10 settembre 2016

Le tempeste geomagnetiche: cosa sono, come ci influenzano e come proteggersi


Le tempeste geomagnetiche sono delle perturbazioni del campo magnetico terrestre che durano da alcune ore ad alcuni giorni. Sono causate dall’arrivo sulla Terra, ad alta velocità, dei flussi del vento solare e della rispettiva onda d’urto. Accadono soprattutto nelle latitudini medie e basse: toccano soprattutto gli abitanti del Nord, ma non solo. 
Anche in questo periodo si susseguono forti tempeste geomagnetiche che molti sentono. 


Il sole è una specie di calderone atomico, sempre in ebollizione. Sul sole si forma il cosiddetto “vento solare”; il vento “regolare” viaggia con la velocità 300 km/sec, e non ci sono delle perturbazioni nella magnetosfera terrestre.
Di tanto in tanto, dalle profondità del Sole affiora una sostanza fortemente magnetica (le macchie solari), la loro energia è paragonabile allo scoppio di alcune centinaia di bombe ad idrogeno.
Come conseguenza, c’è una forte uscita di protoni ed elettroni (velocità 400-1000 km/sec); questo flusso in 1-2 giorni arriva nell’atmosfera terrestre, e si crea una perturbazione del campo magnetico terrestre. Il campo magnetico terrestre capta le particelle caricate dallo spazio, di conseguenza, le caratteristiche del campo magnetico cambiano rapidamente e fortemente.

In altre parole, il “geomagnetic storm” rappresenta una forte e rapida modificazione del campo magnetico terrestre nei periodi di maggiore attività solare.
La tempesta più forte di tutta la storia c’è stata il 4.11.2003. la sua energia sarebbe bastata per fornire l’elettricità ad una megalopoli come Mosca per 200 milioni di anni.


E’ possibile sapere quando ci sono? 
Devo dire che i meteorologi sovietici fornivano delle previsioni riguardanti l’attività solare nei bollettini comuni sin dagli anni 80, se non dagli anni 70. Questo perché causano, purtroppo, il peggioramento dello stato dei malati cronici e non solo. 


Esiste un sito russo che fornisce le previsioni della situazione geomagnetica per tutto il mondo. Questa è la versione inglese (dati per Milano): https://www.gismeteo.com/city/gm/3497
Ecco ancora un sito: tutto in tempo reale. Scorrete la pagina, un po' più giù ci sono i dati continuamente rinnovati che riguardano la radiazione solare (quella che provoca le tempeste geomagnetiche). La Terra è u pallino giallo. http://spacegid.com/prognoz-magnitnyih-bur-na-solntse-onlayn.html


Perché è importante essere informati?
Le tempeste geomagnetiche influiscono enormemente l’attività umana: 
- distruggono sistemi energetici, 
- peggiorano le comunicazioni, 
- danneggiano sistemi si navigazione, 
- aumentano il numero degli incidenti sul lavoro ed automobilistici, incidenti con gli aerei. 
- Secondo le statistiche, il numero dei suicidi aumenta circa 5 volte.  


Come agiscono sull’uomo:
- Prima di tutto, soffre il sistema cardiocircolatorio. Si abbassa la risposta ai farmaci.
- Aumentano i casi di morte improvvisa, d’infarto e di ictus.
- Rischiano fortemente coloro che fanno un’attività collegata ad alta responsabilità e al forte stress psicofisico (gli autisti, per esempio).
- Aumentano l’insonnia, le emicranie, i dolori articolari, l’irritabilità, la stanchezza (anche nelle persone sane).
- Peggiorano delle malattie croniche, soprattutto negli anziani.
Gli scienziati spiegano così il peggioramento della salute, nelle persone meteoropatiche: il cambiamento del campo magnetico terrestre rallenta la circolazione nei capillari, il sangue si addensa, potrebbe aumentare il livello del colesterolo, gli organi e i tessuti iniziano ad avere la fame dell’ossigeno (i primi a risentirne sono il cervello e i nervi). Se però, le tempeste si susseguono per diversi giorni, la maggioranza delle persone riesce ad adattarsi e, di conseguenza, a reagire meglio alle tempeste successive.


Cosa fare? Come affrontare le tempeste geomagnetiche? 
- Fare una doccia di contrasto per 20 min (ricarica i vasi sanguini, il cuore e il cervello)
- Prendere la valeriana ed altri semplici rimedi naturali (per chi è solo nervoso).
- Dormire di più, per almeno 8 ore.
- Non bere gli alcolici, perché aumentano il carico sul sistema circolatorio.
- Non mangiare i cibi grassi e dolci (in quoti giorni aumenta il colesterolo)
- Dopo i pasti, può aiutare la tintura d’eucaliupto, 15 gocce.

E’ stato notato che ci sono dei posti dove i campi elettromagnetici “picchiano” di più: è LA METROPOLITANA, per esempio. I campi magnetici più forti si osservano nella cabina di guida, nei vagoni e sul bordo delle piattaforme.


Le persone particolarmente sensibili in quesito giorni non devono prendere l’aereo, nell’aria si hanno meno difese.
I picchi dell’attività solare sono in primavera e in autunno (in primavera sono più forti).




Tra i rimedi “nuovi” e non tradizionali, segnalerei una bella invenzione russa:
Evghenij Rodimin aveva inventato il cosiddetto "cerchietto d'argento".
Un giorno una signora amica di Rodimin gli aveva chiesto di preparare per lei un sottile cerchio d'argento, come quello che lei aveva ereditato dalla bisnonna e che le faceva passare il mal di testa in certe giornate (la signora era meteopatica), perché quello della nonna l'aveva perso.
Il cosiddetto "bandeau" sulla testa era di moda negli anni 20.
Rodimin si è messo a studiare il fenomeno.
Nei periodi delle tempeste solari nella ionosfera terrestre sono presenti i campi elettromagnetici instabili, le cosiddette tempeste geomagnetiche ("l'eco terrestre delle tempeste solari", dalla definizione del fisico ed inventore A. Chizhevsky).



La medicina popolare russa consiglia alle persone sensibili a questi campi di mettere un cerchio di rame o, addirittura, ...un pentolino di rame. Questo serve per proteggere le parti del cervello più sensibili ai cambiamenti dei campi elettromagnetici, e, precisamente, il complesso ipotalamo ipofisario, responsabile del sistema endocrino. Un campo elettromagnetico eccessivo provoca disturbi circolatori, digestivi, respiratori, urinari ecc.


La spiegazione del principio d'azione dei "cerchi" è questa: il campo elettromagnetico che ha la natura ondulatoria, può essere indebolito incontrando un oggetto metallico, in questo caso l'oggetto diventerà un'antenna, fronteggiando una parte dell'energia del campo e disperdendola nello spazio.
Il cerchio può essere visto anche come un avvolgimento secondario di un trasformatore: il campo elettromagnetico esterno suscita nel cerchio le correnti vorticose (di Foucault), le correnti producono il proprio campo elettromagnetico, abbassando il livello dell'azione esterna, e, di conseguenza, stabilizzando i processi fisiologici nell'organismo.
E' stato stabilito che le strutture del cervello sono sensibili alla banda con la lunghezza d'onda 10-20 cm (1500-3000 mHz) il che corrisponde più o meno alle dimensioni lineari della testa, ed è per questo che un oggetto metallico indossato sulla testa "scherma" dall'energia del campo.


Perché il rame e non il ferro o l'alluminio? Il rame possiede una conducibilità migliore, conduce meglio le correnti Fourier. E ancora meglio del rame funziona l'argento. Sperimentando, Rodimin aveva stabilito che un cerchio di rame con l'argentatura non è diverso da quello eseguito dall'argento puro (l'unica differenza è il prezzo).
Quindi, la prima invenzione di Rodimin rappresentava un cerchietto sottile in rame argentato.


Anche l'epifisi è sensibilissima verso i campi elettromagnetici. Nelle città l'illuminazione intensa, il rumore del traffico, le trasmissioni TV notturne causano uno stress "sociale", il deficit nella produzione della melatonina da parte dell'epifisi e anche una parziale atrofia della stessa ghiandola. Una melatonina artificiale (l'avrete visto tutti in vendita nelle farmacie) non si riesce a dosare ed è facile arrivare ad un sovradosaggio; inoltre, il suo uso non può sostituire i metodi non farmacologici.
Rodimin consiglia: al posto della melatonina artificiale usate il cerchio d'argento. Infatti, fai i sogni molto particolari, forse a causa della stimolazione dell'epifisi.
Ma come dormire con questa costruzione rigida in testa?
La soluzione fu trovata, quella che supera addirittura l'argento: è stato deciso di adoperare un nastro morbido, foderato di rame, fatto di un tessuto particolare usato dai militari, con i fili di rame e d'argento, un tessuto che difende anche dalla radioattività.


Secondo le prove tecniche eseguite presso i laboratori scientifici, questo "bandeau" difende il cervello dalla banda più pericolosa (1800-3500 mHz) schermando il 99,6% del campo elettromagnetico.
Invece, è meno efficace in presenza delle frequenze più basse (e meno pericolose) 990-450 mHz.
Protegge anche dalle irradiazioni del cellulari, computer, microonde.
Io posso dire di aver sperimentato entrambi gli "aggeggi"; sono sensibile alle tempeste geomagnetiche e direi che funzionano. Inoltre, si ha una maggiore sensazione di concentrazione mentale (forse è soggettivo). Il difetto: il bandeau si sporca, a causa del grasso dei capelli, sudore, polveri di casa ecc. Quindi, tocca lavarlo e questo bisogna fare con molta cautela...


Non solo questo: consiglierei di provare la neuroacustica: la cura del suono. 
Dal 2013 adopero quotidianamente i programmi di Lenny Rossolovski che prestano una particolare cura alla salute del corpo e dei corpi sottili in particolare.


- Per chi ha problemi cardio-circolatori: LA LONGEVITA’ https://it.advanced-mind-institute.org/negozio/cure-e-salute/la-longevita.html


Potrebbe far bene un po’ a tutti la NEUROSTIMOLAZIONE VARIABILE, per uscire rapidamente da uno stato di malessere, di blocco.


Oppure, e non sbaglierete, ricaricate i CHAKRA: 

Nessun commento:

NUOVA ZELANDA: LAMPI DI LUCE SQUARCIANO IL CIELO DURANTE IL TERREMOTO!!!