19 giugno 2016

BRASILE: IN NOME DEL PROGRESSO STANNO STERMINANDO LE POPOLAZIONI INDIGENE


“La mattina del 18 settembre 2015, il popolo Guarani – Kaiowá (MS) ha subito un altro attacco di sterminio promosso da grandi agricoltori
con l’incoraggiamento del deputato Luiz HenriqueMandeta (DEM), del deputato Tereza Cristina (PSB) e senatore Waldemir Moka (PMDB), i grandi agricoltori hanno anche il supporto del PM.


In questo ultimo attacco, così come hanno arrestato e torturato molte persone ancora una volta, una donna incinta e un bambino sono state violentate. Nonostante la gravità della situazione e le atrocità commesse contro queste persone poco si dice nei media. Lo stato brasiliano con i proprietari terrieri promuove lo sterminio di noi popoli indigeni. Se ancora non sapete informatevi e aiutate a diffondere le informazioni. Se sapevate e non vi siete commossi, siete complici di questa mostruosità. Se si vuole aiutare e non si sa come, divulgate informazioni e cambiate la vostra immagine del profilo in “siamo tutti Guarani Kaiowá”, è un inizio.”


La situazione è molto grave e purtroppo non rientra affatto nelmainstream mondialesulla violazione dei diritti umani. Uno sterminio silenzioso, coperto dal grande rumore che fa per altri motivi il furbo (fino a quando gli riuscirà)governo brasiliano. Ho parlato con alcuni “sem terra” nello stato di Bahia. Non sono necessariamente indios, ma anch’essi sterminati dai latifondisti senza pietà. Semplicemente sparano loro addosso, con l’aiuto della polizia. I governi sono conniventi se non d’accordo con lo sterminio di queste popolazioni considerate inutili e anzi un intralcio per lo sviluppo. Invece, oltre che violazione di diritti umani e sterminio di persone, si tratta della distruzione di una fetta di storia del paese e di una risorsa culturale.


Il latifondo che un tempo era dei colonialisti oggi è passato a deputati, senatori, possidenti vari. Purtroppo il Brasile è un paese troppo potente e troppo strategico attualmente per poter essere indagato da qualche organismo internazionale il quale, d’altra parte, farebbe comunque gli interessi dei potenti.


Del resto stare solo a guardare è dura. La diffusione della notizia nei rivoli del web può essere utile.



http://www.ilfattoquotidiano.it/



QUANTO LETTO SUCCEDEVA NEL SETTEMBRE DELLO SCORSO ANNO…..NULLA E’ CAMBIATO



CONTINUANO LE VIOLENZE E LE INTIMIDAZIONI AI DANNI DEGLIINDIGENI BRASILIANI.



Lo scorso 14 giugno un gruppo di uomini armati ha attaccato una comunità guaranì, nel sud del Paese, uccidendo un uomo e ferendone almeno altri cinque, tra cui un bambino.



L’episodio, documentato da un video (sotto) girato a distanza da alcuni membri della tribù e riportato ieri da Survival, non è il primo di questo genere: sempre più spesso, infatti, agricoltori e allevatori assoldano dei sicari per intimidire gli indigeni, con l’obiettivo di allontanarli dalle loro terre per appropriarsene. Si tratta di atti violenti che avvengono nel silenzio pressoché totale delle autorità e che stanno portando alla disperazione le comunità indigene, come dimostra l’aumento del tasso di suicidi tra i più giovani.




La comunità colpita nell’attacco di martedì scorso è quella di Tey’i Jusu e sembra che agli spari – che hanno causato la morte dell’operatore sanitario ventenneClodiodi Aquileu e il ferimento di almeno cinque persone, tra cui un bambino – sia seguito l’incendio dei campi circostanti. 


“È in corso un lento genocidio. 
C’è una guerra contro di noi. 


Abbiamo paura.”


…aveva spiegato appena un mese fa il leader guarani Tonico Benites, in occasione di una visita in Europa –“Uccidono i nostri capi, nascondono i loro corpi, ci intimidiscono e ci minacciano.”





“Continuiamo a lottare per la nostra terra. La nostra cultura non permette violenze, ma gli allevatori ci uccideranno piuttosto che restituirci la terra. Gran parte di essa ci è stata presa negli anni Sessanta e Settanta. Gli allevatori sono arrivati e ci hanno cacciati via. La terra è di buona qualità, con fiumi e foreste. Ora è preziosa.”








Solo qualche giorno fa Survival aveva ricevuto – grazie al Progetto Tribal Voice, che permette alle comunità indigene che non hanno accesso a internet di inviare in tempo reale dei video-messaggi sulle loro vite e sulla loro lotta per la sopravvivenza – un audio dei Guaranì della comunità di Pyelito Kue che documentava un altro attacco dei sicari al loro villaggio.



Nel frattempo, un’altra comunità guaranì nella stessa regione, conosciuta come Apy Ka’y, rischia lo sfratto dopo aver rioccupato nel 2013, sotto la guida della leader Damiana Cavanha, le proprie terre ancestrali. Le nove famiglie della comunità hanno ricevuto un’ordinanza di sfratto la scorsa settimana, ma non è ancora noto se siano riuscite a restare nella terra che spetta loro di diritto, sia secondo la legge brasiliana che secondo le norme internazionali.

“Assistiamo a un attacco brutale e continuato ai Guaranì, che sta crescendo di intensità.” – ha commentato Stephen Corry, Direttore generale di Survival –

“Persone potenti in Brasile stanno cercando di ridurre al silenzio i membri della tribù, terrorizzandoliaffinché rinuncino alle loro rivendicazioni territoriali. Ma i Guaranì non si fermeranno. Sanno di rischiare la morte cercando di tornare alla loro terra ancestrale, ma l’alternativa è così terribile che non hanno altra scelta se non quella di affrontare i sicari e le loro pallottole. Il governo ad interim del Brasile deve fare di più per porre fine a questa ondata di violenza che sta seminando morti.”

Un appello a cui ci uniamo anche noi, affinché la persecuzione degli indigeni possa cessare per sempre.

COSA POSSIAMO FARE?

Aiuta i Guarani del Brasile. Il tuo sostegno è vitale per la sopravvivenza dei Guarani. Ecco cosa puoi fare:

Scrivi alla presidente del Brasile per chiederle di demarcare le terre dei Guarani e fermare l’assassinio dei loro leader. Scrivi all’ambasciata brasiliana in Italia.

Articolo di Lisa Vagnozzi

Anche Survival International dice che l’attacco dei sicari alla comunità di Tey’i Jusu:

«E’ solo l’ultimo di una serie di assalti violenti alla tribù» e aggiunge che «L’attacco fa probabilmente parte dei crescenti tentativi dei potenti agricoltori e allevatori locali –strettamente legati al governo ad interim nominato di recente – di sfrattare illegalmente i guarani dalla loro terra ancestrale e intimidirli con violenza genocida e razzismo».

Nella regione, i guarani e kaiowá associano la polizia ai fazendeiros»…


http://ilnuovomondodanielereale.blogspot.it/
http://www.younetspiegalevele.info/

2 commenti:

Anonimo ha detto...

Sti schifosi vigliacchi..speriamo che le olimpiadi li vadano dal culo..onore ai Guarani e Kaiowà..

Anonimo ha detto...

Ascoltate la canzone dedicata dal gruppo metal brasiliano Sepultura ai Kaiowà dall'album del 1993 intitolato Chaos A.D. canzone intitolata Kaiowas e l'album successivo del 1996 intitolato Roots quasi interamente dedicato agli indigeni delle tribù amazzoniche tra cui i Guarani e gli Yamani parlando dello sterminio a cui sono sottoposti dalle autorità e dai grandi latifondisti brasiliani per favorire alcune multinazionali

NUOVA ZELANDA: LAMPI DI LUCE SQUARCIANO IL CIELO DURANTE IL TERREMOTO!!!