Studio scientifico sul potere antidolorifico dei peperoncini

Si chiama capsaicinia, ed è uno dei composti chimici responsabili dellapiccantezza delle piante del genereCapsicum, che includono per l’appunto ipeperoncini piccanti. Oltre alla piccantezza, tuttavia, lacapsaicinia è anche in grado di produrre un effetto anti-dolorifico


e, nonostante venisse già usata in un gran numero dianalgesici, come ad esempio spray nasali e cerotti per attenuare il dolore, fino a oggi gli scienziati sapevano poco o niente su come questo effetto avesse origine. Qualcosa di più oggi lo sappiamo grazie a uno studio, pubblicato su Science Signaling, in cui Istvan Borbiro della Rutgers New Jersey Medical School e colleghi hanno studiato i neuroni coinvolti nella percezione del dolore, situati nel ganglio dorsale, un nodulo contenente corpi cellulari di tipo nervoso sensoriale. Nel ganglio dorsale si trovano due canali ionici meccano-sensibili, chiamati Piezo1 e Piezo2, coinvolti nel funzionamento della capsaicinia come analgesico assieme a un recettore, sensibile a questo composto, chiamato TRPV1, responsabile della misurazione e regolazione della temperatura corporea e per le sensazioni di calore e dolore. Nella ricerca, gli scienziati hanno osservato che la capsaicinia attiva il recettore TRPV1, che a sua volta blocca i canali Piezo1 e Piezo2, inibendo così i neuroni. In questo modo, il composto chimico sarebbe in grado di mitigare la sensibilità e agire quindi da anestetico. I ricercatori hanno anche aggiunto che ulteriori ricerche saranno necessarie per confermare il ruolo giocato dai canali Piezo nell’effetto analgesico e per delinerare con precisione la loro interazione con i lipidi rilasciati dal recettore. Autrice: Claudia De Luca / Fonte: galileonet.it

Nessun commento:

 SEGUICI SENZA CENSURA SU TELEGRAM

 SEGUICI SENZA CENSURA SU TELEGRAM