7 maggio 2016

CI PAGHERANNO TUTTI IN BIT. CI PIACCIA O NO.


Un lunedì dello scorso aprile un centinaio di altissimi capi di banche d’affari e “delle più grandi istituzioni finanziarie del mondo” si sono riuniti in un ufficio del Nasdaq a Times Square. In gran segreto. Lo scopo: una esercitazione, una simulazione riguardante trasferimenti finanziari con un nuovo metodo. Che ha avuto successo. Come ha notificato giuliva Bloomberg:

“Alla fine della giornata, tutti loro avevano visto qualcosa di straordinario: dollari americani trasformati in veri attivi digitali, utilizzabili istantaneamente fin dall’apertura di una transazione commerciale. Il sistema attuale (di trasferimenti e bonifici, ndr.) complesso, pesante, soggetto ad errori, ci mette dei giorni per trasferire denaro nella città o nel mondo, è sostituito istantaneamente da un nuovo sistema quasi sicuro e che risponde in tempo reale”. Un software “che trasformerà la finanza”, era quello che i massimi capintesta del totalitarismo finanziario.


E’ un incontro che ricorda molto da vicino quello di Jekyll Island, in cui nel 1910 i banchieri d’affari cospirarono per creare la Federal Reserve come loro banca privata di emissione (1).

Il sistema è fondato “sulla tecnologia blockhain”: la stessa su cui si fonda il bitcoin, la cosiddetta criptovaluta digitale, che ci è stata gabellata come la “moneta libertaria” e anarchica, perché esistente “sulla Rete” (cosa di più democratico? Chiedete ai 5 Stelle) sottratta alla dittatura delle banche centrali, le quali non posson svalutarla, eccetera.

Il punto è che il sistema è piaciuto ai signori riuniti a Times Square. I quali dice Bloomberg, “non erano lì solo per parlare della tecnologia”, ma di adottarla e di applicarla nel proprio interesse. Fra di loro c’erano i massimi responsabili di “Nasdaq, Citigroup, Visa, Fidelity, Fiserv e Pfizer”. E’ un’accelerazione decisiva verso l’abolizione completa del contante fisico e la materializzazione del denaro, come denuncia l’economista Michael Snyder (direttore di The Economic Collapse).

I signori sono interessati, come spiega Bloomberg, al fatto che questa che viene creata è moneta spendibile, o gli somiglia molto. “I pagamenti elettronici attuali sono in realtà dei messaggi che avvertono che del denaro deve passare da un conto all’altro, un sistema che prende tempo, anche dei giorni, perché le banche attendono delle conferme. Per contro, i dollari digitali sono pre-caricati nel sistema blockchain; così possono essere spesi quasi all’istante contro qualunque attivo”.

Insomma sarebbe un borsellino elettronico pre-pagato, quello che vi darà il vostro salario, pensione, o altro pagamento; che saranno versati ovviamente sul “vostro” borsellino elettronico. “Vostro” fra virgolette, perché ce l’ha la vostra banca, non voi in tasca.


Naturalmente ve la vendono come passo decisivo contro “l’evasione fiscale, il riciclaggio, il crimine organizzato”, propaganda utilissima a conquistare l’immediato favore delle masse di moralisti giustizialisti e manettari, e farne il corpo elettorale (sono legione) che dirà sì, anzi pretenderà il passaggio al sistema (“così nessuno può nascondere niente”) e se ne farà psico-polizia volontaria. Anzi hanno già cominciato. In significativa coincidenza con l’incontro segreto di Times Square, Mario Draghi ha annunciato l’abolizione della banconota da 5000 euro, e tutti i media: “Bella misura anti-riciclaggio”, raccontando che “Il Lussemburgo ha stampato l’anno scorso il doppio del suo Pil in banconote” per lo più da 500 euro, “il che è sospetto secondo Euroactiv”.

Certo che è sospetto. Ma non per i motivi che vi spiegano. Anzitutto: come mai la Banca Centrale Europea consente al Lussemburgo di continuare ad essere un paradiso fiscale, non esige l’adeguamento delle sue leggi allo standard europeo (che a noi viene imposto)? E peggio: come mai permette al Lussemburgo di stampare banconote per due volte il suo Pil? A quanto ne sapevo (o credevo di saper) ogni paese dell’euro può fabbricare in proprio solo la moneta metallica; le banconote, le stampa la BCE che se ne incamera il signoraggio (in pratica, anche se sono le banche centrali locali a stamparle concretamente, lo fanno su mandato BCE e coi limiti del mandato).

Invece di porre fine a questo scandalo, ecco la soluzione di Draghi: “Fuorilegge le banconote da 500 euro” entro il 2018. Applausi giustizialisti.

Mica si fermano qui. Già Svezia e Norvegia vogliono la sparizione di banconote di taglio minore. In Usa è stata allestita una campagna per l’abolizione della banconota da 100 dollari. Il governo della Danimarca ha posto “la soppressione del denaro fisico” come suo programma. In Norvegia è la più grossa banca del paese a reclamarne l’abolizione totale. Il sistema testato a Times Square fornisce lo strumento ideale.

Quale miglior regalo per le banche? Possono andare in bancarotta, senza temere la corsa agli sportelli dei correntisti e risparmiatori per ritirare il loro denaro: quale ‘denaro? Quale “loro”? Il deposito in banca è – come è scritto – non più “vostro”, ma della banca: è l’esproprio, per ora solo virtuale, di tutte le ricchezze che non siano in contanti o in oro. La quale lo usa come briciola per creare tutto il denaro dal nulla su cui lucra gli interessi, indebitandoci tutti. Adesso nessuno potrà sottrarsi alla frode bancaria fondamentale tenendo i suoi risparmi sotto il mattone. Né pagare in contanti le bollette. Dovrà pagarle attraverso transazioni bancarie, che alla banca costano nulla (grazie a blockchain) ma su cui lucrerà le “commissioni” applicate ad ogni uso di carte di credito o di debito (i bancomat, borsellini elettronici pre-pagati).
Pensate a un Potere Grillo con il Bit 

Nel 2014 il sistema bancario ha risucchiato commissioni da 417 miliardi di transazioni elettroniche, tante ne sono avvenute quell’anno. Domani, il numero di transazioni si moltiplicherà per 3 o per quattro. O più. E di tanto si moltiplicheranno i lucri delle banche.

Sì, perché sono commissioni ingigantite dal fatto che una società dove il contante fisico è abolito obbliga letteralmente tutti – “piccoli e grandi, ricchi e poveri, liberi e schiavi” (Apocalisse 13) – a diventare clienti forzati delle banche. Naturalmente non vi accorgerete che questo si chiama Totalitarismo. Lo chiameranno Trasparenza, e voi ci crederete. Se non voi, il vostro vicino: quello che vi denuncerà a Europol. Per psico-reato.

Avete già visto: Italia e Francia vietano pagamenti in contanti sopra i mille euro; la Spagna sotto i 2500. E’ una tendenza che avrà un’accelerazione, dopo il successo dell’esperimento a Times Square.

Il governo, qualunque governo, non solo sarà lieto perché ogni minima evasione fiscale verrà resa impossibile. Sarà ancor più lieto di sapere, in ogni istante, a chi avete pagato qualcosa e perché. Avete pagato una stanza d’albergo: eravate con l’amante? Già adesso in USA pagare un hotel in contanti è un dato “sospetto” e l’FBI pretende dagli albergatori che glielo segnalino. Avete dato 50 euro alla parrocchia? Ai “tradizionalisti di Lefèvre”? Al Movimento per la Vita? Dunque siete cattolici forse contrari alla Cirinnà, magari all’imposizione del gender nelle scuole, e poco contenti delle nozze gay. Europol vi ha già iscritto nei suoi registri elettronici: siete “omofobi”, o sospetti tali. Oppure avete contribuito a un partito di quelli che stanno crescendo, e già vengono criminalizzati come “xenofobi”, “identitari”, nazionalisti, razzisti. Questi partiti che Bruxelles e Berlino e Parigi vogliono tanto dichiarare illegali e proibiti perché “dalla parte sbagliata della storia”, e “privi di misericordia” verso gli immigrati. Non riceveranno più un bit. Niente più idee sbagliate. Solo una avrà diritto da esistere, quella Giusta.

Il potere potrà controllare e sorvegliare ogni minimo particolare delle nostre vite. Non ci sarà più vita privata alcuna. Naturalmente con l’imperiosa ingiunzione delle masse manettare, che gridano “Fatelo! Non abbiamo niente da nascondere, NOI!”. Ovviamente sono quelli che, in realtà stanno dicendo: “Abolite la libertà di parola, tanto NOI non abbiamo niente da dire”. E questi sono la maggioranza assoluta, cari lettori.

Quando Grillo si lascia scappare che vuole “il cento per cento dei voti”, ossia del potere, provatevi ad immaginare un potere tipo Cinque Stelle nel regime di abolizione del contante. Il Potere totale (Totalmente Trasparente, Assolutamente Morale) si ergerà a giudice ed arbitro di quelli che saranno autorizzati a utilizzare il sistema senza contanti; e di quelli che, avendo idee “sbagliate”, o peggio compiendo azioni “disapprovate dalla Rete”, devono essere sbattuti fuori. Il Potere si darà leggi per rendere legale questa esclusione selettiva degli avversari ideologici e degli altri. Già abbiamo visto l’inizio di una campagna – assolutamente liberticida – contro i medici che (in grande maggioranza) si rifiutano di praticare aborti. Gli si potrà bloccare lo stipendio pubblico, perché “l’aborto è una legge dello Stato” e bisogna obbedirle. Inoltre la libertà di coscienza non prevale quando viola “i diritti delle donne”. I medici fermi nell’obbedire alla loro coscienza saranno ridotti alla fame.

E’ possibile immaginare che il Potere Morale imponga, per consentire ai cittadini di esser parte del sistema di pagamenti digitali, un giuramento di fedeltà alle “regole” che sono “le sole giuste e morali”. Il resto lo sapete, perchè ne siete stati preavvertiti:

“… obbligò tutti, piccoli e grandi, ricchi e poveri, liberi e schiavi, a farsi mettere un marchio sulla mano destra o sulla fronte. Nessuno poteva comprare o vendere se non portava il marchio, cioè il nome della bestia o il numero che corrisponde al suo nome (Apocalisse 13:16-18)

1 commento:

Anonimo ha detto...

La stampella di sostegno del PD e di Forza Italia,cioè il Movimento 5 Stelle è molto pericoloso.

NUOVA ZELANDA: LAMPI DI LUCE SQUARCIANO IL CIELO DURANTE IL TERREMOTO!!!