10 maggio 2016

E' ufficiale! L'olio di palma è tossico,le multinazionali lo sapevano dal 2009


L'Efsa ha stabilito di recente che l'olio di palma è dannoso per la salute, soprattutto per quella dei bambini. Ed è arrivata a questo risultato dopo uno studio decennale e molto accurato. È triste però scoprire che le grandi multinazionali dell'alimentazione lo sapevano già dal 2009. Lo testimonia il report di un convegno tenutosi appunto il 21-22 aprile del 2009 a Praga che aveva per tema proprio i "contaminanti" frutto dei processi di trasformazione dei cibi e le strategie per ridurli al minimo. Tra le varie sostanze tossiche trattate nel congresso c'era anche il 3-Mcpd, ossia il 3-monocloropropandiolo e suoi esteri degli acidi grassi. Una sostanza tossica che si sprigiona quando gli oli vegetali - e soprattutto quello di palma - sono sottoposti a raffinazione ad alte temperature (200°C). In particolare sia l'Efsa nel suo studio che i colossi dell'industria alimentare presenti al convegno praghese sottolineano che nel trattamento degli oli di semi in genere "vengono prodotti livelli notevolmente inferiori di esteri Mcpd che dai grassi di palma". Quindi il grasso tropicale anche all'ora era considerato come il principale imputato.



Amare poi le conclusioni del congresso, perché purtroppo ancora attuali anche se riferite al 2009: "Al momento non è possibile la produzione di grassi a base di palma a basso contenuto di esteri Mcpd". L'Efsa nel suo studio, infatti, ha sottolineato che "i livelli di 3-Mcpd e dei suoi esteri degli acidi grassi negli oli vegetali" e in particolare nel palma "sono rimasti in gran parte invariati nel corso degli ultimi cinque anni". E per questo ha dimezzato la dose giornaliera tollerabile (DGT), portandola a 0,8 microgrammi per chilogrammo di peso corporeo al giorno.




Il ministro della Salute Beatrice Lorenzin ha chiesto al Commissario europeo per la salute e la sicurezza alimentare, Vytenis Povilas Andriukaitis, di avviare con urgenza l’esame della questione all’interno dei gruppi tecnici. La palla passa dunque all'Ue e si spera che intervenga a regolare per legge i parametri per un uso non pericoloso per la salute dell’olio di palma in campo alimentare.




Intanto in Italia si allunga la lista di aziende che hanno scelto volontariamente di eliminare l'olio di palma dai propri prodotti. L'ultima è la Coop, che già aveva tolto il grasso tropicale da oltre 100 prodotti a marchio. Ma che, dopo la pubblicazione del dossier dell'Efsa, ha decisio di abolirlo del tutto anche nei 120 prodotti restanti. La sostituzione avverrà gradualmente nei prossimi mesi.

2 commenti:

Anonimo ha detto...

Eppure lo si trova ovunque
Persino alimenti confezionati che fino a qualche mese fa non lo avevano tra gli ingredienti,ora lo utilizzano.
O ,cosa ancora peggiore,iniziano ad usarlo anche i piccoli laboratori artigiani,tant'è vero che lo si può acquistare nei grossi centri dedicati alle partite iva.
E pensare che in quasi tutti i quotidiani c'erano pagine di informazione a pagamento che ne assicuravano la bontà o quei meschini "giornalisti" di Tiscali che a cadenz aregolare riproducono un articolo in cui se ne tessono le lodi e se ne giustifica l'utilizzo...

Anonimo ha detto...

Sì produce per il profitto non per il bisogno..questa è l'Italia, e la politica è complice, non ci sono scuse.

NUOVA ZELANDA: LAMPI DI LUCE SQUARCIANO IL CIELO DURANTE IL TERREMOTO!!!