28 luglio 2016

OGM TROVATO IL “GENE VI” MUTANTE – Altre prove che la Monsanto ci sta uccidendo


POCHI MESI DOPO L’ORMAI FAMOSO STUDIO ITALIANO che ha rilevato che il mais Monsanto NK603 geneticamente modificato (OGM) provoca gravi danni agli organi e tumori nei mammiferi, un rapporto pubblicato dall’ente per la sicurezza alimentare europea (EFSA) ha scoperto che la maggior parte degli OGM commerciali in uso oggi contiene un gene nascosto virale che sembra a rischio, per il consumo umano. Il rapporto evidenzia che 54 degli 86 tratti OGM attualmente approvati per l’uso, ovvero circa il 63 per cento, contengono un strano gene virale conosciuto come “Gene VI” che i ricercatori hanno scoperto alterare la normale funzione delle colture. Questa alterazione è presente nella maggior parte degli OGM commerciali coltivati ​​ oggi, compresi sial’ NK603 eche il MON810 mais, così come il Roundup-Ready soia, tutti prodotti da Monsanto.


I RICERCATORI HANNO SCOPERTO CHE QUESTO GENE CANAGLIA può indurre cambiamenti fenotipici indesiderati, che possono comportare gravi mutazioni fisiche e biochimiche, negli organismi. “Nel corso di analisi per individuare potenziali allergeni nelle colture OGM, la European Food Safety Authority (EFSA) ha tardivamente scoperto che la più comune sequenza genetica di regolamentazione commerciale OGM codifica anche un frammento significativo di un gene virale “, spiega l’Independent Science News (ISN) sulla scoperta. Sulla base di ricerche precedenti che coinvolge il legame tra geni virali degli impianti e la salute umana, la nuova scoperta solleva serie preoccupazioni circa la sicurezza di molti OGM nella produzione commerciale di oggi.Dato che lo scopo intrinseco dei geni virali è quella di disabilitare l’host al fine di consentire l’invasione dei patogeni, la loro presenza negli OGM calimentari rappresenta una grave minaccia per la salute umana.

GENE VI LA PISTOLA FUMANTE CHE DIMOSTRA CHE GLI OGM SONO INADATTI AL CONSUMO UMANO.Fino a questo punto, il settore biotecnologico ha creato OGM che sono praticamente identici agli organismi naturali, e che non vi è alcuna differenza strutturale o funzionale tra gli OGM e i raccolti naturali nel modo in cui vengono elaborati dal corpo umano. Ma la presenza di Gene VI, nella maggior parte degli OGM smonta completamente questo mito. Poiché le colture naturali non possiedono Gene VI, non sono suscettibili alle infezioni virali essi stessi così come lo sono gli OGM che lo contengono. Secondo l’analisi ISN della funzione del Gene VI, il difetto genetico non solo facilita l’assemblaggio di virus potenzialmente mortali nel tessuto vegetale, ma sopprime anche le naturali difese anti-patogeni, rendendo le colture, e, potenzialmente, gli esseri umani che li mangiano, più suscettibili alla malattia. La presenza del Gene VI lascia sostanzialmente le colture transgeniche indifese di fronte ai patogeni virali e gli invasori, provocando l’espressione aberrante genica in colture che la posseggono. Questo significa che l’intera sequenza genetica di una pianta può mutare come conseguenza del Gene VI, con produzione di proteine ​​casuali all’interno delle cellule vegetali, mutando l’espressione genica indiscriminatamente in tutto l’organismo, con possibili deformità nella crescita. Gli scienziati conoscono la presenza di questi geni virali negli OGM da anni, ma non hanno mai individuato esattamente come questi geni inducano gli enormi cambiamenti genetici sulla salute umana.

redatto da Pjmanc http://ilfattaccio.org

Nessun commento:

L'ORIGINE OCCULTA DELLA CRISI ECONOMICA CHE NESSUNO VEDE...(VIDEO)