Lo zucchero raffinato: un veleno dolce che abbatte il sistema immunitario!

La ricerca indica che il consumo di zucchero può compromettere la funzione immunitaria per un periodo di tempo significativo, di ben il 50%.

Infatti, lo zucchero è stato descritto come "uno dei componenti alimentari più dannosi per il nostro sistema immunitario." 
Ciò che la ricerca suggerisce in merito zucchero e la funzione immunitaria
Studi precedentemente pubblicati sull'American Journal of Clinical Nutrition and Dental ha rivelato che il consumo di 100 grammi (3,5 once) di carboidrati, come il fruttosio, glucosio, saccarosio, succo d'arancia e miele pastorizzato, inibisce la capacità dei globuli bianchi di fagocitare e distruggere microrganismi nocivi e particelle estranee all' organismo.
La compromissione della funzione immunitaria è iniziata meno di 30 minuti dopo l'ingestione di zuccheri e rimane così per più di cinque ore. Al massimo picco della soppressione immunitaria, che ha avuto luogo circa due ore dopo il consumo di zucchero, questa importante funzione dei globuli bianchi è stata abbassata di ben il 50%.
I globuli bianchi formano una parte significativa del meccanismo di difesa del corpo contro le infezioni. Come tale, quando le capacità dei globuli bianchi sono alterate, la risposta immunitaria generale del corpo è fortemente influenzata. 
Inoltre, il consumo di circa 75 grammi di glucosio ha anche dimostrato di ridurre l'attività dei linfociti. 
I linfociti sono globuli bianchi prodotti dal tonsille, milza e timo che per ripulire i microrganismi e i composti tossici nel nostro organismo. 


Più zucchero significa maggiore soppressione immunitaria
È importante sottolineare che la quantità di glucosio consumato ha un corrispondente effetto negativo sulla funzione dei globuli bianchi. In altre parole, maggiore è la quantità di zucchero ingerito, maggiore è il grado di compromissione dell'immunità. 

Joseph Pizzorno, ND, che ha fondato Bastyr University di Kenmore, Washington, ha elencato numerosi fattori che danneggiano il sistema immunitario nel suo libro benessere totale. 
Tra queste sostanze chimiche ,tossiche, stress, riposo inadeguato, candida crescita eccessiva nelle viscere, l'inquinamento dell'aria, vaccinazioni, metalli pesanti, pesticidi e carenze nutrizionali, tra gli altri. In cima alla sua lista era la "assunzione di zuccherie di altri carboidrati concentrati. 
Il Dr. Joseph Mercola ha scritto anche che il consumo di zucchero danneggia il sistema immunitario e rende le persone più suscettibili alle malattie. 
Conclusione
Gli zuccheri semplici, anche quelli presenti nel succo di frutta, sopprimono l'immunità - è quindi è indispensabile evitare lo zucchero . 
Il digiuno a breve termine può dare il al sistema immunitario una spinta, mantenendo livelli bassi di zucchero nel sangue, questo è particolarmente utile durante i primi 1-2 giorni dell' infezione acuta. 
Il prolungato digiuno, però, potrebbe esaurire i livelli di energia e diventare controproducente. 
Considerando la quantità di saccarosio e altri zuccheri raffinati presenti nelle diete tipiche di oggi, in particolare nella dieta americana standard, ne consegue che molte persone hanno compromesso notevolmente il sistema immunitario, che poi li espone a maggiori rischi di numerose malattie croniche, compreso il cancro .
Con il suo effetto negativo sulla funzione immunitaria , il consumo di zucchero deve essere attentamente osservato per una salute consapevole. 
Ciò è particolarmente vero per i prodotti alimentari trasformati che contengono zuccheri raffinati, che sono in genere privi di sostanze nutritive importanti che sostengono e nutrono il sistema immunitario. 




Fonte: http://mangiosintetico.blogspot.it



I danni dello zucchero e gli interessi delle multinazionali

DA ANNI SI LEGGE IN MOLTI LIBRI DI MEDICINA NATURALE
che lo zucchero è come una droga dolce ma pericolosa per l’organismo. Spesso si crede che per lo zucchero di canna tale verità non sia valida, ma il cosiddetto zucchero di canna molto spesso è lo stesso zucchero bianco colorato con melassa (si salva forse il mascobado e qualche altro zucchero del commercio equo e solidale).In questo articolo ci stiamo ovviamente riferendo allo zucchero raffinato artificialmente dalla canna o dalla barbabietola, e non agli zuccheri presenti all’interno di altri alimenti completi come il fruttosio della frutta o il lattosio del latte)È difficile credere che lo zucchero possa essere dannoso perché tale sostanza è entrata nella nostra dieta in modo tanto profondo che una buona metà dei cibi confezionati che si trovano in commercio nè risulta “contaminato”
L’ASSUNZIONE DI ZUCCHERO RAFFINATO SOTTRAE VITAMINA C
all’organismo come fanno le sigarette, uccidealcuni batteri simbionti che nel nostro organismo producono vitamine del complesso B e altera il ciclo di regolazione glicemica. Il pancreas reagisce allo zucchero puro con una ipersecrezione di insulina, cui segue da una parte una ipoglicemia, dall’altra a lungo andare il surplus di lavoro del pancreas puo’ portare al diabete.L’assunzione di zucchero inoltre causa sonnolenza post pranzo, altera il metabolismo e influisce sugli ormoni,decalcifica le ossa e può portare alle carie dentarie. Anche l’aumento dei casi di cancro è correlato all’assunzione sempre più elevata di zucchero nella società dei consumi, dove anche nell’alimentazione l’apparire (il gusto artificialmente dolce) è molto più importante dell’essere (la valenza nutritiva e la purezza del cibo). 


I POPOLI CHE NON CONOSCONO ANCORA LO ZUCCHERO NON CONOSCONO NEMMENO IL CANCRO
Il più basso livello di casi di cancro si è registrato in Olanda due anni dopo l’occupazione nazista, quando zucchero e caffè erano quasi scomparsi dalla tavola: tutti gli studi sulla prevenzione e la cura naturale del cancro (regolazione alimentare e metabolica) confermano che più si mangia zucchero e più si rischia di sviluppare il tumore.Ci sono inoltre studi che dimostrano il legame fra zucchero e ulcera, fra zucchero e malesseri psicologici, fra zucchero e allergie…la situazione è grave: sia per gli effetti che per l’assordante silenzio di chi dovrebbe tutelare la salute dei cittadini.
SI SA LA SALUTE NON GENERA BUSINES
la prevenzione primaria non genera mercato, la malattia dà da mangiare a tutto il sistema sanitario, come diceva un medico egizio 3.500 anni fa (riferendosi ovviamente alla classe benestante che lui curava) “un quarto di ciò che mangiamo serve per nutrire il corpo, il restante per nutrirei medici”.
E’ PER QUESTO CHE NELLE UNIVERSITA’
di medicina di tutto il mondo non si studia quasi per niente l’influenza dell’alimentazione sul benessere dell’individuo e il modo di mantenere la salute con la prevenzioneprimaria (corretto stile di vita) mentre si punta sulla ben più costosa (e redditizia) prevenzione secondaria (test di laboratorio poco affidabili e a volte pericolosi, radiografie cancerogene etc.). Quei medici (come Mendelson e Kousmine) che denunciano questa squallida realtà sono ovviamente una stretta minoranza; per questo di tutto ciò che è descritto in queste righe difficilmente si trove traccia nei consueti manuali universitari.


Tratto da: ilfattaccio.org 


Nessun commento:

SOSTIENI TERRA REAL TIME CON UNA DONAZIONE

Post più popolari

 SEGUICI SENZA CENSURA SU TELEGRAM