12 febbraio 2017

I GRANDI TERREMOTI? SI SCATENANO DURANTE LE FASI DI LUNA PIENA!!!

I geologi si sono a lungo interrogati sulla possibile influenza della Luna e dei moti di marea sui terremoti, e recenti studi forniscono un quadro più chiaro della situazione.


Secondo uno studio giapponese, i grandi terremoti sembrano originarsi con più probabilità durante le fasi di Luna piena o Luna nuova; le due fasi lunari durante le quali i moti di marea sono più forti.

I ricercatori dell’Università di Tokyo hanno analizzato tre separati database sismici: dati globali, e relativi a California e Giappone, e si sono concentrati sui più grandi terremoti (magnitudo 5.5 o più) degli ultimi 20 anni.

Osservando i dati dei moti di marea relativi ai 15 giorni precedenti ai terremoti, lo studio ha determinato che i terremoti più grandi colpivano la maggior parte delle volte durante le fasi di Luna piena o nuova.

In questi momenti del ciclo lunare, Sole, Luna e Terra sono allineati, e la forza gravitazionale della Luna sulla Terra è all’apice della sua intensità.

Esaminando i dati in dettaglio, 9 su dei 12 terremoti più forti (magnitudo 8.2 o maggiore) degli ultimi 20 anni coincidono con momenti di forte stress lunare, per esempio quello a Sumatra (Indonesia) del 2004 (magnitudo 9.3); a Maule (Cile) nel 2010 (magnitudo 8.8); a Tohoku-oki (Giappone) nel 2011 (magnitudo 9.0).

Sono quindi le fasi lunari a causare i terremoti?

Dallo studio giapponese non emerge una correlazione chiara tra i piccoli terremoti e l’attrazione lunare; si ha una correlazione soltanto per quanto riguarda i terremoti più grandi.

Correlazione per quanto riguarda le scosse minori è riportata invece da uno studio USA sulla faglia di San Andreas; scosse molto piccole (magnitudo 1.0) sembravano essere influenzate dalla posizione della Luna.

Questo secondo studio è tuttavia più piccolo e limitato dal punto di vista dei campioni.

Nonostante non si abbia ancora compreso al 100% l’origine dei terremoti, i geologi pensano che si tratti di un fenomeno a cascata, nel quale una piccola frattura si trasforma in una grande breccia sotterranea.

I dati a nostra disposizione sembrano suggerire che l’attrazione gravitazionale lunare abbia una debole capacità di originare terremoti, ma sia efficiente nel trasformare delle piccole scosse in disastri di grande portata.

“Una piccola frattura nella roccia ha più probabilità di trasformarsi in un’enorme breccia durante i momenti di intenso stress lunare gravitazionale” riportano i ricercatori giapponesi sull’articolo in “Nature Geoscience”.

“Studiando la frizione e l’attrito delle rocce in laboratorio, abbiamo capito che il movimento delle faglie non è immediato. Possono volerci ore, giorni, o anche più tempo prima che lo stress metta in moto il movimento che causa il terremoto.” afferma la geologa Rebecca Boyle (non coinvolta nella ricerca).

Conclusioni? Dai dati raccolti, è chiaro che la Luna possa avere un ruolo nello scatenare alcuni terremoti, ma si tratta di un contributo davvero molto piccolo. Gli studi stabiliscono soltanto una correlazione e non una causalità.

E le cause principali rimangono i processi che avvengono in profondità all’interno della crosta terrestre, dove le placche tettoniche sfregano una contro l’altra, accumulando tensioni che, anche dopo centinaia di anni, si liberano improvvisamente dando origine alle onde sismiche.

“La luna può fornire soltanto un piccolo contributo – dell’ordine dell’1% – alla tensione delle placche tettoniche” ha detto il geologo Nicholas van Der Elst al Los Angeles Times.

“Ma quel piccolissimo contributo può essere la goccia che fa traboccare il vaso, per intenderci.”

http://www.nature.com/ngeo/journal/vaop/ncurrent/full/ngeo2796.html

http://www.sciencealert.com/there-s-now-even-more-evidence-that-the-moon-triggers-our-most-powerful-earthquakes

http://www.quirkyita.com/index.php/2016/09/21/secondo-recenti-studi-la-luna-puo-avere-un-ruolo-nello-scatenare-i-terremoti-piu-violenti/

6 commenti:

Anonimo ha detto...

Che dire Raffaele Bendandi aveva ragione hanno scoperto l acqua calda

Anonimo ha detto...

Veramente io sapevo con la luna nuova!

Anonimo ha detto...

Nei periodi di luna piena anche gli ospedali sono maggiormente affollati e le persone sono più nervose o violente, rispetto altri giorni. Ad ogni modo siamo in una fase di allineamento planetario tra Sole, Luna e Terra fino al 20 febbraio e quindi la probabilità che ci siano terremoti violenti sono molto probabili.

Anonimo ha detto...

I terremoti si possono prevedere ma quello che non si può prevedere fino a che punto arriva la follia di quelli che ci governano e dei loro Capo' che li dirigono da dietro le quinte col loro egoismo e sete di potere, e se non fermati in tempo, forse si può prevedere, oltre i terremoti, anche quanto ci rimane da vivere prima dell'autodistruzione....

Anonimo ha detto...

...inerente il fatto che molti terremoti sono di natura artificiale, mentre altri sono dovuti alla presenza di Nibiru che sta risvegliando molti vulcani dormienti in tutto il mondo è pure contemporaneamente, e sconquassando pure molte delle faglie con i conseguenti terremoti che stanno aumentando sempre di più in attesa pure del famoso big one, sia in California, che altrove, e questo e' solo l'antipasto in attesa di altri fenomeni turbolenti prima dello scambio dei poli e fine dei tempi come profetizzato pure dalle apparizioni mariane di cui quest'anno ne è il centenario...

Anonimo ha detto...

Concordo 15:32,chi tira i fili è come un drogato di potere e denaro,fino al punto di pensare di governare il mondo quando ormai è palese che il loro campo di gioco è votato allo sterminio a causa del disastro di Fukushima.La partita è bella che finita..."muoia Sansone con tutti i Filistei"!!!basti pensare che già durante l'anno dell'incidente le radiazioni avevano già raggiunto la California per non parlare di quelle che si stanno spargendo in tutta l'atmosfera oltre che in tutte le acque del mondo...e sono passati già quasi 6 anni.

SEGUITECI SU FACEBOOK!!!