6 gennaio 2017

BRASILE- DECINE DI BOVINI UCCISI DA UN PRESUNTO FULMINE KILLER

Nuova strage di massa questa volta in Brasile.Secondo le autorita' i bovini sarebbero stati uccisi da un fulmine killer,
fenomeno che ultimamente sta accadendo sempre piu' spesso in varie parti del mondo.
Nel Comune di Rio dei Cedri, almeno 11 bovini sono morti dopo la caduta di un fulmine su un albero, secondo la protezione civile. Gli animali si erano riparati dalla tempesta sotto un albero che poco dopo veniva colpito in pieno da un fulmine che uccideva all'astante i poveri animali.

SEGUICI SU FACEBOOK!!!

8 commenti:

Anonimo ha detto...

Il fulmine è una scusa di stato! Trattasi verosimilmente di mutilazione del bestiame,pratica che assieme ai crop circle è in aumento esponenziale in tutto il mondo dagli anni 90!

Altharel ha detto...

Associare i grigi ai cerchi nel grano é come associare Berlusconi a Ingroia...
Personaggi tutti e 2 noti alla magistratura ma associabili per motivi differenti alla malavita organizzata.

Anonimo ha detto...

Ma io non ho mai parlato di grigi o comunque di extraterrestri,ho solamente scritto che i 2 fenomeni sono in aumento in tutto il mondo dagli anni 90(è non è detto e non ho detto che siano per forza associabili).Le cause potrebbero benissimo essere ANCHE (e sottolineo anche,perchè certezze assolute non le ha nessuno) umane (ad es.esperimenti militari,scherzi perfettamente congegnati,ecc.) non escludendo però neanche a priori le cause diciamo così extraumane.

Anonimo ha detto...

semplicemente,poco tempo fa un documentario spiegava come, per varie cause che ora non sto ad elencare,i fulmini sarebbero aumentati e non poco e sarebbero stati più potenti...infatti non so se avete sentito quanti animali sono già morti per questo ma anche tante persone in riva al mare o che passeggiava per strada.Parecchie,in questi ultimi anni.

Anonimo ha detto...

Che i fulmini colpiscano facilmente gli alberi e' cosa nota. Lasciando a parte gli effetti del calore, dal punto di vista elettrico un animale a quattro zampe e' piu' a rischio di folgorazione rispetto a una persona perche' il campo elettrico diminuisce allontanandosi dal tronco dell'albero. Quindi fra le zampe anteriori e quelle postoriori di un quadrupede puo' crearsi una notevole differenza di potenziale si da folgorare l'animale, una persona invece che sta con i piedi uniti puo' rimanere viva (sempre che non venga investita dal calore). Dalla foto pero' mi sembra che l'albero non sia incenerito e quindi stento a credere all'ipotesi fulmine

Altharel ha detto...

Se non si tratta di un fenomeno naturale, allora potremmo desumere che centrino gli et oppure il test di un arma umana... Morie simili si sono verificati per tipo di animale differenti,che io ricordi sono uccelli pesci renne e mucche,ma forse molti altri... Se si tratta di intelligenze evolute allora siamo davanti al libero arbitrio degli et e sti kazzi... Ma se sono esperimenti di armamenti militari via via sempre più potenti,allora c'è poco da star sereni.. #Scienzammalata

Anonimo ha detto...

Natura--->fulminazioni---> uomo scemo che crede agli dei!
Una volta era così, adesso invece degli dei ce ET!Ma invece di pensare alle cose più normali e naturali, voi pensate sempre a cose complicate, impossibili e fantascientifiche...il brutto è che siete convinti!Proprio come gli scemi del villaggio!

Anonimo ha detto...

Corriere della Sera
/ FLASH NEWS 24
CRONACHE
Consigliere su Fb, vicini contatto Ufo
9 gennaio 2017 ore 17:47 (ANSA) - PERUGIA - Corriere della Sera
/ FLASH NEWS 24
CRONACHE
Consigliere su Fb, vicini contatto Ufo
17:47 (ANSA) - PERUGIA - "Esistono un milione di rapporti, nel mondo, su avvistamenti di Ufo: 200.000 sono molto attendibili. Nel 2017-2020 l'annuncio dei Governi? Prepariamoci a questa evoluzione cosmica ed etico tecnologica". E poi: "Siamo vicini al contatto, ci sono molti segnali". A scriverlo sul suo profilo Facebook è Claudio Ricci, ingegnere (nel settore trasporti) e consigliere regionale umbro del centro destra, già candidato alla presidenza della Regione nel 2015 ed ex sindaco di Assisi. Un post al quale hanno subito fatto seguito numerosi commenti. "Mi sono solo limitato a dare dati di pubblica conoscenza ed ognuno poi è libero di interpretare queste situazioni nel modo che ritiene più adeguato" ha spiegato Ricci. "Scientificamente - ha aggiunto - si è cominciato a prendere atto di questo fenomeno, con fonti istituzionali, militari e governative che oggi affrontano il problema e quindi non si può più far finta che il tema sia inseribile nelle stranezze di qualche appassionato di settore".

loading...