12 luglio 2016

Aborigeni della Amazzonia sostengono che c’è un mondo intero all’interno del nostro pianeta.


E se il “Viaggio al centro della Terra” il classico di Jules Verne, fosse proprio vero? E da qualche parte, un nuovo mondo fosse in attesa di essere esplorato, un luogo in cui in qualche modo, alcuni e diversi esseri viventi abitino le profondità del nostro pianeta, un luogo dove le culture e le civiltà antiche non si sapeva esistessero, e che invece ancora oggi esistono?
Gli indiani Macuxi, sono indiani che vivono in Amazzonia, in paesi come il Brasile, Guyana e Venezuela. Secondo le loro leggende, sono i discendenti dei figli del Sole, il creatore del fuoco e protettore della malattia e della “Terra interiore.”
Leggende orali raccontano di una voce pronunciata dalla Terra. Fino al 1907, i Macuxies entrarono in una sorta di caverna attirati da una voce e viaggiando per 13 o 15 giorni fino a raggiungere l’interno. È lì, “dall’altra parte del mondo, nella terra interna” scoprirono creature giganti e viventi dell’altezza di circa 3-4 metri di altezza.
Secondo i Macuxies a questi giganti è stato dato il compito di monitorare il passaggio davanti all’ingresso e impedire agli stranieri di entrare nella “Terra cava”. Altre leggende, dicono i Macuxi, narrano di persone che entrarono nella misteriosa grotta per tre giorni, dove incontrarono i giganti scendono le scale, questi giganti facevano passi di 90 centimetri circa ogni volta.
Dopo il terzo giorno, si lasciarono alle spalle le loro torce, e continurono il loro viaggio “dentro” la Terra illuminata dalle luci che erano già presenti nelle grotte affisse alle pareti. Lanterne giganti, delle dimensioni di un cocomero, brillanti come il sole.
Dopo 4-5 giorni di viaggio, le persone in viaggio nella grotta cominciarono a perdere peso e massa corporea, permettendo loro di muoversi molto più velocemente.
Le leggende dei Macuxi narravano che dopo 5 giorni all’interno delle caverne, sarebbero passati da enormi caverne cui tetti non si vedevano nemmeno, a una delle camere all’interno del sistema di grotte, dove si poté vedere quattro oggetti “come il sole”, così brillanti e luccicanti che erano impossibili da guardare, il cui scopo era sconosciuto al villaggio Macuxi.
All’interno della Terra, c’erano luoghi in cui gli alberi erano in grado di produrre cibo. I Macuxi dicevano di essersi nutriti con frutta di cajúes, quercia, mango, banane e alcune piante più piccole ma solo dopo 6-7 giorni di cammino all’interno della terra questo fu possibile.
Quanto più la gente Macuxi si trasferì nella Terra, aree più grandi di vegetazione osservarono e scoprirono. Ma non tutte le aree erano di colore verde e prospero. Il popolo Macuxi diceva che alcuni posti sono estremamente pericolosi e dovevavo essere evitati, come quelli con bollenti pietre e torrenti “azoge”(caldi e acidi).
Le leggende orali dei Macuxi continuavano col dire che dopo aver attraversato queste camere giganti, avevano trascorso la metà del viaggio e che devono muoversi con cautela, perché c’era la possibilità di imbattersi nella misteriosa “aria” che poteva indurre la gente a “volare o galleggiare” in giro.
Continuando il viaggio, raggiunsero un posto all’interno della Terra, dove i giganti abitavano. Lì, gli esploratori Macuxi mangiarono insieme ai giganti alimentandosi con mele delle dimensioni di teste umane, uva delle dimensioni di un pugno umano, e deliziosi e giganteschi pesci catturati dai giganti e dati ai Macuxi come doni e regali.
Dopo la scorta con il gigantesco cibo offerto agli esploratori Macuxi furono pronti a tornare a “casa”, pronti per il mondo “esterno”, aiutati a risalire dai giganti del mondo interiore.
Si dice che i Macuxi siano i “guardiani protettori” dalla malavita, custodendo l’ingresso della Terra interiore, e le sue leggende raccontano di una terra nell’interno della terra, che è piena di incredibile potenza e ricchezza.
Questa leggenda, naturalmente, è considerata da molti proprio come narrazione, un’altra storia ancestrale. Ma per i Macuxi, questa “leggenda” era ed è reale, una sorta di impronta storica, dove erano visti come protettori dell’ingresso agli esploratori britannici venuti in Amazzonia alla ricerca di oro e diamanti, vietando di avventurarsi nelle grotte, e non tornare mai più.
Dal momento che con l’ultimo incontro con loro, i giganti, non venne tenuto fede il loro impegno, i Macuxi dissero che sarebbero stati puniti per non aver rispettato i loro obblighi e le “leggende” dei giganti scomparsi nel corso degli anni.
E ‘possibile che questa sia solo un’altra leggenda? O c’è qualcosa di più misterioso nella tribù Macuxi e nelle sue leggende? Si dice che la Terra Cava esista in molte antiche civiltà e culture di tutto il mondo.
L’esistenza di creature giganti che popolano il nostro pianeta è un altro fatto presente in decine di antiche culture di tutto il mondo, anche presenti in testi religiosi come la Bibbia.
E ‘possibile che le leggende Macuxi siano reali e che da qualche parte in Amazzonia ci sia un ingresso alla Terra interiore?
Armando Rossi

fonte http://kleenexx.altervista.org/aborigeni-della-amazonia-sostengono-che-ce-un-mondo-intero-allinterno-del-nostro-pianeta/?doing_wp_cron=1468241726.3403449058532714843750fonte http://kleenexx.altervista.org/aborigeni-della-amazonia-sostengono-che-ce-un-mondo-intero-allinterno-del-nostro-pianeta/?doing_wp_cron=1468241726.3403449058532714843750

10 commenti:

Anonimo ha detto...

Purtroppo devo dire che non puo essere reale una tale storia, per tanti motivi logici e altrettanto reali, quali la pressione, il calore, l'ossigeno, il cibo, la luce, ecc ecc. Magari, come in tutte le storie, cè un filo di verità, e cioè che ci siano zone della terra,accessibili da grotte, dove è possibile essere a contatto con una sorta di "centro della terra" illuminato da lava incandescente, e magari dove le temperature non sono così proibitive grazie a sorgenti d'acqua che con il calore producono umidità e aria leggermente respirabile, ma sono solo ipotesi fantasiose; di sicuro non può esistere un centro della terra con un sole, alberi da frutto, uccellini e giganti.Poi ognuno può fantasticare su ogni cosa, anche che ci sia un mondo sott'acqua con le sirene e tanti uomini barbuti con il tridente stile "sirenetta", oc he la luna sia abitata da tanti omini verdi; ma come ben sappiamo sono favole alimentate dalla nostra meravigliosa fantasia. un saluto.

Anonimo ha detto...

Io faccio sempre questo sogno ricorrente da bambino e ora ho 33 anni.. Forse sarò pazzo, ma nel mio sogno entro in un buco e mi ritrovo in un mondo preistorico (nn sò perchè ma ad oggi nn ho mai pensato nemmeno per un attimo si trattasse di fantasia.Anzi. Mi diverte pensare possa essere reale, e non mi sorprenderebbe lo fosse!) non mi stupirebbe che l'essere umano abbia la veritá a pochi metri dal naso e magari cerchi pianeti irragiungibili che nn gli daranno mai le risposte che cerca.
...Mah... Menomale che sognare è gratis vá 😃

Anonimo ha detto...

Agarti, regno del prete Gianni, Shangri La, El dorad, Shamballah.... quacosa di vero ci sarà

LA pikkola Ukjo ha detto...

Ma via siete mai chiesti xke i poli sono no flight zone !?....cosi xke il ghiaccio fa male alla salute :).....

Anonimo ha detto...

La pikkola Ukjio...tornatene ai tuoi problemi con le forze dell'ordine e impara a vivere!Lascia stare queste cose perchè sei di una ignoranza inaudita!!Ci sono rotte polari, ma non vengono utilizzate anche se ci sarebbero risparmi di kilometri, perchè i problemi sarebbero maggiori e pericolosi!Sul polo se devi fare un atterraggio d'emergenza...SEI MORTO, prova ad atterrare sul pack...prova!Oppure gli scali non ci sarebbero, i rifornimenti arriverebbero solo da altri aerei in volo(cosa costosissima e pericolosa in quelle condizioni), un salvataggio sarebbe impossibile,i radiofari e le torri di controllo non ci sarebbero, i satelliti coprono pochissimo i poli per una questione prettamente fisica per le orbite, per non parlare di cose prettamente politiche, in quanto la Russia detiene le zone di rotta artiche(ad esempio) e per gli aerei di altre nazioni costerebbe parecchio il sorvolo!Per non parlare del clima proibitivo a molti velivoli commerciali! Insomma caro Pikkola Ukjo, tratta materie più consone alla tua mente, tipo Lego, topolino, giardinaggio ecc! Ignorantone.

Anonimo ha detto...

Molto interessante!

Anonimo ha detto...

É sempre piacevole notare la presenzA di persone istruite e sapienti ma,l'arroganza del linguaggio vorrei sapere é cosi necessaria?

Nando De Maria ha detto...

quante cazzate si leggono le piu` belle sono quelle scritte da persone anonime

Anonimo ha detto...

Beh cara Maria detta anche Nando tu invece non hai detto un emerito cazzo...

Anonimo ha detto...

E' vero e reale, solo che è ancora presto per conoscere questa realtà, non siamo ancora pronti come civiltà a ricevere tali verità.
Pensiamo di sapere tutto, invece siamo davvero ignoranti e presuntuosi.
Quando saremo pronti, dovremmo ricordarci della nostra supponenza di questo momento storico e magari rideremo di noi stessi.
Lo so è strano crederci, ma la realtà è davvero più fantasiosa dei sogni!!

L'ORIGINE OCCULTA DELLA CRISI ECONOMICA CHE NESSUNO VEDE...(VIDEO)