Mandorle e kiwi per mantenere attivo il nostro cervello

Due alimenti veri amici del cervello, mandorle e kiwi lo rigenerano e sono in grado di prevenire i cali di memoria. Un’idea sana per la merenda dei nostri ragazzi: kiwi e mandorle. Il cervello è formato da neuroni e ghiandole gliali, i neuroni trasmettono
informazioni sotto forma di impulsi elettrici, mentre le cellule gliali proteggono e nutrono i neuroni, il cervello insieme al midollo spinale costituisce il sistema nervoso centrale. Le sue funzioni sono molteplici: coordina i movimenti del corpo, regola il battito cardiaco, la pressione sanguigna, regola i fluidi e la temperatura del corpo, mentre le sue funzioni più avanzate sono memoria, apprendimento, coscienza ed emozioni Il problema più frequente che spesso affligge questo organo è la memoria debole, che può essere causata dallo stress eccessivo, dall’abuso di farmaci, oppure dall’esposizione prolungata all’inquinamento e dall’alimentazione scorretta. Per mantenere sano questo organo occorre limitare molto i grassi saturi che si trovano in carni grasse, formaggi, insaccati, burro, biscotti confezionati con creme o marmellate, patatine fritte ecc, mentre è importante consumare quotidianamente molta frutta, verdura e acidi grassi insaturi presenti ad esempio nei pesci grassi (salmone, aringhe ecc) oppure nelle noci, nocciole, semi di girasole, semi di lino e nei rispettivi oli spremuti a freddo. Quando la memoria perde i colpi Per sostenere la memoria sono importantissimi i flavonoidi che possiamo trovare in buone quantità nel tè verde, nel cioccolato fondente, oppure nel vino rosso e la vitamina C e la vitamina E presenti in Kiwi, mandorle , nocciole e agrumi in genere. Il kiwi in particolare è un frutto che contiene molta Vitamina C, oltre che sali minerali come magnesio, potassio, calcio e fosforo, i semi contengono una buona quantità di acidi grassi omega 3, nutrienti fondamentali per le membrane che circondano i neuroni. I kiwi sono leggermente lassativi quindi è consigliabile consumarne al massimo 2 al giorno. Un altro alimento che fa bene al cervello e che non dovrebbe mancare nella nostra alimentazione sono le mandorle. Questi frutti oleosi sono energetici e nutrienti, ricchi di proteine, sono un valido sostituto della carne, contengono vitamine del gruppo B, in particolare sono ricche di riboflavina (Vitamina B2), che è nota per gli effetti benefici che apporta alla memoria, vitamina E, sali minerali e contengono una buona quantità di fenilalanina un aminoacido essenziale per favorire la produzione dei neurotrasmettitori del buon umore. Le mandorle sono presenti in commercio tutto l’anno, è preferibile consumarle con la pellicina che le ricopre e provenienti da agricoltura biologica (coltivate quindi senza l’utilizzo di prodotti chimici), ottime come spuntino, se ne possono consumere 4 o 5 al giorno anche tutti i giorni, sono molto indicate per bambini e ragazzi che vanno a scuola e devono memorizzare molti contenuti. Al posto delle solite merendine, un kiwi accompagnato da qualche mandorla, li aiuta ha rinforzare la memoria e mantenere il cervello sano. Ilenia Frittoli Fonte www.naturopataonline.org

2 commenti:

tony ha detto...

Per cortesia sfondo bianco e scritte nere grazie .ottimo il post

Anonimo ha detto...

idem come tony. con lo sfondo scuro si affatica la vista.

SOSTIENI TERRA REAL TIME CON UNA DONAZIONE

Post più popolari

 SEGUICI SENZA CENSURA SU TELEGRAM