30 maggio 2016

L'EUROPA MINACCIA: SE VINCE IL BREXIT LA RISPOSTA SARA' MILITARE!!!


LONDRA - Pare incredibile, ma in Italia nessuno avvisa l'opinione pubblica che col Brexit cambierà radicalmente sia la Ue che le sue malridotte istituzioni e che in sede europea si stanno prendendo delle "contromisure" - segrete! - alla cui definizione partecipa anche l'italiana Federica Mogherini.

Bisogna leggere la stampa estera, per scoprirlo, benchè sia escluso che il premier Renzi ne sia all'oscuro, e quindi è plausibile ipotizzare abbia preteso la censura totale. Ma a svelare la notizia con due clamorosi scoop ci hanno ha pensato stamattina due quotidiani britannici.

"I leader europei - rivela in prima pagina il Financial Times - hanno avviato colloqui segreti sul futuro dell'Unione Europea senza Regno Unito, delineando un 'piano B' focalizzato non sull'economia ma su una più stretta cooperazione nella difesa e nella sicurezza. Nelle ultime settimane, tra Hannover, Roma e Bruxelles, ci sono stati diversi incontri segreti ad alto livello per discutere di una risposta comune all'eventuale Brexit, che rappresenterebbe la piu' grave battuta d'arresto nella storia dell'Unione, iniziata quasi 60 anni fa".

Già da queste poche righe si evidenzia l'enormità della cosa, tenuta ben celata dall'informazione italiana.

"Sono soprattutto la cancelliera della Germania, Angela Merkel, e il presidente della Francia, Francois Holland - prosegue il Financial Times - a puntare sulla cooperazione nella difesa e nella sicurezza, piuttosto che sull'ulteriore integrazione dell'area dell'euro che viceversa ormai è data per persa".

"La prima sfida, comunque, - precisa il quotidiano finanziario londinese - sarebbe la gestione delle turbolenze finanziarie e politiche subito dopo il voto del 23 giugno, in caso di vittoria del "no". Le prime dichiarazioni sarebbero mirate a rassicurare i mercati. Seguirebbe, quindi, una riunione straordinaria dei leader, senza quello britannico, e d'altra parte un vertice di tutti i 28 leader Ue è già in programma il 28 e 29 giugno".

Lo scoop del Financial Times, che evidentemente ha attinto a una fonte diretta di altissimo livello informata perfino dei dettagli, prosegue così: "Tutti esprimeranno in quella riunione straordinaria il rammarico, ma diranno che bisogna andare avanti. Tuttavia, sul come non c'e' un allineamento. Parigi teme il contagio ed è propensa a mandare a Londra il messaggio punitivo di un divorzio lungo e costoso. Berlino teme che ciò possa aggravare le divisioni, così Angela Merkel è propensa a scaricare i costi soprattutto sui privati, sui mercati. Mentre l'alto rappresentante per la Politica estera e di sicurezza, Federica Mogherini intanto sta lavorando da tempo e segretamente a un progetto titolato Global Strategy on Foreign and Security Policy, sostenuto dalla Germania e da altri paesi membri dell'Unione europea, che prevede lo sviluppo di nuove strutture militari e operative, incluso un quartier generale: il primo passo verso la creazione di un esercito dell'Ue".

Il davvero clamoroso scoop del Financial Times viene affiancato da un altro articolo - ovviamente coordinato - sullo stesso tema pubblicato sempre oggi dal Times di Londra. Si legge: " Circa il lavori riservati e al massimo livello della Ue per far nascere l'esercito Ue, che ora sarebbe una risposta un po' vendicativa al Brexit, va detto che già da tempo circolava come proposta, e proprio su di essa il Regno Unito aveva posto il veto nel 2011. Adesso, segretamente preparato in questo periodo, il piano per l'esercito Ue sara' sottoposto ai governi solo dopo il referendum britannico del 23 giugno. Fino ad allora solo una ristretta cerchia di diplomatici, privi di dispositivi elettronici ma autorizzati a prendere appunti a mano, potra' accedere alle carte".

E' uno scoop dentro lo scoop del Financial Times, quello di The Times, ultra secolare quotidano conservatore britannico, la cui autorevolezza è indiscussa a livello mondiale. 

E The Times, che deve aver avuto accesso alle stesse fonti del Financial Times, conclude così: "Per Federica Mogherini serve un cambiamento urgente, considerate le sfide del nostro tempo, una bussola per navigare nelle acque di un mondo che cambia velocemente. Ma primo ministro del Regno Unito, David Cameron, ha piu' volte respinto l'idea di un esercito europeo: "Non ne faremo mai parte", ha detto un portavoce del ministero della Difesa, rivendicando il diritto di veto".

L'articolo finisce così, secco, senza commenti, in perfetto stile anglosassone: fatti, non opinioni.

Redazione Milano.

8 commenti:

Anonimo ha detto...

non molleranno mai losso l'elite usuraia khazara, useranno la polizia europea Eurogendfor ed altri militari stupidi che come cani obbediranno per un osso attaccando, manganellando, imprigioneranno e pure uccideranno le persone che vorranno giustizia, libertà è uscita dall'euro. Purtroppo non ne verremo mai a capo e la gente capirà che gli piaccia o meno che siamo in una dittatura e governati da servi criminali che ci svendono per il loro lauto stipendio. Oggi come oggi la rivoluzione forse e' l'unica speranza rimasta ormai al popolo per sopravvivere a questi crimini. Useranno la forza qualora il loro regno crollasse, posti fissi, potere e denaro a volontà se messi a rischio tornando ad una moneta sovrana, cio' che l'euro ovviamente non è, e uscirne è l'unico modo per risollevare le nazioni da questi banksters cge sono da fucilare in piazza e cancellare i loro nomi dalla storia! Le masse, ossia, gli italiani, greci, francesi e di altri stati dovranno scegliere fra obbedire ma rimanere schiavi e morire nel tempo oppure combattere ed avere una speranza per un futuro migliore per tutti. Forse i francesi lo stanno capendo e dando un segnale ad altri popoli di seguire l'esempio! ... tutto il popolo di ogni nazione ormai dovrà fare una scelta tra la vita e la morte perché questa tirannia mettere inginocchio tutti quanti anche chi per ora pensa di star bene, ha qualche euro in tasca e un lavoro, ma ancora per poco! Sostenete l'avvocato marra per il 18 giugno a roma e diffondete la denuncia sul signoraggio. Sostenete tutti coloro che si battono per la ssovranità e girate le spalle a tutti quei partiti del cazzo che non hanno la sovranità nel loro programma e non ne parlano. Quindi, Pd e mo.vi.mento.5stelle due facce della stessa medaglia. Se il 18 e giorni a seguire le procure non daranno nulla dopo il deposito delle centinaia di denunce come crediamo, visto ce ne sono a migliaia ma nulla mai si fa perché la legge non è uguale per tutti e politici, finanza e magistrati sono lo stesso stampo Mafioso, allora dobbiamo tutti ujiti combattere! Lo dobbiamo per il bene della bazione e i nostri figli. Smettere di mettere la tedta sotto la sabbia, ciò che ci hanno riservato non ti permetterà di scappare per sempre. Bisogna affrontare il nemico. Milioni di bufali travolgono pochi leoni se incazzati, organizzati e uniti marciano per la direzione scelta. Non facciamoci sbranare, noi siamo i veri leoni, diversamente solo facile prede da chi ruggisce di più se si abbassa la testa e difesa. Rivoluzione!!!

Anonimo ha detto...

L'esito del Brexit del 23 giugno avrà solo 2 possibilità di soluzione.
O ,dopo la solita logica dei brogli,si manifesterà la volontà(falsa)degli inglesi di rimanere a far parte della Nazi-EU e così mantenere in piedi il teatrino,oppure,vista l'impossibilità e la mancata volontà da parte dei "gestori del sistema"di risolvere la crisi pilotata,faranno vincere il Si e sfruttare l'occasione per far scoppiare un conflitto sociale e militare.
Non vedo altre possibili soluzioni....

luigiza ha detto...

Il titolo é fuorviante. Infatti nell'articolo si afferma:
...a puntare sulla cooperazione nella difesa e nella sicurezza, piuttosto che sull'ulteriore integrazione dell'area dell'euro che viceversa ormai è data per persa"

NON C'è alcuna risposta militare, solo una collaborazione in AMBITO militare tra altri paesi UE.

Anonimo ha detto...

Tanto ci saranno brogli come in Austria non permetteranno mai di uscirne da questa dittatura targata UE!

Anonimo ha detto...

La notizia sembra tanto assurda quanto veritiera. Circa un paio di settimana fà su Radio1rai e non su siti complottistici, c'era un esperto di geopolitica che parlava e a proposito del Brexit diceva che in caso di una eventuale uscita della g.B. dall'Europa potrebbe scaturire una guerra tra paesi europei con conseguenze imprevedibili, speriamo bene, vero è che le premesse non sono tra le migliori.

Anonimo ha detto...

20:41, quello è uno scenario che è probabile...non possibile, come è probabile che l'europa venga annientata dall'isis...probabile, non possibile, e cioè pochissime chances!Cmq stavolta ha ragione luigiza, nell'articolo sia times sia financial non si parla di guerra dopo l'uscita della gran bretagna, ma di un miglioramento militare dell'europa!Vi ricordo che l'inghilterra è una tra le poche nazioni europee, se non la prima, ad avere il piu grande esercito!Con l'uscita di esso dovra essere rimpiazzato...tutto qua!il titolo è fuorviante e gli allocchi ci cascano, dispensando timore, paura e facendo girare una voce fals....come sempre!!!

Anonimo ha detto...

Non succede niente..La paura è il loro fine..

Anonimo ha detto...

Si in effetti sono loro a tremare di perdere le loro poltrone e tramano all'ombra e tremano alla luce

L'ORIGINE OCCULTA DELLA CRISI ECONOMICA CHE NESSUNO VEDE...(VIDEO)