8 gennaio 2016

Il Segreto della Salute: L'EQUILIBRIO TRA ACIDITA' E ALCALINITA'


Una gran varietà di patologie trae origine da un organismo eccessivamente acido, ma ripristinando il corretto equilibrio è possibile recuperare uno stato di salute ottimale.



L'equilibrio del pH è la chiave per vivere una vita sana e piena di energia.
I concetti di salute e guarigione si basano sulla nozione di equilibrio. Si è in equilibrio soltanto quando, internamente, c'è equilibrio tra acidità e alcalinità. Questo equilibrio è l'equilibrio più cruciale dell'organismo ed è essenziale per garantire salute, energia e vitalità. Tutti i meccanismi fisiologici (tra cui la respirazione, la circolazione, la digestione e la produzione di ormoni) funzionano sinergicamente per mantenere il delicato equilibrio interno tra acidità e alcalinità.

Questo equilibrio si basa sul principio acido/alcalino, più comunemente noto come equilibrio del pH fisiologico. Nei suoi libri il Dr. Robert O. Young (massimo esperto mondiale sul potere dell'alcalinizzazione) spiega che la relazione tra acidi e basi (sostanze alcaline) è quantificata scientificamente su una scala conosciuta come "pH" (che letteralmente significa potenziale di idrogeno).

Questa scala è usata per misurare quanto una sostanza sia acida o alcalina. Il corpo umano è costituito per più del 70% da acqua e cosi è possibile misurare il pH dei suoi vari fluidi.

– un pH inferiore a 7 indica una soluzione acida
– un pH uguale a 7 indica una soluzione neutra
– un pH superiore a 7 indica una soluzione alcalina

Pertanto, più basso è il pH e più è acida la sostanza in esame. Affinché la vita sia possibile, il nostro organismo deve mantenere costante il pH del sangue a 7,365.

Per comprendere meglio il rapporto acido-basico, sappiate che c'è un valore normale di pH corrispondente alle varie parti del corpo (ad es. i fluidi extracellulari, intracellulari e il plasma). Il valore del pH si può misurare dalla saliva o dalle urine, ma l'indicatore più importante è il pH del sangue.
Per una buona salute questo rapporto tra acidità e alcalinità dovrebbe sempre rimanere costante, sebbene possano verificarsi condizioni troppo acide (situazione assai frequente) o troppo basiche (condizione abbastanza rara). Affinché l'equilibrio vitale delle cellule si possa mantenere, il loro nucleo deve presentare una reazione acida ed un citoplasma alcalino. Questa differenza è fondamentale, in quanto permette lo scambio di nutrimenti e informazioni tra nucleo e citoplasma. Solo in presenza di una differenza può avvenire uno scambio, la batteria fornisce corrente proprio perché i suoi poli hanno un potenziale elettrico differente.

Se l'ambiente in cui vivono le cellule diventa molto acido, questa acidità penetrerà all'interno delle cellule alte-rando il pH del nucleo e creando i presupposti per quei fenomeni incurabili che vengono comunemente chiamati "malattie da degenerazione cellulare".

TROPPA ACIDITÀ = PROBLEMI

Se esiste un problema di salute, si è quasi sempre in presenza di troppa acidità. Le ricerche indicano che se il livello di pH del corpo non è leggermente alcalino, il corpo non riuscirà a guarire. Per cui indipendentemente dal tipo di modalità scelta per guarire un problema di salute, la cura incomincerà ad avere effetto soltanto in un ambiente alcalino, dato che è l'ambiente alcalino che favorisce la guarigione. Se il livello del pH nel corpo non è in uno statostato di equilibrio, non è possibile assimilare efficacemente le vitamine, i minerali o altre sostanze supplementari.

Il livello del pH nel corpo ha una funzione determinante per il benessere totale dell'organismo e deve quindi essere correttamente bilanciato. L'alcalinità dell'ambiente interno è l'elemento cruciale, infatti le ricerche scientifiche hanno ampiamente dimostrato che le malattie non possono sopravvivere in un ambiente alcalino, mentre prosperano in un ambiente acido.

"Gli infiniti nomi che diamo alle malattie non hanno alcun valore. Ciò che davvero conta è che derivano tutte dalla stessa causa... troppe scorie acide nel corpo!"

— Dr. Theodore A. Baroody

"Può sembrare strano che tutte le malattie derivino dalla stessa causa, qualsiasi siano i sintomi, ma questa è la pura verità."
— Dr. William Howard Hay

"Esiste soltanto una malattia, e quella malattia è l'acidosi del corpo causata principalmente da un modo sbagliato di vivere, di pensare e di mangiare... quindi può esserci soltanto un rimedio e un trattamento: alcalinizzare il corpo e ripristinare l'equilibrio, ritornando in questo modo ad avere l'energia, la vitalità e quella vera salute che noi tutti abbiamo il diritto di avere."
— Dr. Robert O. Young

La troppa acidità inibisce la capacità dell'organismo di assimilare le sostanze nutritive, produrre nuove cellule, depurare e riparare i tessuti danneggiati; per giunta un ambiente acido favorisce lo sviluppo di cellule tumorali ed aumenta il livello di suscettibilità all'affaticamento e alle malattie. L'eccessiva acidità è determinata da diversi fattori, tra cui le emozioni negative (collera, preoccupazione, paura, stress), alcol, aceto, caffè, zucchero, sigarette, proteine animali, oli cotti o frazionati, cibi trattati, carboidrati raffinati, mancanza di riposo e di esercizio fisico, respirazione superficiale, sostanze chimiche, farmaci, inquinamento, radiazioni, reazioni del sistema immunitario, sovraccarico di tossicità, eccessiva alimentazione o qualsiasi altro processo che impedisca la somministrazione dell'ossigeno e delle altre sostanze nutrienti alle cellule.

Che valore ha un pH fisiologico corretto?
Valore ottimale dell'urina alla mattina: pH 6,4 – 6,8
Valore ottimale della saliva: pH 7,0 – 7,4

Il livello del pH dei fluidi interni dell'organismo influenza ogni cellula del corpo umano.

Il livello ottimale del pH del sangue ha un valore intorno a 7.4 (7.36-7.45).

L'indice di valori che va da 7.36 a 7.45 è di vitale importanza per il benessere dell'organismo umano. Il corpo farà di tutto per mantenere la natura leggermente alcalina del sangue. Così come una variazione della temperatura corporea (anche di un solo grado) può avere immediate conseguenze sulla persona, provocando stanchezza e malessere, una variazione del pH verso valori acidi comporterà una riduzione del livello di ossigeno. Quando ciò accade, il metabolismo cellulare si blocca e le cellule incominciano a morire.

Quando il pH del sangue diventa troppo acido, il corpo è più vulnerabile alle malattie degenerative perché batteri e virus entrano facilmente in un ambiente acido e iniziano a proliferare. Così come il fuoco ha bisogno di ossigeno per bruciare, i virus e i batteri necessitano di un ambiente acido per svilupparsi e moltiplicarsi. I sintomi che caratterizzano questa fase di squilibrio sono: mal di testa, allergie, indolenzimento e dolori lombari. A causa dell'eccesso di acidità il valore del pH medio del corpo può scendere a valori molto bassi tipo 5-5,5. Il corpo compensa questo squilibrio con i minerali basici che sottrae dalle vene, dal tessuto connettivo, dalle ossa, dalle cartilagini, dai legamenti, dai denti, dal cuoio capelluto. La quantità di minerali presente nel corpo viene così ridotta; se si usano più minerali di quelli che vengono introdotti nel corpo, a lungo andare quest'ultimo rimane senza risorse.

Quando il sangue diventa troppo acido l'organismo prelevai minerali alcalinizzanti (calcio, potassio, sodio e magnesio) dalle ossa, dai muscoli e dalle cellule di tutti i tessuti. A causa di un'acidosi prolungata, le riserve di minerali nel corpo incominciano ad esaurirsi fino al punto in cui il tessuto connettivo si indebolisce (cellulite), la consistenza delle ossa diminuisce (osteoporosi), i denti si cariano o cadono (paradentosi), i capelli cadono, le articolazioni diventano dolenti (reumatismi, gotta, artrosi), le infezioni da funghi si moltiplicano (al piede, alle unghie, agli organi genitali) e questo solo per citare alcuni sintomi.

In presenza di acidosi il metabolismo non funziona correttamente. Diversi processi metabolici non possono avvenire in un ambiente troppo acido. L'acidosi causa inoltre un aumento di microrganismi patogeni che producono le cosiddette "malattie". Germi e batteri possono infatti vivere solo se hanno a disposizione un "terreno" adatto; ovvero ACIDO.
Un altro espediente che il corpo usa per liberarsi degli acidi in eccesso è quello di espellerli attraverso la pelle, causando effetti come eczema, acne, foruncoli, mal di testa, crampi muscolari, indolenzimento, gonfiore, irritazione, infiammazione e dolori vari. Se i sintomi vengono curati con medicinali e antibiotici, il sangue diventa ancora più acido. L'aumentare di questo squilibrio fa insorgere patologie ancor più gravi, dall'obesità alle cardiopatie, all'artrite, al cancro. Inoltre se il pH del sangue è acido, si tende a invecchiare più precocemente e risulta più difficile mantenere un aspetto giovanile e una forma fisica snella e dinamica.

I segnali e i sintomi che denotano la presenza di un ambiente acido nel corpo includono:

– Stanchezza cronica
– Stress eccessivo
– Dolori cronici
– Confusione mentale
– Crampi alle gambe e dolori muscolari
– Cattivo umore
– Disfunzioni renali
– Difficoltà a perdere peso
– Malessere
– Mal di testa
– Dolori mestruali
– Facili contusioni
– Improvviso aumento di peso
– Stitichezza
– Raffreddori frequenti
– Problemi epidermici
– Dissenteria/Stipsi.

In presenza di eccesso di acidità, gli acidi incominciano ad accumularsi negli organi e nelle cellule. I tessuti connettivi delle cellule muoiono, e morendo tagliano i legami cruciali tra i vari sistemi fisiologici del corpo e il resto delle cellule e degli organi. Le cellule del sangue iniziano così a sfaldarsi rilasciando sostanze organiche. A questo punto, dato che le cellule del sangue sono danneggiate, una minore quantità di nutrienti verrà fornita all'organismo e meno ossigeno verrà fatto circolare dalle cellule stesse nel
sangue. Il corpo adesso fa molta più fatica ad eliminare le scorie. Ciò costringe l'intestino a riassorbire in sé la parte non eliminata, che va poi di nuovo in circolo nel flusso sanguigno e negli organi principali dell'organismo.

Poiché il corpo cerca comunque di neutralizzare gli acidi nel sistema, inizierà a prendere nutrienti vitali dalle ossa, dalle cellule e dai tessuti per compensare la mancanza di minerali alcalini. Se non viene fornita una quantità sufficiente di minerali alcalini, il corpo inizierà inoltre ad attingere dalle riserve di sodio presenti nel fegato e ad utilizzare il calcio presente nel flusso sanguigno. Se una quantità eccessiva di acidità continua a circolare nell'organismo, il corpo attingerà calcio dalle ossa per tamponare l'eccesso di acidità. Gli effetti della troppa acidità non tarderanno a provocare dolori, malanni, allergie e malattie.

Le nostre abitudini alimentari quotidiane hanno un impatto decisivo sull'indice di valori del pH. Le persone con valori eccessivi di acidità sono costantemente stanche e appesantite, facili vittime di raffreddori, virus e allergie. Hanno poca energia e in compenso molti dolori e malanni. Un ambiente acido all'interno del corpo crea un terreno favorevole per la proliferazione di batteri e virus.

I sintomi delle malattie, le emicranie, la febbre e gli indolenzimenti vari sono tutte indicazioni del fatto che il corpo sta cercando di ripristinare il suo stato di equilibrio normale.
Quando il pH fisiologico è alcalino, il corpo funziona al massimo delle sue potenzialità, fornendovi energia, forza e vitalità. Quando si crea un ambiente alcalino, il corpo ha la capacità di rigenerarsi da sé in modo facile e veloce. La completa guarigione dalle malattie avviene quando i valori del pH vengono riportati a valori normali. Così l'indice metabolico si regolarizza, il colesterolo si abbassa, e la pressione sanguigna torna stabile. Quando il pH fisiologico è in equilibrio, il corpo è sano e pieno di vita: ti senti energico, forte e vigoroso.

Se una quantità eccessiva di acidità continua a circolare nell'organismo, il corpo attingerà calcio dalle ossa per tamponare l'eccesso di acidità.

In presenza di un pH alcalino si osserva che:

– Il metabolismo dei grassi funziona correttamente e la quantità 
di glucosio presente nel sangue è controllata regolarmente
dall'insulina. 
– L'ossigeno affluisce correttamente ai tessuti per espellere tossine
e prevenire l'invecchiamento precoce. 
– Il sangue scorre fluido nelle arterie e in tutto il sistema 
cardiovascolare.
– La pressione sanguigna è stabile e regolare.
– Il processo di invecchiamento viene rallentato.
– L'attività elettrolitica è corretta.
– Ci si sente più forti e vitali, grazie alle numerose riserve di 
energia.
– I valori del colesterolo si normalizzano e non si formano placche.
– Il calcio viene assorbito in modo adeguato, così da prevenire 
osteoporosi e osteoartriti.

L'acidità è la vera minaccia: la causa principale di una moltitudine di malattie e malesseri. Praticamente tutti i dolori, le patologie e i disturbi sono dovuti ad un eccesso di acidità del sangue; questo è spesso il risultato di un'assunzione eccessiva di proteine, specialmente quelle animali (carne, pesce, pollame, salumi e formaggi). L'effetto a lungo termine di una dieta a base di proteine animali è sempre deleterio per la salute; crea infatti un accumulo di scorie acide che acidificano l'organismo creando disturbi e malattie. È sempre più risaputo il fatto che molte malattie si sviluppano a causa di una condizione di acidosi cronica che porta ad una riduzione delle funzioni organiche ed ad un abbassamento della resistenza dell'organismo. A questoquesto riguardo il Dr. George W. Crile, uno dei più famosi chirurghi del mondo, dice: "Non esiste la morte naturale. Tutti i casi così definiti sono soltanto il punto finale di una progressiva acidificazione dell'organismo."

L'acidosi, infatti, precede e causa le malattie. Anche un corpo originariamente sano alla fine soccombe alla malattia quando la sua stessa produzione di acido si accumula ad un punto tale in cui non può più opporvi resistenza e, conseguentemente, diventa suscettibile ai germi, al freddo, alla fatica o all'esaurimento nervoso. Quando il livello di tossine nel corpo raggiunge il massimo livello tollerabile, l'organismo inizia un'azione di pulizia che può prendere varie forme, tra cui: diarrea, mal di testa, raffreddore, eruzioni della pelle, ascesso, foruncoli, reumatismo, infiammazione degli occhi o altri organi, catarro, sensazione di freddo, febbre e tutti gli altri sintomi associati alle varie malattie. Ma tutte queste problematiche hanno un'origine comune: un accumulo di rifiuti e residui acidi nel corpo.

Purtroppo la maggior parte dei cibi e delle bevande che consumiamo crea acidità, specialmente i pasti veloci come quelli offerti dai fast-food e gli alimenti precotti. Anche i dolci e i dessert creano acidità così come anche il
caffè, il vino e la birra.

"Tutte le morti sono dovute alla progressiva situazione di acidità organica."
— Cee W. Crile M.D.

Appena ci accorgiamo dei primi sintomi di un qualsiasi disturbo, dobbiamo subito agire in modo da ripristinare lo stato di equilibrio. Basando la vostra alimentazione su cibi alcalini ed evitando il consumo di cibi troppo acidi, sarete in grado di alcalinizzare il vostro corpo e mantenerlo nel giusto equilibrio.

L'autore:
Matt Traverso ha scritto il libro La salute è una scelta. Scegli di star bene, dal quale è tratto e adattato questo brano. Esperto internazionale di salute e benessere, ritiene che la consapevolezza e la conoscenza di ciò che sta alla base della salute e della malattia, di cosa succede quando ci alimentiamo in un certo modo o prendiamo un farmaco, sia la condizione necessaria per un cambiamento radicale della nostra vita verso la salute e la longevità. La medicina del futuro, infatti, non si baserà sui farmaci, ma sullo stile di vita. 

Tratto da facebook

Nessun commento:

L'ORIGINE OCCULTA DELLA CRISI ECONOMICA CHE NESSUNO VEDE...(VIDEO)