17 luglio 2016

Il VERO colpo di stato in Turchia? Lo sta facendo Erdogan adesso!


turchia golpeL’unico colpo di stato in Turchia, è quello che sta facendo Recep Erdogan in queste ore, una volta sventato il falsogolpe,
organizzato con tutta probabilità dal presidente turco stesso, insieme ai servizi segreti, forse anchestranieri, ed i vertici militari, che hanno mandato allo sbaraglio alcune migliaia di giovani, in un paese che dispone di oltre un milione di militari, il 70% dei quali ventenni di leva.
Chi conosce un minimo la Turchia, sa bene che i militari turchi sono stati “incaricati” costituzionalmente di vigilare sui governi turchi, evitando derive islamiste o comunque autoritarie. La laicità dello stato in Turchia è Costituzionale, anche se con Erdogan è aumentato notevolmente l’islamismo, da lui coltivato, anche fiancheggiando e facendo affari con loro.
L’esercito turco dal 1960 ad oggi è intervenuto 4 volte, questa è la quinta. Erdogan con il suo “islamismo” ha suscitato forti mal di pancia, e da quando è al potere ha rinforzato notevolmente la polizia, i suoi ‘pretoriani‘, dotandoli anche di mezzi blindati, ufficialmente in chiave anti-terrorismo, ma in realtà per bilanciare la potenza dell’esercito, troppo indipendente dal governo. Ha rinforzato anche i servizi segreti.
Erdogan ha saputo comunque tenere buoni molti “uomini chiave” nell’esercito, dando forza agli uomini a lui fedeli, e adesso con la scusa del golpe potrà fare pulizia dei suoi dissidenti. E sdoganare la riforma costituzionale, che sancirebbe la fine del laicismo che i militari devono proteggere, con l’introduzione della religione in Costituzione. Una riforma che adesso potrà fare, insieme alla tanto desiderata riforma presidenziale, con la quale Erdogan acquisirà un potere senza precedenti, senza necessitare di passare dal parlamento, che comunque controlla.
Il capo dell’opposizione, ha immediatamente definito il falso golpe “una messinscena”, orchestrata proprio per questo.

Il vero golpe è quello di Erdogan

Oltre a sdoganare la riforma della Costituzione e la riforma del presidenzialismo, come spiegato sopra, con questa occasione Erdogan può fare pulizia dei suoi nemici, infatti sono già stati deposti numerosi generali e colonnelli,accusati di aver interagito con i golpisti, e non solo: Erdogan ha rimosso anche 2700 giudici, notizia poco battuta dai media europei, ed in questo modo prenderà controllo totale anche della giustizia, elimiando le sacche di dissidenza rimaste.

Meno poteri per l’esercito e strategia del terrore

I militari coinvolti – fino ad ora ne sono stati arrestati 3.000 – saranno puniti in modo esemplare, proprio per dare esempio agli altri. Si tratta di giovani 20enni mandati allo sbaraglio dai presunti golpisti. Militari che poi si sono arresi per non sparare alla folla. Stanno addirittura parlando di reintrodurre la pena di morte per i traditori.Dopo le purghe erdoganiane, la sostituzione dei vertici con uomini fedeli al presidente, l’esercito non rappresenterà più una minaccia. Ancora meno quando sarà tolto dalla Costituzione il riferimento al laicismo che proprio l’esercito avrebbe dovuto proteggere.

Esercito turco sempre meno influente

Come detto sopra, in passato l’esercito turco fu investito del compito di vigilare ed intervenire per evitare che il paese finisse nelle mani di un dittatore, o condizionato dalla religione, che sarebbe dovuta rimanere al di fuori dello stato. L’esercito turco è sempre stato una spina nel fianco dei governanti turchi. Ma con l’avvio delle procedure di adesione all’UE, ha progressivamente perduto potere. Ne ha perso ulteriormente, con Erdogan, poiché la popolazione si è rapidamente avvicinata agli ideali islamisti, allontanandosi dal laicismo difeso dall’esercito. Infine Erdogan ha rinforzato la polizia ed i servizi segreti, a lui fedeli, ed è riuscito a tenere buoni uomini chiave dell’esercito, scongiurando fino ad oggi golpe. Ma il mal di pancia era tangibile, in frange crescenti dell’esercito, che non vedono di buon occhio la svolta islamista del paese. Minacce che adesso, sono eliminate, con un falso golpe creato ad arte per defenestrare i dissidenti, ridurre il potere dell’esercito e aumentare quello del presidente.

Un golpe male organizzato, dilettantesco

Primo punto: un conto è deporre un presidente inviso alla maggioranza dell’opinione pubblica, come avvenuto in passato, un altro è farlo con un premier forte di ampi consensi, come è oggi Erdogan. Fatta questa premessa, le cose sono state gestite in modo evidentemente grossolano.
  1. Non hanno ucciso o catturato Erdogan: come avrebbero potuto fare, invece lo hanno lasciato libero, anche di trasmettere a video un appello affinché i suoi fedeli scendessero in piazza.
  2. Hanno dispiegato pochi uomini, rispetto al milione di truppe a disposizione dell’esercito. La Marina non ha partecipato. Chi organizza queste azioni, normalmente, le pianifica bene e non va allo sbaraglio con militari che si arrendono alla folla, disarmata, che circonda i carri armati come avvenuto ad Ankara e Istanbul.
  3. Non hanno preso solidamente possesso dei media, capaci di condizionare totalmente la folla.
  4. Molti aspetti sono stati organizzati in modo evidentemente grossolano, hanno mandato qualche centinaia di soldati allo sbaraglio, ad occupare ponti o sparare ad obiettivi dello stato per rendere credibile la storia, ma senza alcuna possibilità di successo. Una vera carnevalata.
Fonte: Veritanwo

4 commenti:

Anonimo ha detto...

L'Europa è un ammasso di coglioxx..stupidi politici puppa soldi..fanno accordi con pazzi criminali come Erdogan..è questa l'Europa!!!!

Anonimo ha detto...

Erdogan è buono perché fa accordi con putin, gli usa lo vogliono spodestare. Lattacco a nizza mi sa che lha organizzato il grande oriente di francia per mantenere hollande al potere anziché far vincere il front national. Sei uno schifo di uomo.

Anonimo ha detto...

13:44 che fai, difendi i ladri? quanto hanno rubato a te in 5 anni? Poco o niente? oppure te ne freghi come tanti altri come te! Sei tu lo schifo di questa società, e non quelli come 11:24 che si ribellano, oggi a parole, domani molto peggio

Anonimo ha detto...

Fino a qualche giorno fa questo stesso blog parlava di "golpe in Turchia" ... adesso invece si riporta la notizia di "un falso golpe" ... Decidetevi ...

L'ORIGINE OCCULTA DELLA CRISI ECONOMICA CHE NESSUNO VEDE...(VIDEO)