19 giugno 2016

L'Italia è in Guerra: la Terza Guerra mondiale è in corso! (Video)


IL CONTO ALLA ROVESCIA E' GIA' INIZIATO:E' la terza guerra mondiale, silenziosa, devastante, come una nube tossica che avvolge l'intera umanità.


Lo scopo è lo stesso di sempre, distruggere e conquistare. Solo che le armi non si chiamano più fucili, o bombe, o missili. Si chiamano spread, derivati, BCE, swap, austerity, fiscal compact, MES, rating e altre ancora....



Ma sono tutte armi di distruzione di massa, sono le milizie armate della Finanza Speculativa,
quella che strozza l'economia, che insidia le democrazie, che ci rende timorosi e schiavi, che ci impone una vita che non vorremmo. Sembrava l'alba di una nuova era, un periodo in cui le scoperte nei vari settori della scienza e della medicina avrebbero reso la vita più facile a tutti, debellato le malattie e la fame nel mondo.

Tutti avremmo avuto più tempo libero perché le macchine avrebbero lavorato al posto nostro... ma non è andata così. Il mondo contemporaneo ha indubbiamente bisogno di qualche modifica. le morti per cancro aumentano come le epidemie, le pandemie, le allergie, così come aumentano gli utili delle case farmaceutiche.

La fame nel mondo non è stata sconfitta, la violenza continua a devastare intere regioni della Terra, la situazione di povertà spinge interi popoli ad emigrare. E negli Stati Uniti così come nella vecchia Europa, le differenze sociali si ampliano, i ricchi sono sempre più ricchi, mentre la classe media è spinta verso la povertà, e quella meno abbiente verso la miseria.

L'America risente ancora della crisi dei mutui subprime, che ha minato definitivamente le certezze del popolo americano, ha generato una reazione negativa a catena oltre oceano.
Sull'altro versante, quello europeo, gli stati europei sono strozzati dal debito di bilancio, tanto che grossa parte della spesa statale è destinata al pagamento dei soli interessi, senza nessuna possibilità di ridurre il debito stesso.

L'America e l'Europa che dovevano trainare il mondo, sono state invece travolte dalla più imponente crisi finanziaria della storia, con risvolti sociali e di identità culturale ancora da decifrare.
Siamo sicuri che la situazione americana ed europea siano effettivamente di natura diversa così come ci vogliono far credere i media? Oppure sono solo due facce della stessa medaglia?
Forse è l'attacco definitivo per il dominio del mondo da parte di un organismo che non ha bandiere né stato di appartenenza.

Il Nuovo Ordine Mondiale, quello della Finanza, che ha preso lentamente il Potere, sottraendolo alla politica, che è diventata sua serva. Nessuno osa alzare la voce, nessun rappresentante del popolo sovrano.
MA IO LO FARO'!

Dobbiamo riprenderci il potere, Strapparlo alla finanza, quella che si permette di creare il denaro dal nulla,
e restituirlo ai cittadini e all'economia, in nome della prosperità, del benessere e della libertà.
Nessun leader politico dice che il denaro è stampato da istituzioni private: la Banca Centrale Europea è privata, la Federal Reserve è privata. E le banche aleggiano sul NULLA.
Sapete che se domani tutti i titolari di conti correnti e depositi di vario tipo si presentassero in banca a ritirare il contante, solamente il primo 3% potrebbe essere soddisfatto prima di esaurire la liquidità?
Non mi credete? Date un'occhiata a ciò che sta affrontando adesso Cipro! E altri paesi sono destinati alla stessa sorte.

Maurice Allais, premio Nobel per l'economia, scrisse nel 1999 che l'attuale creazione di denaro dal nulla
operata dal sistema bancario è identica alla creazione di moneta da parte di falsari. In concreto i risultati sono gli stessi. La sola differenza è che sono diversi coloro che ne traggono profitto.
Ma più di ottanta anni fa Bertold Brecht scrisse in Santa Giovanna dei Macelli che era più criminale fondare una banca che rapinarne una.

Ah, che profeta!

E non erano ancora state impiegate le armi di distruzione di massa create dalla grande finanza. Quali? Tra menzogne e inganni, tutti al servizio della finanza, c'è una vasta scelta. Il MES, a esempio, il Meccanismo Europeo di Stabilità. Il nuovo Fondo Salva Stati, ma che in realtà è già diventato ufficialmente un fondo salva banche, o gli aiuti. Basta guardare alla Grecia. Di questi aiuti il 52% va alle banche internazionali e commerciali, per premiarle, aiutarle, salvarle. Il 23% alla Banca Centrale Europea. Il 20% è destinato alle banche greche, e solo il 5% allo stato greco, ai suoi cittadini.

Tu, dimmi, sei felice?

E allora da questo momento, visto che è stata la finanza a iniziare la guerra, io la dichiaro a gran voce, ...ai suoi uomini di potere...così grandi...così pochi...così schivi.
Con quali armi? Con l'informazione, con la comunicazione, attraverso la condivisione del mio sapere
con tutta la gente del mondo.
Loro adesso sanno che io so, ma lo sapete anche voi...

Amici miei, la felicità è libertà. La libertà è ancora lontana, ma la scelta è fatta.

13 commenti:

Marco Mancioli ha detto...

L'Italia è un malato terminale e gli italiani sono tutti malati di mente, ma una speranza sta nascendo e la voglia di cambiamento che anima dal basso gli italiani non si farà piu prendere in giro dal Renzi di turno se qualcuno vuole intercettare questa voglia di cambiamento , di pulizia e poi regalare tutto il consenso di nuovo ai soliti speculatori internazionali gli italiani sono pronti a rottamarlo immediatamente !!! ... ma fra i sani di mente ci sono anch'io insieme a tutti quei connazionali che accortisi della situazione insanabile hanno scelto di fare le valige e di abbandonare la nave prima che affondi del tutto , io sono 4 anni che vivo in Senegal , sono felicissimo ho trovato subito un ottimo lavoro tramite un'azienda italiana , qui ci sono sempre piu italiani e tutti dopo poco che sono qua portano moglie e figli o si sposano e al contrario di quello che sucede in italia fanno tutti due, tre o piu figli, perchè fuori dall'italia si respira un'aria diversa una libertà che ci eravamo scordati, senza equitalia, autovelox, rimozioni forzate , ecc... si progetta un futuro anche e soprattutto per i nostri figli .
La speranza sarebbe quella di tornare italiani in una terra d'Italia libera e sovrana dove il futuro possa essere pensato progettato e costruito da noi italiani e non imposto dalle euroburocrazie che ci fanno sentire sudditi, messi in catene dai nuovi padroni stranieri nella nostra terra, che diviene terra di conquista e periferia di un'impero che non ci appartiene minimamente.

Anonimo ha detto...

Pulisciti la bocca prima di nominare Renzi. Grazie al suo essere continuamente un sottomesso ci ha risparmiato attentati di matrice finto-islamica (in realtà di matrice atlantista), al contrario di quanto sta avvenendo in Francia in cui la gente vuole a tutti i costi ribellarsi e dettare legge e poi si vede quali sono le conseguenze: attentati VERI con MORTI quindi e non i soliti finti attentati tipo Francia novembre, Orlando o simili, ma VERI, in stile 11-9. Quindi fanculo se non ti sta bene, io non voglio scoppiare in metropolitana per colpa tua.

Anonimo ha detto...

Grazie Marco Mancioli,perchè anche se sei andato via ti preoccupi ancora dell'Italia!hai fatto benissimo ad andare via e mi complimento con te.Mi dispiace solo che hai detto che gli italiani sono tutti malati di mente,perchè devi calcolare che non tutti pur volendo,hanno la possibilità di andare via!spero che più giovani possibili,cerchino al più presto una via d'uscita,anche se purtroppo, dai commenti, vedo che molti non fanno altro che dire "gli italiani dormono,sono delle merde,ecc" e intanto non si organizzano e così provano che sono proprio loro a dormire!io ormai sono vecchio e se tornassi indietro comincerei a 18 anni a mettere via i soldi per partire!immediatamente!per il resto hai ragione da vendere su tutto,ci hanno venduto agli stranieri e ci stanno uccidendo con debiti che non abbiamo fatto noi.Povera Italia!Un caro saluto!

Anonimo ha detto...

BRAVO...statti in Senegal e non provare a tornare, che di vigliacchi che abbandonano la nave ci basta Schettino!!Statti al calduccio, fai tanti figli, augurissimi per tutto, ma non provare a tornare più nella tua NON più patria!CIAONE!

Anonimo ha detto...

Con la voce gli si fa una pippa e lo sapete benissimo anche voi,ci vuole ben altro,le rivoluzioni non si fanno con le chiacchiere e i buoni propositi ma con i fiumi e anche gli oceani di blood!

Anonimo ha detto...

Marco Mancioli, una domanda perchè tanti senegalesi cercano la fortuna in Italia, rischiando la vita? Se si vive così bene in Senegal chi glielo fà fare di attraversare deserti e mari per venire a vendere occhiali da Sole sulle spiagge italiane?
Sicuramente nei paesi cosiddetti del terzo mondo i ritmi sono più lenti, ci si incazza di meno, ma di problemi ce ne sono a iosa ovunque.

Anonimo ha detto...

Concordo con 19:17! Marco Mancioli il tuo pistolotto (come si dice a Milano) ce lo potevi risparmiare,tanto si è rivelato una minchiata (come si dice a Palermo).

Anonimo ha detto...

Non ti preoccupare,gli attentati qui in Italia non li fanno perchè non ci caga nessuno!e non rosicate se qualcuno è riuscito a scappare e voi no,inoltre,il Senegal non è affatto messo male come paese,anzi,ed è stata colonia francese!e che,dovrei affondare con tutta la nave o fare come Schettino?c'è la terza alternativa bello e cioè vivere una vita normale fuori da questo paese!se no rimanete pure qua a elemosinare!anzi a fare i camerieri,visto che pure i laureati non trovano lavoro a meno che non gli danno una bella spinta nel culo!questa è la cruda realtà e quando non sarete più poppanti e vorrete costruirvi una vita per conto vostro ve ne accorgerete!

Marco Mancioli ha detto...

Io non sono un sociologo , ma credo che ci sia una cattiva informazione su come si viva in Italia e nel resto di Europa , i giovani qua credono che , forse vedendo i programmi tv della Francia soprattutto, ma anche dell'Italia e delle pubblicità delle auto e delle famiglie del mulino bianco , credono cioè che come riuscissero a raggiungere l'Europa vengono accolti a braccia aperte gli venga dato un lavoro ben retributo, contributi statali a iosa, casa , auto e cellulare di ultima generazione tutto gratis o comumque da pagarsi a rate senza accorgersene dato gli stipendi da favola che ci sono in Europa ....
io nel mio piccolo credo di essere riuscito a fermare qualcuno di loro e non farli partire, ma so che è una goccia nel mare delle illusioni , a tutto questo ci dovete aggiungere che i pochi che tornano in Senegal sono soprattutto coloro che effettivamente hanno trovato un lavoro forse meno dell' 1 % di quelli che sono partiti e tornano perchè sanno che qua ci sono delle opportunità che da noi ce le possiamo solo sognare, forse come ci sono state negli anni '60 ma che nessuno in Italia se le ricorda, quindi quando tornano magari con un po di soldi e le competenze che hanno appreso facendo gli operai, riescono ad aprire un'attività e qui si a fare i soldi veramente ...

Anonimo ha detto...

La Francia sta subendo questi attacchi perche' come abbiamo visto non sta rispettando i dettami dell'Europa non ha fatto riforme(distrutto lo stato sociale) mentre l'Italia si e' piegata a 90...

LA pikkola Ukjo ha detto...

Anonimo anonimo delle 9:03 Ma come fai e come fate a dire questo ma non vedete che in Italia è tutto ok La mafia non esiste non è collusa con lo Stato con la Chiesa I complottisti non ci hanno azzeccato su niente non sta Per avverarsi Una Europa filofascista Basata sulla falsa democrazia monetaria la poliziaUnica europea non ci sarà È tutto ok guardate dimmelo Teo e vivete sereni Andate in chiesa fregato la mattina accendete il cielo è vivere serenamente la vostra vita che lo Stato restituzione si preoccupano veramente del vostro bene e della vostra salute Non siete vacche da mungere Vivete sereni e pregate Cristo che complottisti sono solo dei birichini L'ottimismo è il profumo della vita Sono solo vostre fantasie Malanga spara cazzate Trallallero trallallà

evil-clown ha detto...

Io credo che i governi possono fare tutti i piani che vogliono, ma la terra è un pianeta vivo che ciclicamente si rinnova.
I simpaticoni, ricchi e potenti lo sanno, non manca moltissimo a qualche cataclisma, certo loro si preparano, accumulano soldi, costruiscono bunker, progettano oasi per loro.
Ma nemmeno loro sanno sé funzioneranno contro un esplosione di un supervulcano o un qualsiasi altro evento naturale di portata mondiale.
I loro soldi non avranno più valore, nemmeno l'oro.
Quindi dormite sereni, quando sarà il momento anche i megaricchi si bruciano il culetto.
Per l'immediato vi consiglio come ho fatto io 8 anni fà di fare le valigie e partire verso paesi dove ancora è possibile vivere dignitosamente lavorando.

Anonimo ha detto...

Basta che non sia in Africa perché io soffro il caldo! Essendo un amante del freddo preferirei un paese come la Groenlandia,l'Islanda,l'Alaska,le Svalbard,la Scandinavia o il Canada (possibilmente oltre il circolo polare artico di questi ultimi due paesi nominati). Ma non mi dispiacerebbe neanche vivere in una qualche base polare antartica,oppure nella Terra del Fuoco in Argentina o in Cile!

L'ORIGINE OCCULTA DELLA CRISI ECONOMICA CHE NESSUNO VEDE...(VIDEO)