4 aprile 2016

Le Coincidenze secondo la Fisica Quantistica


Quando si verificano coincidenze sorprendenti, ci sembra di essere connessi con il mondo intorno a noi in modo misterioso.


Ad esempio, mentre pensi a una canzone che non senti da anni, in quel preciso istante la danno alla radio. In questo caso, la tua mente sembra connessa con il mondo che ti circonda, la coincidenza si verifica cioè tra uno stato mentale e uno stato fisico. Le coincidenze si verificano però anche tra la psiche di due persone. Ad esempio: tu e un tuo amico comprate nello stesso momento involontariamente la stessa camicia.

«I fenomeni di sincronismo sono caratterizzati da una coincidenza significativa che si verifica tra uno stato mentale (soggettivo) e un evento del mondo esterno (oggettivo)», spiegano il dottorando Francois Martin, del Laboratorio di fisica teoretica dell’Università di Parigi e Federico Carminati, dottorando in Fisica dell’Organizzazione Europea per la Ricerca Nucleare (Cern), in un articolo intitolato “Syncronicity, Quantum Information and the Psyche” (Il sincronismo non può essere spiegato dalla fisica classica. Sincronismo, informazione quantistica e la psiche), pubblicato sul Journal of Cosmology nel 2009.

Martin e Carminati affermano che il sincronismo non può essere spiegato dalla fisica classica. Si rivolgono perciò all’entanglement quantistico per spiegare la connessione tra la mente e la materia e tra le menti di tante persone. Utilizzano la fisica quantistica per esaminare il collegamento tra la mente cosciente e quella inconscia, e per studiare il concetto di libero arbitrio.
Come la Mente Cosciente interagisce con l’Inconscio

Nella fisica quantistica, un elettrone esiste in forma di onda oscillante: non è in uno stato fisso finché non viene misurato. La misurazione fa crollare la funzione ad onda. In questo caso, Martin considera la mente inconscia simile ad un elettrone. Si trova in vari stati potenziali, e la mente cosciente fa da strumento di misurazione che la blocca (almeno momentaneamente) in uno stato particolare. La mente cosciente fa crollare la funzione onda della mente inconscia.
Libri sull'argomento

«Il libero arbitrio ha un ruolo fondamentale nel passaggio da forma potenziale a forma reale e viceversa», scrive in un altro articolo intitolato “Quantum Psyche: Quantum Field Theory of the Human Psyche” (Psiche quantistica: la teoria del campo quantistico della psiche umana), pubblicato nel 2005, su NeuroQuantology.

Quindi, secondo questa teoria, un processo quantistico si verifica tra le varie parti della tua mente. Ma questo processo si estende oltre la mente di una persona, fino a eventi di sincronismo. Martin e Carminati si chiedono, inoltre, se la mente di un individuo sia connessa all’inconscio collettivo attraverso l’entanglement.
Come due o più persone potrebbero essere collegate

L’entanglement quantistico è un fenomeno per cui coppie o gruppi di particelle che sono state in contatto, sembrano rimanere connesse anche a grandi distanze. Quando si agisce su una delle particelle, si possono osservare cambiamenti corrispondenti anche nelle altre.

«L’analogia, per spiegare lo stato di legame per la psiche umana, è il nucleo familiare, in cui tutti i membri di una famiglia sono ‘tenuti’ insieme da interazioni costanti, siano esse interazioni emotive, finanziarie, o sociali che nascono dalla convivenza nella stessa abitazione», ha scritto Martin nel suo articolo del 2005. «L’analogia del collegamento tra due persone è, ad esempio, il legame continuo tra i figli che sono adulti e i loro genitori che invecchiano; in un caso del genere, non c’è più un’abitazione in comune e nessuna dipendenza finanziaria o di qualsiasi altro tipo; ma il collegamento può continuare ad esistere anche a grandi distanze di spazio e tempo. Il collegamento tra queste persone apparentemente non connesse, rappresenta bene il concetto del collegamento di due o più psiche».
Trasferimento di informazioni quantistiche

Martin riconosce che le sue ipotesi necessitano di ulteriori ricerche e che c’è ancora tanto da scoprire nel campo della fisica quantistica applicata alle particelle, figuriamoci nel campo di quella applicata alla psiche umana. Garret Moddel, professore di ingegneria dell’Università del Colorado, che ha lavorato molto con la meccanica quantistica, spiega a “Epoch Times” quanto possa essere facile semplificare eccessivamente l’entanglement. «L’effetto è molto sottile. Non è un effetto causale, è un effetto correlazionale. Per capire quale sia la distinzione tra le due parti ci vuole una spiegazione abbastanza paziente e dettagliata».

«Le persone tendono a pensare che entanglement quantico significhi che se io scuoto una particella potrò vedere l’effetto su un’altra particella, ma non è così», ha dichiarato. Niente indica che un’informazione possa essere comunicata attraverso l’entanglement, o almeno, non per come noi pensiamo a ‘un’informazione’ nell’ottica della fisica classica.

Per l’informazione tradizionale, c’è un sistema binario composto da bit, che accetta solo due valori: 0 o 1. «Un bit quantico (abbreviato in qubit) può considerare nello stesso tempo i valori 0 e 1», spiegano Martin e Carminati. I qubit sono nella superposizione di entrambi gli stati nello stesso tempo.

Un primo passo avanti verso la raccolta dei dati è stato fatto nel 2008, quando gli scienziati hanno trasferito lo stato di superpotenza di un qubit a un altro. Martin e Carminati scrivono: «Supponiamo che i sistemi mentali inizialmente proposti da Freud, come l’inconscio, il preconscio, la coscienza, siamo formati da qubit mentali. Sono serie di qubit mentali. Questi livelli di coscienza sono legati in modo quantistico».

Il legame della mente cosciente con l’inconscio collettivo (delle persone con le quali abbiamo un legame affettivo, ecc.), potrebbe spiegare le coincidenze in cui la psiche di due o più persone sembrano collegate. Ma la mente cosciente è anche legata alla materia, dicono, spiegando così le coincidenze che vedono il mondo fisico comportarsi come uno specchio dei nostri pensieri.

«Si potrebbe vedere il sincronismo tra la sfera mentale e quella materiale, come una conseguenza dell’entanglement quantistico tra mente e materia. Per noi la sfera mentale e quella materiale della realtà saranno gli aspetti, o le manifestazioni, di una realtà sottostante in cui mente e materia non sono separati». I due studiosi ritengono che l’esistenza del sincronismo rigetti il punto di vista strettamente materialistico: «La proiezione della nostra soggettività nell’ambiente in cui viviamo (cioè i fenomeni di sincronismo), secondo la meccanica quantistica, respinge l’ipotesi locale (‘ogni persona è un pezzetto di spazio-tempo’), e anche l’ipotesi realistica (‘l’oggetto ha una realtà ben definita e indipendente dal soggetto che lo osserva’)».
Comportamento collettivo, globale

Martin e Carminati concludono con un riferimento al condensato di Bose-Einstein (Bec). L’Enciclopedia Britannica definisce il Bec come «uno stato di materia in cui atomi separati o particelle subatomiche, ad una temperatura vicina allo zero… si fondono in una singola unità quantistica». Martin e Carminati scrivono: «Per finire, lasciateci menzionare l’effetto quantistico che può avere un’importante conseguenza nei fenomeni mentali, per esempio la consapevolezza (per la comparsa della coscienza). È il condensato di Bose-Einstein, in cui ogni particella perde la sua individualità a favore di un comportamento collettivo, globale».

4 commenti:

Anonimo ha detto...

Non sempre è vero! Ad esempio a volte penso continuamente e con intensità che alcuni miei nemici muoiano,ma questo non succede mai ed anzi stanno sempre in buona salute e le cose vanno loro a gonfie vele.

Luca Orlando ha detto...

Concordo pienamente con Anonimo anche se in fondo non auguro niente di male a nessuno.. anche se fosse il mio peggior nemico.

Dico che imizialmente il mio inconscio opera con metodi istintivi e naturali, senza l'implicazione dello stato razionale.. ma successivamente, quando questo stato si dissolve per ovvi motivi di assorbimenti psicofisici, la Ragione e il mio essere Consapevole della propria personalità bonaria e comunque positiva del mio carattere psicogenetico e mentale.. ha la meglio sugli Istinti e l'Irrazionalita' passeggera.
E per Fortuna!

Anonimo ha detto...

A dir la verità trovo il testo complicato vista la mia ignoranza alla fine quello che è vero e che c'è una sorta di coscienza collettiva o di spazio collettivo dove tutti abbiamo accesso ma non riusciamo o non vogliamo sempre entrarci. Vorrei capire perché a volte si pensa a una persona e la persona ti chiama ??

Anonimo ha detto...

Perché, o pensi a quella persona perché hai percepito che ti sta chiamando o quella persona
ha percepito che tu la stai pensando e gli è sovvenuto di chiamarti.
e forse anche altre motivazioni.

NUOVA ZELANDA: LAMPI DI LUCE SQUARCIANO IL CIELO DURANTE IL TERREMOTO!!!