22 luglio 2016

LA DITTATURA DEL NWO AVANZA! Trasferimento Massivo di potere all’Unione Europea nel 2017





L’uscita del Regno Unito dall’Unione Europea, sostenuto dalla Regina Elisabetta e dal partito conservatore, non è dovuto tanto alla questione dell’immigrazione e al razzismo come vogliono far sembrare i media, ma a profonde questioni economiche e politiche


Dal 1 ° aprile 2017 al consiglio dell’Unione Europea sarà applicata obbligatoriamente la regola della ‘doppia maggioranza’ o ‘ voto a maggioranza qualificata’ (VMQ) ovvero d’ora in poi una minoranza di blocco può essere costituito da almeno quattro Stati membri che rappresentino almeno il 35% della popolazione dell’UE. Il Consiglio adotta una decisione quando è approvata da almeno il 55% dei membri del Consiglio composto di almeno 15 Stati membri che comprendono almeno il 65% della popolazione dell’Unione europea.

Inoltre col Trattato di Lisbona del 1 novembre 2014 gli Stati Membri hanno perso il controllo sulla loro politica ed economia che è passata in mano al controllo centralizzato dell’Unione Europea. E’ stato questo il motivo per cui due anni fa sono state raccolte le firme tra i britannici per indire un referendum sull’uscita del Regno Unito.


Ecco come nel 2009 (e credo che quasi nessuno di noi sapesse cosa stesse per succedere a quel tempo) Paolo Barnard commenta a riguardo:


“Pensate: stiamo tutti per diventare cittadini di un enorme Paese che non è l’Italia, governati da gente non direttamente eletta da noi, sotto leggi pensate da misteriosi burocrati a noi sconosciuti, secondo principi sociali, politici ed economici che non abbiamo scelto, e veniamo privati nella sostanza di tutto ciò che conoscevamo come patria, parlamento, nazionalità, autodeterminazione, e molto altro ancora. E’ il Trattato di Lisbona, vi sta accadendo sotto al naso, qualcuno vi ha detto nulla? […] fra poco una maggioranza politica che non sa neppure cosa significa la parola calzino potrebbe trovarsi a decidere come noi italiani ci curiamo, se avremo le pensioni, cosa insegneremo a scuola, come invecchieremo, o se dobbiamo entrare in guerra, e così per tutto il resto della nostra vita.”


Il fatto è che solo dal 1 aprile del 2017, ovvero fra meno di un anno, il Trattato di Lisbona diventerà ancora più autoritario con il nuovo sistema di maggioranza. Ecco come commenta nell’ottobre del 2014 GerardBatten, Membro del Parlamento Europeo per il Regno Unito:


“Ciò [l’applicazione del trattato di lisbona con il nuovo sistema di legiferazione] significa che il governo britannico [o di qualsiasi altra nazione] non ha più il controllo su quarantaquattro settori della politica che interessano ogni ambito della vita del popolo britannico. Un elenco completo dei poteri ceduti li riporto nella tabella sottostante:


1. Cooperazione amministrativa unanimità VMQ
2. Armamenti , norme in materia unanimità VMQ
3. Asilo politico VMQ VMQ
4. Controlli alle frontiere unanimità VMQ
5.Regolamento Iniziative dei Cittadini unanimità VMQ
6. Protezione Civile unanimità VMQ
7. Comitato delle regioni unanimità VMQ
8. Politica comune della difesa unanimità VMQ
9. Crimine iniziative di prevenzione unanimità VMQ
10. Criminal Justice Cooperazione unanimità VMQ
11. Diritto penale unanimità VMQ
12. Cultura unanimità VMQ
13. diplomatica e consolare Protezione unanimità VMQ
14. economico e sociale europeo VMQ VMQ
15. Emergenza Internazionale Aid unanimità VMQ
16. Energia unanimità VMQ
17. Budget unanimità UE VMQ
18. Eurojust unanimità VMQ
19. Banca centrale europea unanimità VMQ
20. Corte di giustizia europea unanimità VMQ
21. Europol unanimità VMQ
22. Eurozona esterno Rappresentazione unanimità VMQ
23. Esteri, Alto rappresentante Elezioni N / A VMQ
24. Affari Esteri, l’iniziativa dell’Alto rappresentante unanimità VMQ
25. La libertà di circolazione dei lavoratori unanimità VMQ
26. La libertà di creare un business unanimità VMQ
27. Libertà, Sicurezza e Giustizia – Cooperazione e valutazione unanimità VMQ
28. Finanziamento della politica estera comune e la politica di sicurezza unanimità VMQ
29. Interesse Generale Servizi economici unanimità VMQ
30. Aiuto umanitario unanimità VMQ
31. Immigrazione VMQ VMQ
32. Proprietà Intellettuale unanimità VMQ
33. Organizzazione del Consiglio dell’Unanimità UE VMQ
34. Cooperazione di polizia unanimità VMQ
35. Il presidente del Consiglio europeo elezioni N/A VMQ
36. Risposta alle catastrofi naturali e il terrorismo N/A VMQ
37. Lavoro Autonomo diritti di Unanimità VMQ
38. Sicurezza sociale VMQ VMQ
39. Spazio unanimità VMQ
40. Sport unanimità VMQ
41. Fondo Strutturale & di Coesione unanimità VMQ
42. Turismo unanimità VMQ
43. Trasporti unanimità VMQ
44. Ritiro di uno Stato membro da UE N/A VMQ

Mentre la stampa internazionale cerca un qualche modo per rilanciare la costruzione europea – sempre senza la Russia e ora senza il Regno Unito – Thierry Meyssan, politico francese, è convinto che nulla ormai potrà più impedire il collasso del sistema dell’Unione Europea. Vorrei concludere con le sue parole:


“Nessuno sembra capire le conseguenze della decisione britannica di lasciare l’Unione europea. I commentatori si sono focalizzati sugli elementi di una campagna assurda: da un lato gli avversari di un’immigrazione senza controlli e dall’altra gli jettatori che minacciavano il Regno Unito dei peggiori tormenti. Ora, la posta in gioco di questa decisione non ha alcun rapporto con questi temi. Il divario tra la realtà e il discorso politico-mediatico illustra la malattia di cui soffrono le élites occidentali: la loro incompetenza.

Contrariamente a quanto spiega la stampa europea, la separazione dei britannici dalla UE non si farà affatto lentamente, perché l’Unione europea crollerà più velocemente rispetto al tempo necessario alle trattative burocratiche per la loro uscita.
Quel che abbiamo è un cambiamento d’epoca.“

Nessun commento:

NUOVA ZELANDA: LAMPI DI LUCE SQUARCIANO IL CIELO DURANTE IL TERREMOTO!!!