association" stima che 26 milioni di persone in tutto il mondo soffrono di questa condizione, e che entro il 2050, la prevalenza sarà quadruplicata.


Data la portata globale del problema, l'interesse per gli interventi preventivi e terapeutici sicuri ed efficaci all'interno delle professioni mediche convenzionali e alternative, sono in crescita.








Purtroppo gli approcci basati su farmaci convenzionali si concentrano sul dichiarare guerra chimica al problema, che può causare gravi danni neurologici, come dimostra il fatto che questa classe di farmaci comporta un allarmante alto rischio di crisi epilettiche, secondo le statistiche di sorveglianza post-marketing dell'Organizzazione Mondiale della Sanità.


Quello a cui il pubblico in generale sta quindi maggiormente rispondendo, sono le terapie dimostrate dal tempo, sicure, naturali, e in ogni caso più efficaci, che si basano sui prodotti alimentari, spezie e ingredienti culinari familiari.


Alla fine del 2012, un notevole studio è stato pubblicato sulla rivista Ayu, dal titolo " Effetti della curcuma sulla malattia dell' Alzheimer con sintomi comportamentali e psicologici della demenza". 
I ricercatori hanno descritto tre pazienti con Alzheimer i cui sintomi comportamentali sono stati "notevolmente migliorati", in seguito al consumo di 764 milligrammi di curcuma (curcumina 100 mg / die) per 12 settimane. 


Secondo lo studio:
"Tutti e tre i pazienti hanno mostrato irritabilità, agitazione, ansia, e apatia. Due pazienti soffrono di incontinenza urinaria. 
Sono state prescritte capsule di curcuma in polvere e hanno iniziato il recupero da questi sintomi senza alcuna reazione avversa nei dati dei sintomi clinici e di laboratorio ".
Dopo solo 3 mesi di trattamento, sia i sintomi dei pazienti che il carico sui loro infermieri, sono risultati significativamente diminuiti.


Il rapporto descrive i miglioramenti nel seguente modo:
"In un caso, il punteggio Mini-Mental State Examination (MMSE) è salito di cinque punti, da 12/30 a 17/30. 


Negli altri due casi, nessun cambiamento significativo è stato osservato nel MMSE. Tuttavia i pazienti hanno riconosciuto la loro famiglia all'interno del trattamento di un anno. 
In tutti i casi che hanno preso la curcuma per più di 1 anno, la ri-esacerbazione dei BPSD (Behavioural and Psychological Symptoms of Dementia)) non è stata vista".


Questo studio ha mostrato quanto sia potente un semplice intervento naturale che utilizzi un erba culinaria da tempo testata. 


Dato che la curcuma è stata utilizzata in medicina e come ingrediente culinario per oltre 5.000 anni di cultura indiana, anche raggiungendo lo status di "Dea Dorata", non dovremmo essere sorpresi di questo risultato. 
Infatti, gli studi epidemiologici delle popolazioni indiane rivelano che essi hanno una prevalenza notevolmente più bassa dell'Alzheimer rispetto a nazioni occidentali, e questo è vero sia per le aree rurali sia per quelle urbane "occidentalizzate" dell'India. 


Potrebbe essere la curcuma una delle ragioni principali per questo?


Altre sostanze naturali che hanno mostrato interessanti effetti in caso di Alzheimer sono:


Cacao: Uno studio del 2009 ha rilevato che le procianidine del cacao (molecole della classe dei flavonoidi), possono proteggere contro la perossidazione lipidica associata alla morte delle cellule neuronali in maniera rilevante per l'Alzheimer.


Salvia: Uno studio del 2003 ha rilevato che l'estratto di salvia ha valore terapeutico nei pazienti con lieve o moderato Alzheimer.


Acido folico: Mentre la maggior parte delle ricerche positive su questa vitamina B è stata eseguita sulla versione semi-sintetica, che può avere imprevisti effetti negativi per la salute, la fonte ideale per questa vitamina B sono le verdure a foglia verde.
Inoltre, l'intero gruppo B di vitamine, in particolare la B6 omocisteina-modulante e la B12, possono avere il massimo valore nella prevenzione dell'Alzheimer e nel trattamento.


Resveratrolo: questo composto si trova principalmente in uva, vino, arachidi e cioccolato.


Gingko biloba: è una delle poche erbe che ha dimostrato di essere almeno altrettanto efficace quanto il farmaco Aricept nel trattare e migliorare i sintomi dell'Alzheimer.


Melissa officinalis: la melissa è stata trovata per avere effetto terapeutico nei pazienti con lieve o moderato Alzheimer.




Bisogna ricordare che la prevenzione è una strategia infinitamente migliore, soprattutto considerando che molti degli elementi terapeutici di cui sopra possono essere utilizzati negli alimenti come spezie. 

http://riccamente.blogspot.com/2016/10/curcuma-per-il-trattamento-e-la.html

Nessun commento:

NUOVA ZELANDA: LAMPI DI LUCE SQUARCIANO IL CIELO DURANTE IL TERREMOTO!!!